LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sicilia. Il ricettatore pianse
. Poi tagliò il Caravaggio
per poterlo vendere
Francesco Grignetti
La Stampa, 19/05/2018

Il capomafia aveva nascosto il grande quadro in una sua proprietà a Cinisi, vicino Palermo. Non centrava con il furto, ma siccome aveva scoperto quanto valeva, aveva preteso che gli fosse consegnato. E poi ci pensò lui a venderlo attraverso un ricettatore svizzero, uno che lo aveva già servito bene in altre occasioni. Il quadro era un famoso Caravaggio. Il capomafia, Gaetano Badalamenti, era il boss che decise la morte di Peppino Impastato. Lintermediario, un uomo già anziano, ricchissimo, grande conoscitore di arte. Si incontrarono a Cinisi e lì, davanti alla grande tela del Seicento, il ricettatore si commosse. Quasi un sussulto morale. O forse il brivido di avere messo le mani sulla preda più magnifica. Una scena degna di Caravaggio, con un malfattore che sembra toccato dal rimorso e il boia che ride di lui.
Il racconto del pentito
Cè un pentito di mafia, Gaetano Drago, che era un latitante al servizio del boss Stefano Bontade e aveva avuto lincarico di sovrintendere sui criminali di Palermo, che ha finalmente parlato. Ebbene, qualche giorno dopo il furto, Badalamenti lo mise in pista. Sentendo le persone giuste, Drago recuperò il Caravaggio. Badalamenti poi lo nascose in una sua proprietà e chiamò lintermediario dalla Svizzera. Questo vecchio - di cui non so precisare il nome ma che era molto anziano, sui settantanni e più - gli dice: Lo compro io, però sappiate che non si può vendere perché è di un valore inestimabile. Gaetano Badalamenti dice: E che te ne fai ? Lo divido. Ma come lo dividi ? Lo taglio. Dipende da quanti acquirenti trovo. Poi ho saputo, sempre tramite Gaetano Badalamenti, che questo quadro è stato tagliato in quattro parti e venduto. 
Il quadro, ancora intero, i mafiosi lo portarono a Lugano nascosto nel doppio fondo di un camion frigorifero. Gaetano Badalamenti mi dice poi che in Svizzera questo quadro è stato diviso, è stato venduto... Loro lì hanno dei collezionisti, persone che hanno dei musei privati e che se lo sono divisi in quattro, in pratica, per la megalomania di dire - e Gaetano Badalamenti non si capacitava - io ho un pezzo del Caravaggio. 
Lincontro finisce tra le lacrime dellesperto darte. Perché poi Gaetano Badalamenti mi ha fatto ridere. Dice: Stu scimunito... - detto in siciliano - guardava il Caravaggio... Mi ha chiesto il permesso di restare un po di più a guardarlo. Gli abbiamo dato una sedia. Gli sono spuntate le lacrime. Era appassionato proprio.
Il depistaggio
I carabinieri del Nucleo Tutela patrimonio artistico lo cercano da allora. Da cinquanta anni. E cera la convinzione che fosse una ricerca vana, perché un altro famoso pentito di mafia, Marino Mannoia, uno che diede un impulso decisivo alle indagini di Giovanni Falcone, aveva raccontato di averlo bruciato. Già, perché Mannoia era uno dei ladruncoli del 1969. Ma era falso. Mannoia aveva raccontato una bufala e ora, dopo avere depistato le indagini per trentanni, lo ha ammesso. Perché? Risposta del pentito: Ero stressato dalle situazioni... Avevano ammazzato i miei familiari... Con Falcone notte e giorno... Non si stancava mai Falcone ! Si è presentato un colonnello... E gli ho detto: Lho bruciato io personalmente. Per non essere più disturbato.
Cinquanta anni di ricerche
La vera storia del Caravaggio rubato, del ruolo di Badalamenti, e di come il mercante svizzero lo sezionò, è un dono della commissione Antimafia, presidenza Rosy Bindi. Sono i consulenti della commissione che hanno sentito tanti pentiti finché non hanno trovato quello giusto. Nel frattempo i carabinieri hanno sottoposto a Grado una serie di foto segnaletiche, e quello avrebbe riconosciuto il famoso intermediario svizzero, che nel frattempo è morto, ma magari si riuscirà a ricostruire chi erano i suoi clienti. Chissà.



news

24-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news