LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vincoli alla tela del marchese Preziosa, deve restare qui
Cenzio Di Zanni
2018-05-15, LA REPUBBLICA




Non è una contesa come tante altre. Non lo è per i due contendenti: il marchese Giulio Maria de Luca, da un lato; il ministero dei Beni culturali, la sua Direzione regionale e la Soprintendenza di Bari, dallaltro. E non lo è per la posta in gioco: due tele del pittore trevigiano Paris Bordon, artista rinascimentale fra i più apprezzati dalla critica di ogni tempo e allievo di Tiziano. Le sue opere sono esposte in mezzo mondo, nelle più importanti gallerie darte: agli Uffizi di Firenze, dovè custodito il Ritratto di un giovane; oppure alla National Gallery di Londra, dovè esposto il Ritratto di cortigiana. O al Louvre di Parigi, in cui è possibile ammirare il Ritratto di Gerolamo Crofft. Ma sono Donna con cagnolino e Flora, le due tele di Bordon nella disponibilità della famiglia de Luca, a essere finite al centro del processo che si è celebrato davanti ai giudici della terza sezione del Tar della Puglia, presieduta da Francesco Gaudieri. Che con la sentenza pubblicata il 9 maggio scorso ha riconosciuto il secondo dipinto ( Flora) bene dinteresse culturale , come chiedeva la Soprintendenza. Una vittoria a metà, sia per de Luca sia per il Mibact.

Perché il direttore regionale per i Beni culturali e paesaggistici della Puglia li aveva vincolati entrambi come beni dinteresse culturale: Per preservarne lindivisibilità e insieme garantirne la permanenza in Puglia , hanno ricordato i giudici amministrativi. La proprietà, tuttavia, di vincoli non ne ha voluto sapere e con lavvocato Nicolò De Marco ha impugnato il decreto: violazione e falsa applicazione della legge ed eccesso di potere per difetto distruttoria e carenza dei presupposti, i motivi del ricorso. E giù lelenco delle proprie ragioni. Prima la donazione di uno dei due dipinti ( Donna con cagnolino) a favore della figlia del marchese, con atto notarile del 25 luglio 2014. E cioè appena pochi giorni prima che fosse notificata la proposta di dichiarazione di interesse , che al protocollo della Soprintendenza è registrato in data 30 luglio 2014. Quindi, secondo la tesi della proprietà, il vincolo che non sarebbe stato più valido: niente opera indivisibile, niente vincolo. Altra ragione: laltro dipinto (Flora) di cui Giulio Maria de Luca è ancora proprietario era stato proposto in vendita al ministero come forma di compensazione delle imposte dovute allo Stato. Proposta che risale al dicembre 2015, su cui lo Stato non sè ancora pronunciato: Dalla documentazione versata in atti si evince che il ministero non ha ancora provveduto in via definitiva sullistanza . Motivo sufficiente, secondo i ricorrenti, per far demolire il decreto della Soprintendenza.

Di tuttaltro avviso il Tar, che lha tenuto in piedi. Almeno per metà, in riferimento allopera dal titolo Flora. Nonostante nella relazione storico artistica si dichiari che il riconoscimento dellinteresse culturale delle due tele è finalizzato a preservarne lindivisibilità e insieme a garantirne la permanenza in Puglia, anche una sola tela hanno evidenziato i giudici mantiene un proprio pregio artistico meritevole di tutela . Almeno tre i motivi messi nero su bianco dalle toghe. Lopera è testimonianza della produzione erotico allegorica dellartista e del legame tra la committenza pugliese e gli artisti operanti a Venezia. Poi, sempre secondo il Tar, la tela proviene dalla collezione dei marchesi de Luca di Melpignano di Lecce ed è tra le più antiche della regione . E poco centra la compensazione delle imposte su cui lo Stato è rimasto silente. Sia perché lesito negativo della proposta non risulta documentato. Sia perché in quella sede le valutazioni dello Stato sono altre, allesito di una complessa valutazione circa la convenienza e lopportunità . A iniziare dal prezzo proposto. Tanto è bastato al Tar per chiudere la vicenda. O meglio: il primo round. Perché della questione potrà occuparsi il Consiglio di Stato: Stiamo valutando un appello , ha precisato lavvocato De Marco.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news