LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei, laffresco di Adone ferito torna alla luce dopo duemila anni
Italo Ferraro
Corriere del Mezzogiorno - Campania 19/5/2018

A Pompei viene alla luce laffresco di Adone ferito, il primo del nuovo scavo in atto nella Regio V. Il soprintendente Osanna: Dipinto di gran pregio.

POMPEI. Sul tragico epilogo dellamore tra Venere e Adone si alza lentamente il sipario. Sulla parete della domus adiacente a quella di Giove, oggetto di scavo nella regio V dellantica Pompei, si delinea la scena. Si tratta del primo affresco a tema mitologico emerso dal buio dei secoli nellarea del cosiddetto cuneo, dove, grazie ai fondi del Grande progetto, è stato possibile aprire il primo importante cantiere di scavo dal Secondo dopoguerra ad oggi.

Millequattrocento metri quadrati, uninezia se paragonati ai 66 ettari complessivi della città romana. Eppure si tratta di un immenso contenitore di reperti di inestimabile valore che il materiale eruttivo ha protetto e tramandato fino ad oggi, uno scrigno di preziose informazioni sulla città, sepolta dalleruzione del 79 d.C, decodificabili grazie allimpiego di tecnologie sofisticate e, soprattutto, alla sensibilità e consapevo-lezza degli archeologi e tecnici attuali rispetto a quelle dei maldestri pionieri borbonici dellarcheologia europea. Con gli edifici, le pitture murarie, gli arredi, stanno infatti venendo alla luce anche le ferite inferte da questi ultimi. Pure laffresco riportato ieri alla luce ha rischiato di venire travolto nel Settecento, quando si iniziò a scavare senza alcun metodo scientifico, attraverso cunicoli casuali che hanno provocato danni irreparabili al patrimonio storico e artistico del sito. A pochi metri di distanza si possono ammirare alcune straordinarie decorazioni che ripropongono il rosso pompeiano originale, vivo, ardente, non attenuato dagli agenti atmosferici nonostante le precauzioni adottate nellOttocento.

Sul cantiere è presente il direttore generale del Parco archeologico Massimo Osanna che non esita a mostrare la trincea borbonica, ovvero il taglio brutale che interrompe la serie di pitture e continua anche nella casa adiacente. Si tratta - spiega il soprintendente - di scavi selvaggi senza alcun criterio, rivolti alla ricerca di oggetti mobili per dovevano ornare la Reggia di Portici e i musei di tutta Europa come scambi fra reali che dovevano esaltare la grandezza della casa reale. Anche il prezioso affresco è salvo solo per miracolo. Se il cunicolo settecentesco fosse stato scavato con uninclinazione diversa, della preziosa, ulteriore, ma certamente non pleonastica, testimonianza dellarte pompeiana antica non sarebbe rimasta traccia. La pittura muraria si trova allinterno di unambiente che si deve ritenere un cubiculum , cioè una stanza per il riposo, come dimostrano non solo le pitture murarie, ma, soprattutto, lincastro del letto danneggiato proprio da un cunicolo borbonico che non ha risparmiato nemmeno una finestra che dava su unambiente di disimpegno. Il dipinto documenta gli ultimi istanti di vita del giovane dalla straordinaria bellezza, frutto dellincesto del re di Cipro, Cinira, con la figlia Mirra. Venere se ne innamorò e lo avvertì dei pericoli che avrebbe corso se fosse stato troppo temerario. Adone non se ne curò e, durante una battura di caccia, fu mortalmente ferito da un cinghiale. Nellaffresco è parzialmente disteso, agonizzante, con la dea che, premurosa, cerca di assisterlo. Nella raffigurazione anche tre amorini che si affannano tutto intorno: uno di questi porge un bacile con dellacqua, gli altri probabilmente degli unguenti, per lavare e lenire le ferite. Nellantichità il mito di Adone era molto popolare e simboleggiava la natura che nasce in primavera e muore alle fine dellestate. In altre due case di Pompei è raffigurata lagonia del giovinetto assistito dalla sua amata. Celebre è la megalografia dellAdone ferito presente nel giardino dellomonima domus in via di Mercurio, restaurata tre anni fa. Nella casa del Meleagro - ricorda Osanna - cè poi unaltra iconografia simile per certi aspetti, ma anche molto diversa perché Venere è più vicina allamato, non ci sono tanti amorini. Questa è senzaltro più complessa. È bello trovare uno schema nuovo utilizzato dai pittori in quegli anni. Sulla parte bassa delle pareti della stanza da letto anche la raffigurazione di un volto femminile e di unaltra scena, ancora da interpretare con un amorino con uno specchio e ancora una figura di donna. I temi - osserva il soprintendente - sono sempre quelli dellamore e della bellezza che si addicono a un cubiculum di particola pregio proprio perché decorato in maniera straordinaria, con la cornice bianca e celeste dalla quale partiva la volta che copriva lambiente.

Lo scavo della domus riserverà certamente altre sorprese. Fino al pavimento - fa notare Osanna - ci sono ormai solo lapilli. E questo ci fa pensare che dovremmo trovare un ambiente intatto. Naturalmente, il suo auspicio non può che essere condiviso da chiunque avverta allinterno della città addormentata il fremito della vita e il gusto del bello.




news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news