LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La sfida tra archeologi e tombaroli per i tesori nascosti di Pompei
Antonio Ferrara
2018-05-12, LA REPUBBLICA



POMPEI

Usano un linguaggio e tecniche di ricerca molto raffinati, si lasciano sfuggire giudizi e valutazioni che, a sentirli parlare, ti fanno pensare a storici dellarte e archeologi professionisti. I nuovi tombaroli non agiscono quasi mai da soli, sono in contatto con i mercanti darte. E a Pompei hanno copiato dai Borbone anche la collaudata tecnica dello scavo per cunicoli seguendo i muri degli edifici antichi. Finendo però, inesorabilmente, per distruggere tracce preziose della vita degli antichi. Fanno ancora paura i tombaroli, nonostante i passi avanti fatti nel contrasto al traffico illecito delle opere darte. A partire dallaccordo stipulato nel 2001 tra il governo americano e il governo italiano che limitò limportazione negli Usa di reperti archeologici di età classica, preclassica e imperiale, per finire alla convenzione del 2017 tra Italia e Grecia contro il traffico darte.

Abbiamo un patrimonio nel sottosuolo che fa sempre gola ricorda il capitano Giampaolo Brasili, del Nucleo tutela patrimonio culturale di Napoli Il calo o laumento degli scavi clandestini dipendono dalle condizioni del mercato illegale: noi usiamo tutte le tecniche per fermarli, dai monitoraggi aerei ai continui sopralluoghi su segnalazioni di cittadini o soprintendenze. Così, il caso della villa romana perlustrata attraverso cunicoli che partivano direttamente dal cellaio di un casale nella campagna pompeiana, dove è stato trovato per la prima volta il calco di un cavallo intero, può fare da esempio. Lo pensa il capitano Brasili (Un intervento pilota, portato avanti con lapproccio giusto da noi, soprintendenza e procura: da Pompei viene un messaggio importante, dice). Lo ripete Massimo Osanna, direttore del Parco archeologico di Pompei. Il fenomeno preoccupa ancora confida La vicenda della villa di Civita Giuliana lo dimostra: siamo dovuti intervenire per evitare che la ricerca senza scrupoli di antichità devastasse un sito molto significativo per la storia del territorio pompeiano in età romana. Per larcheologo che dal 2014 guida il sito più complicato del Paese il fenomeno è abbastanza florido. E il fatto di aver trovato nei cunicoli ancora i cavi elettrici con le lampadine ci dice che non possiamo abbassare la guardia.

Le foto delle anguste gallerie di Civita Giuliana consegnano unistantanea dal mondo dei tombaroli. Piccoli, agilissimi come contorsionisti. Abili nello scavare a tre-quattro metri sottoterra budelli alti 80 centimetri e larghi una sessantina. Rivestendo le volte dei percorsi con una camicia di cemento lunga sessanta metri.

Un lavoro da professionisti, in cui nulla era lasciato al caso.

Lesplorazione clandestina ha preso avvio da una cisterna romana inglobata nel casale settecentesco: un foro e poi giù, metri e metri anche sotto la strada. Il sogno di ogni tombarolo.

La parte bassa delledificio di via Civita Giuliana su cui si indaga è di epoca romana, con resti di affresco: nel Settecento fu poi costruito il casale. Nel 2017, i carabinieri decidono di intervenire. Le indagini sono in corso, condotte dalla procura di Torre Annunziata. Se non fossimo intervenuti ha raccontato il procuratore Sandro Pennasilico scoperte importanti come quella del calco del cavallo da parata non sarebbero state possibili. Lo scavo clandestino era lo stesso già scoperto nel 2009, ma allora non si raggiunse lobiettivo di fermare lo scempio.

Nonostante gli autori fossero stati denunciati. Non ci fu il giusto grado di sintonia, spiega Brasili.

Le immagini del calco del cavallo da parata da Pompei ha detto il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini due giorni fa hanno fatto il giro del mondo.

Dallo scavo, una novità: è stato individuato lo scheletro di un terzo cavallo (il secondo era stato danneggiato dai tombaroli). Gli animali avevano le briglie, forse erano pronti a essere utilizzati per lasciare la villa, in quellagosto del 79 dopo Cristo, mentre il Vesuvio eruttava. Massimo Osanna sogna ora di espropriare tutta larea e di portare alla luce lintera villa. Ci deve essere ancora la ricca parte residenziale che, sul modello della notissima Villa dei Misteri, potrebbe conservare affreschi straordinari. Come quel terzo dellarea archeologica ancora non scavata. Tesori e reperti come quelli che stanno venendo fuori nello scavo del cuneo in corso nella Regio V. O come lo scheletro di bambino rinvenuto di recente nelle Terme centrali. Pompei non finirà mai di stupire, dice Osanna, mentre guarda il calco del cavallo da parata nella stalla della villa di Civita Giuliana.




news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news