LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

In Calabria il pino più antico d'Europa. "Italus non è solo: con lui altri testimoni millenari della nostra storia''
di FABIO MARZANO
11 maggio 2018 LA REPUBBLICA

Nel Parco nazionale del Pollino l'highlander vegetale, un pino loricato di 1230 anni. Supera di quasi 200 anni il record di Adone, albero della stessa specie scoperto nel 2016 in Grecia. E nonostante l'età, oggi ha ripreso a crescere

È IN una località che per ora deve rimanere segreta, a pochi metri dal confine con la Basilicata. Si è rifugiato su una fascia rocciosa a quasi duemila metri di quota per sfuggire alla mano delluomo e vivere in santa pace per oltre un millennio. Siamo in Calabria, nel Parco nazionale del Pollino, una delle aree più incontaminate dEuropa e qui, da 1230 anni questalbero ha osservato dallalto la natura che cambia.

E' il pino loricato più antico d'Europa, scoperto dopo quattro anni di studio sul campo da Gianluca Piovesan, professore ordinario di scienze forestali allUniversità della Tuscia che ha capitanato un gruppo di ricerca a cui hanno collaborato gli studiosi del Parco nazionale del Pollino e dell'Università del Salento.

"Lo abbiamo chiamato Italus in memoria del re di Enotria che governava questa regione a cavallo tra letà del bronzo e quella del ferro spiega Piovesan Una delicata fase di passaggio dalla pastorizia nomade agli insediamenti agricoli". Questo highlander vegetale è alto più di dieci metri e con un diametro di 160 centimetri. Poco in confronto ad altri esemplari monumentali ma la sua età supera di quasi 200 anni il record di Adone, un pino della stessa specie scoperto nel 2016 da un team internazionale di scienziati nella regione del Pindo a confine tra Grecia, Albania e Macedonia. La ricerca su Italus sarà pubblicata nelle prossime settimane su Ecology, la prestigiosa rivista della Ecological Society of America.

Per datare Italus è stato necessario sperimentare un metodo innovativo che ha affiancato la conta degli anelli, che permettono di risalire alletà dellalbero, con lanalisi al radiocarbonio. "L'albero ha un tronco cavo e non è stato possibile eseguire la classica ricerca dendrocronologica. - continua Piovesan - In assenza del midollo, abbiamo prelevato otto campioni di legno dalle radici, del peso di qualche milligrammo, e seguendo la cronologia degli anelli presenti nellapparato radicale dellalbero li abbiamo sottoposti alla datazione al radiocarbonio".

Una volta entrato nellacceleratore di particelle del Cedad, il Centro di fisica applicata, datazione e diagnostica dellUniversità del Salento guidato da Lucio Calcagnile, Italus si è rivelato una miniera di informazioni. "Abbiamo un testimone di quello che è avvenuto in quellarea negli ultimi 1300 anni. - spiega Gianluca Quarta, il fisico nucleare del Cedad che ha seguito i test - Grazie a questi campioni oggi possiamo ricostruire, per esempio, i diversi picchi dellattività solare, un fenomeno che in questa regione non è mai stato studiato dal punto di vista cronologico".

Italus, nonostante gli acciacchi delletà, oggi ha ripreso a crescere. "I fattori ambientali responsabili di questa risposta sono ancora in fase di studio ma questo comportamento non è sorprendente poiché negli alberi linvecchiamento non è programmato come nel Dna umano e sono potenzialmente immortali" spiega Giuseppe Melfi, direttore del parco nazionale del Pollino. E pare che questalbero sia parte di un'allegra brigata di vegliardi. "Oltre a Italus riteniamo che in questarea ci siano altri suoi fratelli millenari. - aggiunge Giuseppe De Vivo, responsabile delle attività scientifiche del Parco È probabile che questi alberi si siano rifugiati sul promontorio del Pollino per sfuggire ai cambiamenti climatici e che si siano adattati a unaltitudine che sfiora i duemila metri grazie alle cosiddette piogge occulte generate in alta quota dalle nebbie e dovute dallazione fisica delle correnti marine".

"È sorprendente come in un territorio come quello italiano con paesaggi di antica trasformazione siano tuttavia rimasti tratti di natura praticamente selvaggia dove gli alberi seguono il loro ciclo naturale" aggiunge Piovesan che è ritornato su queste montagne a distanza di oltre un secolo dal suo bisnonno, reduce dellassedio di Macallè che aveva trovato lavoro proprio sul Pollino come boscaiolo per lindustria ferroviaria. "Ambienti come le pinete rupestri di loricato o i boschi vetusti meritano una tutela particolare, conclude lautore della ricerca - poiché svolgono un ruolo insostituibile nella biologia della conservazione e quindi nello sviluppo sostenibile".



news

25-05-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 25 maggio 2018

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

Archivio news