LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Il ritorno dei Giocatori. Una tela che vale più di mille parole
Mauro Bonciani
Corriere Fiorentino 27/5/2018

Svelato il quadro restaurato a 25 anni dalla bomba. Nardella: vale più di mille parole
A 25 anni dalla bomba ai Georgofili, lemozione del sindaco Nardella per il quadro restaurato grazie al crowdfunding. Nella notte il corteo

Si respirava emozione nel Salone dei Cinquecento: la sfida che sembrava impossibile è stata vinta. La restituzione alla città e al mondo del quadro I giocatori di carte di Bartolomeo Manfredi, straziato dalla bomba mafiosa del 1993, ha segnato la celebrazione dei 25 anni dalla strage di via dei Georgofili.

Alle 1 e quattro minuti di 25 anni fa la bomba mafiosa scoppiò sotto la Torre dei Pulci, sede dellAccademia dei Georgofili, uccidendo Fabrizio Nencioni, sua moglie Angela Fiume, le loro figlie Nadia e Caterina e lo studente Dario Capolicchio. La memoria di quella tragedia è stato il filo conduttore della giornata, assieme al restauro dellultima opera degli Uffizi ancora ferita; un quadro da tutti ora Wikipedia andrà corretta considerato perduto e che invece avrà una seconda vita. Ancora più significativa ha detto Eike Schmidt, direttore della Galleria degli Uffizi perché mostra il no alla violenza e al terrorismo, la volontà di contrastarli anche con la cultura, un fatto che riguarda tutto il mondo e lessere umano in sé e che nella città dellUmanesimo diventa un simbolo fortissimo.

Lo svelamento dellopera del pittore seicentesco dopo il restauro ad opera di Daniela Lippi e coordinato da Maria Matilde Simari, è avvenuto in Palazzo Vecchio, alla presenza del sindaco Dario Nardella, ed è stato latto conclusivo della campagna di crowdfunding Cultura contro terrore lanciata un anno fa da Corriere Fiorentino , Gallerie degli Uffizi e Ubi Banca, con la collaborazione di Once, Scala archives e la casa editrice Mandragora, e che ha riportato sulla tela 500 dei 615 frammenti di pittura recuperati dopo lattentato. Grazie alle nuove tecnologie ma anche a quelli che Schmidt ha definito gli eroi degli Uffizi, le persone che sfidando il fumo e la polvere entrarono subito tra le mura sventrate, lavorarono senza sosta, raccolsero anche pezzetti di tela allapparenza insignificanti e inutilizzabili, rivelatisi invece reliquie fondamentali.

Non si restituisce lopera nella sua interezza ha sottolineato Lippi ma ciò che è rimasto di essa. Resta un documento, una testimonianza di quellevento terribile, che intende serbarne la memoria ed essere un monito. La fine di una impresa che ha visto tanti cittadini rispondere allappello, limmagine di questo quadro, che migliaia di persone vedranno, in Italia e a Firenze, vale molto più di mille parole: è il segno concreto di una città che vuole reagire, vuole rinascere, e vuole mandare un messaggio a tutte le mafie: noi non abbiamo paura, e anche quando ci colpite ci rialziamo sempre ha detto il sindaco Dario Nardella nel Salone dei Cinquecento La mafia cè ancora. Questa è una guerra lunga, una guerra della civiltà e della cultura contro il terrorismo e le mafie. È un contributo importante al di là dellaspetto economico ha spiegato Aldo Calvani, direttore territoriale Firenze e Toscana nord di Ubi Banca perché conferma lattenzione al territorio da parte di un grande gruppo bancario.

Nel Salone dei Cinquecento anche i ragazzi dellalberghiero Saffi, del liceo Michelangelo, degli artistici Alberti e di Porta Romana, studenti come quelli del liceo scientifico Da Vinci, della classe III C del liceo Michelangiolo e del Collettivo Ark della Facoltà di Architettura protagonisti nella mattinata nella presidenza della Regione Toscana hanno tenuto una performance teatrale sulla strage.

Ma nella platea di Palazzo Vecchio anche tanti fiorentini che hanno vissuto la tragedia. È uno choc che mi porto dentro da 25 anni dice Patrizia Menzoli, che quella era di servizio allHumanitas Ci allertarono subito. Una volta arrivati, trovammo un macello: feriti, polvere e calcinacci ovunque, vetri, la gente che urlava. Ho avuto molta paura. Serge Domengie venne svegliato dal boato, dai vetri che ballavano: Abitavo in via Canto dei Nelli, in San Lorenzo, e pensai fosse esplosa una bombola del gas. Provai a offrirmi volontario per dare una mano ai soccorritori ma poi mi feci da parte. Maria Pia Martini e il marito Hosseini Magid erano a Coverciano, e stavano guardando la tv quando sentirono lesplosione: Mai avremmo immaginato una bomba. Ma quando sapemmo dellattentato corremmo in centro. E fu unemozione fortissima. Demetrio Sorace è uno degli eroi degli Uffizi e come dipendente della Galleria accorse subito e fu tra coloro che raccolsero i pezzi del quadro del Manfredi: Se ripenso ai brandelli di tela penzolanti, ai frammenti di pittura tra vetri e polvere, mi sembra impossibile: oggi è una bella vittoria.

E prima di togliere il velo al quadro, Paolo Ermini, direttore del Corriere Fiorentino , ha spiegato: Abbiamo voluto questa impresa per i nostri dieci anni, ma non per celebrarci, quanto per condividere ancora di più con la città la nostra presenza. Questo dipinto trasmette una forza straordinaria: la resistenza alla violenza, la difesa della memoria delle vittime, la volontà di giustizia e verità piena sulla strage. E la difesa della memoria ha concluso Ermini spetta più che mai a voi studenti, che in questo giocate la partita più importante.

E sulla ricerca di verità ha fatto il punto il convegno pomeridiano in Regione sulle indagini sulle stragi del 1993. Faccio un appello ha detto Giovanna Maria Chelli, presidente dellassociazione familiari delle vittime dei Georgofili perché si continui a cercare la verità per altre responsabilità oltre a quelle della mafia. In quel maggio 1993 ero alla Digos di Firenze, e ricordo la determinazione delle indagini. È solo la determinazione che ha consentito a questa vicenda di avere una risposta in sede giudiziaria ha detto Franco Gabrielli, capo della Polizia, ieri al convegno Chi vuole, chi crede oltre alla verità apparente, poi questa verità la consegue.

La giornata si è chiusa ancora con lemozione. Dopo larrivo del Gonfalone di Firenze in corteo sui rintocchi della Martinella, fino al luogo della strage alle 1:04. Nella notte, gli Uffizi hanno aperto eccezionalmente lauditorium Vasari per mostrare I giocatori di carte . Che qui saranno visibili ai visitatori per tutta la prossima settimana.




news

10-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 10 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news