LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le lettere di Babet. Missive, diari, libri di conti, mappe sono tornati al Castello di Miradolo
Elisabetta Rosaspina
Corriere della Sera - Torino 19/5/2018

Settanta faldoni che documentano vicende e, forse, leggende di alcune delle più antiche casate piemontesi

Ci sono le lettere ufficiali e private di Babet, ovvero Maria Elisabetta Ferrero della Marmora (1790-1871), giovanissima vedova di Maurizio Massel, secondo marchese di Caresana, inviate da Chambery alla sorella Maria Cristina, sposata a Enrico Seyssel dAix, dama di corte della regina a Torino. Ci sono i suoi diari, i libri dei conti, i quaderni di ricordi dedicati ai figli nei primi anni di vita, gli atti di matrimonio, chili di corrispondenza con il resto della nobiltà piemontese, dal 1619 alla metà del 900; ma anche le mappe e i progetti del grande parco del Castello di Miradolo, a San Secondo di Pinerolo, così comera due secoli fa.

Dopo dieci anni di ricerche e di negoziati, Maria Luisa Cosso, presidente della Fondazione Cosso, e sua figlia Paola Eynard, vice presidente, ce lhanno fatta: buona parte del tesoro di Babet (e di Sofia di Bricherasio, ultima erede della stirpe) è tornato a casa, al maniero di San Secondo di Pinerolo. No, non si parla di argenti, pietre preziose, opere darte, arazzi o diademi. Quelli, purtroppo, sono quasi tutti perduti. Si parla di una settantina di faldoni che hanno rischiato il macero o loblio. Lì dentro, dove ora una giovane archivista medioevale, Valentina Fiò, si muove come un topo nel formaggio, sono documentate vicende e leggende di alcune delle più antiche dinastie piemontesi tra Casale Monferrato, Vercelli e Biella.

Ci vorrà tempo per esplorare la miniera di informazioni storiche, ma già qualche soddisfazione compensa limmenso lavoro della ricercatrice. Un faldone racconta il progetto della prima tranvia (mai realizzata). Le foto color seppia restituiscono immagini inedite dellepoca in cui si è sviluppato lalbero genealogico: Luigi Cacherano di Bricherasio, papà di Sofia, in costume, a un ballo in maschera a tema spagnoleggiante, organizzato dal re e dalla regina. Il fratello Emanuele, uno dei fondatori della Fiat, in divisa da tenente di cavalleria, prima della sua morte in circostanze oscure ad appena 35 anni. O la stessa Sofia ritratta con la madre Teresa Massel, il pittore Lorenzo Delleani, di cui fu allieva, e lo scultore Leonardo Bistolfi.

Un amico architetto ci ha fatto notare che sono state le donne a fare il destino di questi luoghi commenta Maria Luisa Cosso. Donne forti, come lei, che ha costituito la sua fondazione in memoria del padre e del fratello, scomparsi in un terribile incidente dauto. E che quasi 60 anni fa, ventiduenne, prese le redini dellazienda. A Sofia di Bricherasio piacerebbe sapere che una madre e una figlia hanno riportato in dieci anni (esatti, il prossimo giugno) allantico splendore la proprietà che aveva tanto amato. Morta nubile e senza eredi nel 1950, Sofia aveva pensato di fare bene lasciando tutto alla Piccola Opera della Divina Provvidenza di Don Orione; forse avrebbe approvato anche la trasformazione del castello in un luogo di preghiera, accoglienza e carità. Ma certo non avrebbe riconosciuto, mezzo secolo dopo, quelle rovine abbandonate.

Non avrebbe ritrovato nel terreno incolto le vestigia dei sei ettari di parco inglese ottocentesco, di gusto romantico, voluto dalla bisnonna Babet, né la magnifica Citroniera di mattoni e decorazioni neogotiche, convertita in mensa; e non avrebbe più trovato gli affreschi, le migliaia di piante rare, il canneto, le querce secolari, la vasca dei pesci rossi. Scomparsa ogni traccia della scuola Bandera, dove le ragazze più modeste imparavano a vivere con larte del ricamo. Via i caminetti, le armature, le carrozze, i servizi di piatti, i mobili, la biancheria. Tutto venduto, buttato o rubato. Maria Luisa Cosso e sua figlia Paola si sono rimboccate le maniche e sono partite alla ricerca di quanto fosse ancora possibile recuperare. Quel che non era stato disperso dellarchivio, era finito nei depositi della Curia.

Non è stata una trattativa veloce sorride Maria Luisa Cosso - ma, a settembre dellanno scorso, è parso chiaro a tutti che quei documenti appartenevano al Castello e ne abbiamo ottenuto la restituzione. Paola Eynard, che si è completamente dedicata al restauro del castello e del giardino, sospetta un aiuto ancor più altolocato: Camminiamo su un percorso che qualcuno traccia per noi. Se allude a Sofia, è forse per riconoscenza che presto riaprirà anche il suo atelier dartista.



news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news