LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Baluardo e prigione storia del castello che mira al titolo Unesco
2018-05-25, LA REPUBBLICA


Per secoli, per chi giungeva a Palermo dal mare, il suo profilo massiccio segnato dallimponente mastio ha dominato lo skyline della città: fortezza, prigione, santabarbara, presidio rivolto tanto ai nemici esterni che a quelli interni, il Castello a mare posto a guardia del vecchio porto della Cala ma opportunamente ingrandito e rimaneggiato per potere svolgere lo stesso ruolo quando, nel XVI secolo, fu costruito il Molo nuovo, è tra i siti storici palermitani probabilmente quello maggiormente caduto nelloblio. Causa, certo, lopera di demolizione culminata nel 1922 ma intrapresa già nei decenni precedenti, quando la sua funzione era da tempo ridimensionata, che per decenni ne ha cancellato finanche la memoria, nonché la distruzione dellintera area portuale per le bombe alleate del 1943; ma forse a questa rimozione ha ugualmente contribuito un sottile disagio nei confronti di una costruzione che, congiuntamente al giro delle mura spagnole, ai bastioni e alla mole serrata del Palazzo reale, sigillava Palermo in una fisionomia severa, persino tetra, che contraddiceva la narrazione moderna della città felicissima.

Alla storia del Castello a mare, dalla sua fondazione in unetà incerta tra la dominazione islamica e la successiva monarchia normanna sino alle recenti e meritorie operazioni di recupero dellarea e restauro dei resti condotte dalla Soprintendenza che ha portato anni fa alla formazione di un parco archeologico, è dedicata ora una mostra documentaria (promossa dalla Fondazione Patrimonio Unesco Sicilia, a cura di Marco Failla, sino al 3 luglio) allestita nel cortile Maqueda di Palazzo dei Normanni nella prospettiva di una più compiuta valorizzazione del sito e del suo possibile inserimento (se ne parlerà in un convegno a luglio) nellitinerario Unesco arabo-normanno.

Una veduta settecentesca restituisce laspetto del Castello a mare così come si presentava dalla linea di costa: una successione di bastioni e muraglie punteggiata di garitte eretta a pelo dacqua, snodata per volumi dal profilo angolare intorno a una serie di fabbricati eterogenei (compresa unala porticata e munita di merlature) che, se conservata, avrebbe consentito agli studi odierni una puntuale lettura delle diverse stratificazioni storiche.

Per linterno, superato quindi uno dei due ponti levatoi, viene in soccorso la Guida istruttiva di Gaspare Palermo (1816), che ne descrive la gran piazza darmi, il torrione da cui per le celebrazioni civili e religiose sventolava linsegna del re (così è raffigurato nella veduta del 700), le strade che conducevano ai quartieri dalloggiamento delle guarigioni e agli spalti, le batterie di cannoni, la chiesa parrocchiale intitolata a San Silvestro, le prigioni e le segrete dove giustizia e condanne venivano amministrate con un occhio al censo: con relativi agi per gli aristocratici o gli ufficiali militari, con ceppi e catene per gli altri. Né tace, lautore della Guida, un ulteriore ingresso per parte di mare, per qualunque accidente possa mai avvenire. Più che un ingresso, dunque, una via di fuga quando le circostanze obbligavano (è capitato in più di una occasione) viceré e autorità a trovare rifugio nella fortezza.

La storia del Castello a Mare è infatti punteggiata da tumulti e rivolte, come quelle succedutesi tra il secondo e il terzo decennio del Cinquecento che consigliarono ai Viceré di prendere dimora allinterno della struttura, e da eventi disastrosi come lesplosione della polveriera avvenuta (qualcuno sospetta circostanze poco chiare) il 29 agosto del 1593. Tra le vittime, il poeta Antonio Veneziano, ospite delle carceri palermitane dopo essere stato in quelle di Algeri in un soggiorno indesiderato che gli valse però la conoscenza e lamicizia con Miguel de Cervantes, compagno di prigionia. Con questi e altri eventi, non stupisce che i palermitani non abbiano particolarmente amato il Castello a mare, e ne abbiano anzi diffidato riconoscendone la presenza minacciosa di un potere opprimente, al punto che allindomani delle giornate garibaldine del 1860 il popolo vi diede lassalto tentando di demolirlo. Non vi riuscì, e i danni furono limitati.

Saranno necessarie, nel 1922 (dopo che lo stato unitario lo aveva destinato a caserma), le cariche esplosive fornite dalla ditta statunitense Mac Arthur Company per raderlo al suolo, risparmiando solo il corpo dingresso, il mastio è unaltra torre cilindrica. Dagli anni Ottanta, il lavoro della Soprintendenza ha portato alla luce resti dei baluardi di San Giorgio e di San Pasquale, ma anche le tracce di un cimitero di età islamica impiantato in questa parte bassa del Seralcadio. La storia di questo sito può riservare ancora sorprese.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Sergio Troisi
Strumenti

Stampa questo articolo



news

10-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 10 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news