LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Magna Grecia e la riforma sbagliata
Irene Berlingò
La gazzetta del Mezzogiorno, 24 maggio 2018

Larcheologia della Magna Grecia, terra di grandi civiltà dove fiorirono magnifiche città come Taranto, Crotone, Metaponto, Reggio, non sembra essere stata particolarmente favorita dalla riforma Franceschini, in onda ormai da due anni.

Il distacco dal territorio dellimportantissimo Museo Archeologico di Taranto, oggi dotato di autonomia e inserito tra i venti musei autonomi italiani, ha costituito un vulnus incolmabile, se sommato alla perdita di sede della storica soprintendenza archeologica che ad esso era abbinata. E a nulla vale laver creato in Puglia ben tre soprintendenze olistiche ABAP (archeologia belle arti e paesaggio), perché in Italia, come ha ottimamente illustrato Piero Guzzo da queste stesse pagine il 12 maggio, raccolte e musei hanno avuto fin dal loro primo inizio uno stretto e specializzato rapporto con il territorio allinterno del quale sono posti.

Lo stesso naturalmente si può dire per lo storico Museo Nazionale della Magna Grecia, con sede a Reggio Calabria, sede di prestigiose raccolte non solo di provenienza calabrese ma da tutta la Magna Grecia. Lautonomia non solo ne ha spezzato il cordone ombelicale con il territorio circostante ma ha contribuito anche alla dispersione delle raccolte, che sono così tornate ai loro luoghi di origine (per es. in Basilicata) e non sempre ne scaturisce un vantaggio da questi spostamenti di nuclei storicizzati e pensati per unesposizione ragionata in contesti allargati, che ne permettevano appieno la comprensione, snaturando così la natura del museo che era nato e concepito in questo modo.

E intorno ad essi cosa succede? Anche tutti gli altri musei dislocati sul territorio sono stati staccati da esso e con i parchi archeologici a loro afferenti fanno parte dei Poli museali regionali, così che ognuno fa repubblica a sé e non di rado anche ricerca nellarea archeologica circostante, così da costituire un doppione delle soprintendenze esistenti, ormai ridotte a bad company, senza però risponderne della tutela allente preposto, cioè alla soprintendenza competente.

Il tutto con pochissimo personale perché la coperta è corta pur con le nuove assunzioni; il Polo calabrese conta tre archeologi con almeno nove musei da gestire, oltre ai vari complessi, come per es. la Cattolica di Stilo. Al confronto la Puglia può ritenersi fortunata, visto che il Polo annovera ben sette archeologi, oltre che due architetti e due storici dellarte.

Non sono pochi, visto che nelle tre soprintendenze pugliesi di Foggia, Bari e Lecce gli archeologi non arrivano neanche a quindici, con una curiosa preponderanza di tardo-antichisti e medievisti, tendenza però diffusa in tutta Italia. Evidentemente larcheologia greca e romana non va più di moda

E la situazione non è rosea neanche nelle due soprintendenze calabresi: neanche dieci archeologi per la tutela, in un territorio che annovera importanti colonie greche tra cui Rhegion, Kroton, Locri Epizefiri, Metauros e Sybaris.

Eppure cè di peggio, se si esamina la situazione della povera Basilicata: la soprintendenza territoriale è dotata di soli cinque archeologi per due province, Potenza e Matera, con un territorio montuoso, a tratti aspro e comunque difficile da percorrere, due colonie greche sulla costa, Siris-Heraklea (Policoro) e Metaponto e ben diciotto complessi, tra musei e aree archeologiche, a cui il Polo deve far fronte con un solo archeologo.

E pensare che moltissimi tra questi musei e la stessa Soprintendenza furono istituiti grazie al lavoro instancabile di Dinu Adamesteanu, soprintendente per un breve periodo anche in Puglia, a cui si deve questa rete straordinaria di musei che costituivano un presidio di tutela sul territorio perché destinati ad alimentarsi dal territorio per cui erano stati creati. E oggi una normativa assurda e ottusa, senza alcuna conoscenza scientifica e anche pratica sul tessuto museale italiano, che giustamente è stato definito museo diffuso, ha rotto questo rapporto, lasciando i musei in balia di se stessi, spesso senza neanche un referente scientifico e soprattutto senza il rapporto con il territorio e i cittadini. Si, perché il museo nel Sud, e chi scrive lo ha visto con i propri occhi, costituiva il punto dove rivolgersi, chiedere aiuto e delucidazioni per lo sterro da fare, la pratica da istruire; oggi questo rapporto, che era un rapporto fiduciario, checché se ne dica, si è rotto e la gente non sa più dove rivolgersi, si smarrisce quando gli si risponde che questo tipo di pratiche non viene più gestito in loco.

Questa situazione si ripercuote tragicamente sul volume di richieste concernenti la tutela archeologica, che si sono semplicemente azzerate, con la conseguenza che non si ha più la conoscenza di quello che succede nel territorio, considerando anche i fondi scarsissimi di missione a disposizione dei funzionari per il controllo del territorio.
Don Bastiano, lultima volta che lho visto, mi disse che aveva fatto troppo pocooggi gli direi come allora, troppo, Professore, ha fatto troppo, e aggiungerei troppo per essere apprezzato e valorizzato da questi nuovi βάρβαροi.

*archeologa



news

20-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news