LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Archeologia e polemiche. Napoli. Fuksas: il tempio sotto la metro fu troncato in due
Mirella Armiero
Corriere del Mezzogiorno - Campania 8/5/2018

Il tempio che si trova sotto la Stazione Duomo? Lhanno tagliato in due. I problemi iniziano tutti da lì. Massimiliano Fuksas ha le idee chiare. Il suo atto di accusa alla metropolitana di Napoli, affidato a unintervista rilasciata al Corriere del Mezzogiorno , ha un seguito. Non solo la Stazione da lui progettata è stata modificata senza il suo permesso, ma larchitetto parla anche di danni al patrimonio culturale.

Massimiliano Fuksas ha le idee chiare. Il suo atto di accusa alla metropolitana di Napoli, affidato a unintervista rilasciata al Corriere del Mezzogiorno , ha un seguito. Non solo la Stazione da lui progettata è stata modificata senza il suo permesso, ma larchitetto parla anche di danni al patrimonio culturale. Di che si tratta? Risale al 2003 linizio dello scavo in piazza Nicola Amore, mentre un anno dopo sono stati ritrovati i resti di un edificio pubblico di età augustea, una fontana con graffiti e lingresso del Gymnasium, con colonne, frammenti del frontone e parti del pavimento a mosaico, nonché la struttura muraria di una scalinata. Infine, durante la realizzazione delle paratie strutturali, viene rinvenuta la prima metà del podio del tempio. A oggi è lunica parte visibile, perché il tempio è stato troncato in due e la seconda parte non è stata mai riportata alla luce, spiega Fuksas.

Nel 2004 larchitetto presenta il progetto preliminare, che prevede il completamento degli scavi per far riemergere la seconda porzione di tempio. Laccesso ai treni è studiato con un sistema di scale mobili, quelle stesse che oggi sono state sostituite da ascensori. La verità è che non hanno mai avuto intenzione di tirare fuori la seconda parte delledificio. E nemmeno volevano che noi venissimo a controllare i lavori. Allo Studio Fuksas siamo abituati a seguire fino alla fine la realizzazione delle opere, come è accaduto per esempio nellaeroporto di Shenzen, concluso in tre anni. Solo qui il lavoro va avanti da più di dieci e anni e i committenti nemmeno vogliono il nostro parere.

Nel 2012, intanto, Fuksas progetta una variante del disegno originario, su richiesta della metropolitana. Si introduce la deviazione del traffico sul lato sud di via Duomo per ricavare unarea pedonale ed è sempre previsto il completamento degli scavi archeologici. Un anno fa ripartono le attività del cantiere che era stato bloccato dalla sovrintendenza e i committenti decidono di aprire una prima parte della stazione entro il marzo 2019 per non incorrere nella revoca del finanziamento. Per questo vengono inserite nel piano alcuni lavori temporanei. Ma il progetto in corso di realizzazione risulta diverso dal progetto esecutivo dello Studio Fuksas: la cupola vetrata e lassetto viario sono stati modificati ed entrano in conflitto con il progetto originale. E la parte di tempio sepolta resta sotto terra.

Conclusione: Fuksas diffida legalmente la metropolitana. Ma non accade nulla, i lavori vanno avanti.

Sarà, come dice Il Mattino in un articolo pubblicato ieri, una questione di soldi? Larchistar vuole un aumento del compenso? Ma che assurdità! replica Fuksas. Se ritiro la firma è per una questione professionale, non la lascerei nemmeno se mi pagassero centomila euro in più. Lo ha capito bene un collega che io stimo molto, Francesco Venezia, intervistato dal Corriere. È naturale però, prosegue, che se mi chiedono una variante me la devono pagare. Ho realizzato già diversi progetti gratuiti e so che spesso vengono sprecati, come mi è accaduto per i Fori Imperiali a Roma, ai tempi del sovrintendente La Regina. Il progetto è stato accantonato e un grande e prezioso plastico in terracotta regalato per una mostra al Colosseo è stato addirittura rottamato senza dirci nulla. Ne ho abbastanza di queste vicende. Ma non saranno solo piccolezze le varianti al progetto napoletano? No, non si tratta di pochi centimetri. Il progetto è stato davvero stravolto.



news

21-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 21 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news