LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino, Po. Da sei anni si cerca una soluzione per ridare vita alle arcate sul fiume
Paolo Coccorese
Corriere della Sera - Torino 14/5/2018

Dal 2015 è fermo il progetto di rilancio

Nel deserto di cemento e muri sporchi di graffiti, lunico rumore è quello che spunta fuori dal pesante portone di legno delle arcate numero 81-93. Altro che musica da discoteca. È il trambusto di un cantiere che va a passo svelto per una rinascita tuttaltro che scontata in questo Lungopò dove venerdì 15 giugno è stata fissata linaugurazione di Bomaki. Ristorante nippobrasiliano che si presenterà a Torino portando in dote qualcosa di più di una cucina esotica, ma il ritorno, o meglio il brandello, di quella movida ricordo lontano in questi Murazzi dove a regnare è il silenzio da sei lunghi anni. Eredità dei sequestri, è vero. Ma forse ancora di più di una politica incapace di costruire un concreto piano di rinascita di un luogo che rendeva unica la nostra città.

Cinque anni fa, quando un gruppo di artisti, localari, baristi e torinesi comuni sfilarono per la città dietro un bara eletta simbolo del funerale (di protesta) dei Muri, venne coniata una definizione che rimane impareggiabile. Coserano i Murazzi? Un chilometro di vita. Fino al 2012 quando le 13 discoteche (tra cui Giancarlo, Le Arcate 35, Splash, Alcatraz, Puddhu Bar, Jam, Pier, Olè Madrid, solo per citare le più famose) furono cancellate dallonda di una piena giudiziaria fatta di scandali, sequestri e uninchiesta della Procura che puntava alla politica (con lex sindaco Chiamparino indagato) che si è risolta senza colpevoli. Lasciandosi però alle spalle quel silenzio che ha avvolto le arcate che facevano innamorare i turisti, lavorare centinaia di persone e dormire poco i residenti. Cancellando anche lUrlo dei Murazzi, il ringhio di quella città tiratardi, selvaggia e giovanile, decifrato da Peppo Parolini.

Martedì scorso, lassessore al Commercio, Alberto Sacco, ha incontro gli otto vincitori del bando del Comune che nel 2015 ha messo a gara i vari lotti del Lungopò, con lassicurazione di farli rivivere non solo con le discoteche, ma anche con bistrot, caffé, coworking, pizzeria. In questi anni abbiamo investito molto denaro per costruire dei progetti in linea con le richieste dei tanti enti che hanno voce in capitolo. Ma, purtroppo, siamo ancora bloccati: se entro settembre non avvieremo i lavori, siamo pronti a restituire le chiavi. Un ultimatum quello di Filippo Camedda, il rappresentante degli esercenti dei nuovi Muri che questanno volevano ripartire almeno con un Punto verde: un calendario di eventi, concerti e djset da organizzare durante lestate. Ma il Comune ha bocciato lidea dice Camedda per via delle troppe prescrizioni sulla sicurezza.

Falsa partenza. Ma almeno questa volta si è evitato il tradizionale balletto degli annunci rimasti lettera morta. Lanno scorso era toccato allassessore Sacco presentare un punto verde che non è stato realizzato, lanno prima, in campagna elettorale, allex sindaco, Piero Fassino. Ma oggi una novità è in cantiere. E ha il gusto della cucina melting pot di Bomaki a base di uramaki del Giappone e cocktail brasiliani. Attendiamo alcuni autorizzazioni, ma puntiamo ad aprire il 15 giungo. Linvestimento? 250mila euro. Faremo 300 coperti al giorno partendo dallaperitivo, dicono da Bomaki. Che aggiungono: È vero saremo gli unici aperti. Ma ci crediamo. Avremo dei vigilantes per la sicurezza. E, non monteremo dei dehors fissi, ma tavoli e ombrelloni.

Dopo due anni di discussioni, è stato risolto il rebus che ha bloccato i progetti dei nuovi Muri. Nel 2016, a pochi giorni dallapertura dei cantieri per riportare la movida ai Murazzi, lAipo, ossia lAgenzia Interregionale del Po, bocciò i sei dehors che dovrebbero nascere sulla banchina. I commissari del fiume posero un divieto inatteso: le strutture esterne di discoteche e ristoranti non possono essere fissi, ma smontabili in meno di sei ore per evitare pericoli in caso di piena. Siamo stati costretti a progettare strutture ad hoc. Costeranno 40mila euro a modulo. Un salasso: alcuni locali ne contano ben sei. Nonostante laiuto del Comune che ha promesso di compensare le spese in caso di smontaggio fino al termine delle concessioni.

Parlare di denaro è necessario per comprendere le fragilità di questo piano di rilancio voluto dallex sindaco Fassino nel 2015. La Città ha congelato i canoni - perdendo 300 mila euro allanno che dovrebbero pagare gli otto assegnatari delle arcate che promettono di fare causa al Comune in caso di addio al progetto. Una stop ai pagamenti in attesa della concessione di tutti i permessi imposti dalle autorità (Aipo, ma anche Sovrintendenza) che hanno voce in capitolo sul progetto.

Ma risolta la grana dehors, è lunga la serie di incognite che minano una rinascita che sta diventando un salasso per i concessionari. Oggi, sono state assegnate otto arcate (e non sono mai stati pubblicati i bandi di quelle culturali dedicate alle associazioni comprese quelle centro sociale Csa). Una è saltata. Ed è tramontato il progetto del negozio di canoe e bici elettriche per via dei ritardi e i danni provocati dalla piena che lanno scorso ha distrutto i battelli Valentina e Valentina. Riapriremo i locali nel 2019. Ho convocato un tavolo per trovare la soluzione a tutte le questioni, dice Alberto Sacco, assessore al Commercio. Lultima? La richiesta dei vigili del fuoco che pretendono un sistema per verificare laffluenza delle persone che accederanno al Lungopò. Domanda ancora senza risposta. La prima ipotesi è la costruzione di un sistema di tornelli per garantire la sicurezza delle nuove arcate. Soluzione che il Comune ha deciso di bocciare. Per evitare di trasformare i nuovi Muri in un luogo chiuso e poco accogliente rischiando di allontanare i giovani che, in questi sei anni di ritardi e polemiche, non hanno smesso di divertirsi. Ma hanno animato la vita notturna di San Salvario scatenando le proteste dei residenti.



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news