LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ecco la maxi-guaina per difendere piazza San Marco dallacqua alta
Alberto Zorzi
Corriere del Veneto 6/5/2018

VENEZIA. Dovevano iniziare a fine febbraio, poi dopo Pasqua. Ora, dopo qualche inghippo anche burocratico, il cantiere per limpermeabilizzazione del nartece (cioè lingresso) della Basilica di San Marco, uno dei punti più bassi di Venezia che va sotto acqua già con 65 centimetri di marea, dovrebbe partire il 15 maggio: in sei mesi la Renzo Rossi Costruzioni (per la parte delle opere civili) e la Ecf (per gli impianti) installeranno delle valvole per chiudere i gatoli (i cunicoli attorno alla basilica per scaricare la piovana) in caso di alta marea, per evitare la risalita dellacqua. Questo è il primo step e in questo modo si taglieranno il 70 per cento delle acque alte di San Marco, ma comincia a prendere forma anche lintervento principale, quello che porterà allimpermeabilizzazione dellintera piazza. I primi disegni del progetto a cui stanno lavorando le imprese Thetis e Kostruttiva sono comparsi nei giorni scorsi nel bilancio della prima, approvato giovedì dal nuovo cda.

Lipotesi progettuale allo studio è quella di inserire delle guaine verticali lungo il perimetro della piazza, per evitare che lacqua entri sotto terra. Ci saranno poi due sistemi per intercettare lacqua e altrettanti cunicoli: uno primario, che dovrà prendere lacqua dei gatoli e portarla fuori, quello secondario dedicato invece alle acque interne. Anche in questo caso visto che i lavori degli anni scorsi del Consorzio Venezia Nuova hanno portato le rive a quota 110 centimetri, la quota a cui si alzerà il Mose lobiettivo è impedire allacqua di risalire da sotto, come sa bene chiunque labbia vista ribollire dai tombini in caso di alta marea. Un primo progetto era stato già realizzato ventanni fa dal Consorzio allora guidato da Giovanni Mazzacurati, ma il costo superava i 50 milioni di euro: troppo, tanto che era stato poi tenuto in stand-by. E stato il nuovo provveditore alle opere pubbliche Roberto Linetti a volere fortemente che ripartisse lidea, anche perché quando il Mose entrerà in funzione sarebbe difficile far capire perché, a fronte di 5 miliardi e mezzo spesi, la piazza centrale della città continua ad andare sotto acqua.

La progettazione è stata affidata a Thetis e Kostruttiva, che in questa prima fase sono impegnate nellipotesi di fattibilità del progetto: ora è previsto un confronto con gli enti e le categorie, poi si passerà al progetto definitivo e quindi, dopo lestate, a quello esecutivo. E ancora presto per un preventivo preciso, ma il costo finale dovrebbe essere tra i 20 e i 25 milioni di euro, dunque ridotto alla metà rispetto al progetto di 20 anni fa.




news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news