LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Custodi, ma non solo. Lo staff dei musei civici al servizio dei turisti
Francesca Bonazzoli
Corriere della Sera - Milano 20/5/2018

Non chiamateci custodi. Come cambia il ruolo di guardiani nei musei civici di Milano: dalla cura delle opere alle visite guidate con i turisti fino alla partecipazione a conferenze e convegni sullarte. Non solo sorveglianza, aumentano le competenze.

Non chiamateli custodi. Per gli addetti alla vigilanza dei musei civici milanesi la definizione tradizionale non basta più e andrebbe aggiornata con un neologismo. I loro compiti sono infatti più ampi della sorveglianza e comprendono la movimentazione e la pulizia tecnica delle opere, il controllo dei terminali di sicurezza, laccoglienza del pubblico e persino conferenze di storia dellarte e visite guidate. Giovedì scorso, per esempio, Luca Tosi, 38 anni, ha tolto la divisa dordinanza e si è seduto in cattedra, nella sala Weil Weiss della Biblioteca Trivulziana, per tenere una lezione aperta al pubblico sul tema Riflessi del motivo leonardesco della Sala delle Asse nelle arti dei primi decenni del Novecento. E prossimamente sarà lui a sostituire il direttore Claudio Salsi, impossibilitato a partecipare, a un convegno a Lisbona in preparazione del cinquecentenario della morte di Leonardo. Luca, infatti, non è solo laureato in storia dellarte a Padova e specializzato a Milano, ma sta portando a termine un dottorato proprio sulla leonardesca Sala delle Asse.

È stato assunto nel 2016 con un concorso che è uno spaccato dellItalia di oggi: a presentarsi non ci sono più solo diplomati, ma anche candidati con competenze molto alte, racconta Anna Maria Maggiore, direttore valorizzazione area patrimonio artistico e sicurezza. Allinizio avevo un po di timori, ma invece larruolamento di queste forze di alto profilo ci ha indotto a formare di nuovo anche la vecchia guardia, per esempio con corsi di inglese di livello differenziato cui tutti partecipano, e lintegrazione funziona molto bene.

Il concorso del 2016 si era addirittura svolto al Filaforum per far fronte alle 4 mila iscrizioni arrivate per competere su un solo posto, trasformato poi in 21 assunzioni a tempo indeterminato. La prima classificata fu Elena Marchiol, 34 anni, friulana, laureata a Milano. La specializzazione in conservazione e tecniche di diagnostica lha spedita dritta al Mudec dove leterogeneità delle raccolte extraeuropee sembrava fatta su misura per il suo curriculum di studi. Al Mudec racconta guido le visite ai depositi nellambito di Aperti per voi. Sono frequentate da un pubblico particolarmente appassionato e io racconto i segreti della conservazione. Tuttaltro percorso, invece, quello di Roberto Marchio, 48 anni. Dopo undici anni al Crematorio del Comune, ha chiesto un trasferimento, ha fatto la formazione per diventare custode e anche il corso di guardia giurata ed è stato proprio lui, un anno e mezzo fa, a sventare un tentativo di intrusione allinterno del Museo del Novecento bloccando il malintenzionato. Gestisce gli impianti della sala di controllo e dentro il museo passa anche molte notti a settimana, ma non gli pesa: Siamo un bel gruppo affiatato di 15 persone. Colleghi al lavoro e amici fuori.

Lorganico dei musei civici di Milano, compresi il Pac e Palazzo Reale, conta 237 custodi di cui 36 guardie giurate. Lo stipendio va dai 1.200 ai 1.600 euro netti cui si possono aggiungere indennità e straordinari. Il responsabile di tutti loro è Francesco Dodaro: Fra la vecchia guardia e i nuovi assunti cè sinergia racconta . I più anziani hanno una grande esperienza sul campo, anche su come trattare con il pubblico; i secondi hanno una preziosa formazione umanistica. Vogliamo valorizzare le capacità di ciascuno e anche la fidelizzazione al museo come nel caso di Elena al Mudec o di Luca al Castello. Nessuno dei due ha avuto paura di buttare la laurea alle ortiche. Ho compagni di università che invece sono ancora a spasso, rivela Luca. Sia lui che Elena cercavano la stabilità economica e nello stesso tempo la possibilità di continuare ad occuparsi di arte e infatti si stanno preparando a un concorso per il ruolo di coordinatore responsabile di più musei. Le possibilità di carriera non mancano: larchitetto Walter Palmieri faceva il custode quando lallora direttrice del Castello Alessandra Mottola Molfino gli affidò il rinnovamento delle sale. Ora fa larchitetto a tempo pieno e in questi giorni un suo magnifico allestimento si può ammirare alle Gallerie dItalia. Anche la responsabile delle raccolte darte al Comune, ora in pensione, era partita dal ruolo di custode. Non stupitevi, quindi, se allinfo point del Castello vi accoglie un custode che parla quattro lingue.



news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news