LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, Uffizi. Il trasloco dei ritratti di Raffaello (per la prima volta in due secoli)
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 29/5/2018

Da Palazzo Pitti agli Uffizi: Agnolo Doni e Maddalena esposti vicino al tondo di Michelangelo

A Palazzo Pitti cè già chi borbotta. E anche se agli Uffizi hanno tutti le bocche cucite è ormai cosa certa che lintendimento del direttore delle Gallerie Eike Schmidt per la nuova sala Michelangelo va a inaugurarsi lunedì 4 giugno in pompa magna è rivoluzionario: perché accanto al grande Tondo Doni michelangiolesco con la sua composizione anticipatrice del manierismo e una sacra famiglia dove colpisce il bambinello posto in secondo piano rispetto a San Giuseppe e alla Madonna arriveranno da Palazzo Pitti i ritratti di Agnolo Doni e di Maddalena Strozzi che portano la firma di Raffaello.

Non saranno le sole opere del maestro di Urbino a far compagnia al tondo di Michelangelo. Schmidt tempo fa aveva anticipato che in quella sala sarebbe arrivata anche la Madonna del Cardellino che però si trasferisce da una sala allaltra degli Uffizi e dunque il suo spostamento è meno traumatico. Per Agnolo e Maddalena la questione è differente: i loro volti rappresentano oggi una delle punte di diamante della quadreria di Palazzo Pitti da cui dovrebbero essere spostate nella notte tra domenica e lunedì.

E cè da immaginare che i due coniugi attraverseranno il Corridoio Vasariano per raggiungere la sala 42, nellala di Ponente, dedicata al maestro del David. Perché Schmidt abbia pensato a questa collocazione è facile intuirlo. Si tratta in fondo di un ricongiungimento di opere nate per far parte della collezione dei Doni, committenti tanto del Tondo che dei ritratti di Raffaello, poi finite per ragioni legati a singoli collezionisti successivi, in contesti diversi.

La storia è nota: Agnolo, quando andò in sposa a Maddalena Strozzi (cè chi ipotizza però che la cosa risalga al momento del battesimo della loro primogenita) commissionò a Michelangelo lopera, che fu anche oggetto di unestenuante trattativa per stabilirne un congruo pezzo. È datata 1503/1504 anche se, chi ritiene sia stata eseguita per la nascita della bimba, ne posticipa lesecuzione al 1507. Fu sempre Agnolo Doni a rivolgersi a Raffaello, per avere nella sua dimora i ritratti suoi e della moglie. Questi si trovano a Palazzo Pitti dal 1826, quando le opere, fino ad allora di proprietà dei discendenti del ricco mercante fiorentino, furono acquistate dal Granduca Leopoldo II e portate alla Galleria Palatina. Il ricongiungimento dei capolavori di questa casa privata tra le più in vista del 500 provocherà dunque un piccolo terremoto a Pitti. Dove, va ricordato, non è la prima volta che si assiste a questo genere di operazione a favore degli Uffizi. Alla fine degli anni 40, fu la Madonna dal Collo lungo del Parmigianino, oggi tra gli inamovibili, a essere trasferita da Pitti agli Uffizi. Lo stesso dicasi per lAutoritratto di Raffaello passato agli Uffizi nel 1952 ma prima al Museo degli Argenti di Palazzo Pitti e ancora per il Ritratto di Elisabetta Gonzaga e di Guidalberto da Montefeltro di Raffaello anche loro oggi agli Uffizi ma prima a Pitti, almeno fino allinizio degli anni 50, (anche per loro si parla di una collocazione vicino a Michelangelo).

Ieri mattina i lavori per procedere con il nuovo allestimento della sala fervevano. Noi abbiamo intercettato una grande gru, al piazzale degli Uffizi, che trasportava una sorta di oblò allinterno del quale verrà, come incapsulato Tondo Doni . Già settimane fa, lo stesso Eike Schmidt aveva anticipato che la nuova sala Michelangelo avrebbe riproposte modalità espositive analoghe a quelle adottate per la sala di Botticelli: con i capi dopera quasi inglobati a mura, dentro a una nicchia che riproduce la forma del quadro, e dunque protetti da vetrate particolarmente resistenti, antiriflesso e che mantengono lopera a temperatura costante. Ma non solo. La natura di questi vetri è tale da resistere a eventi traumatici anche di portata importante, ragion per cui anche per Michelangelo è ipotizzabile che il suo capolavoro la cosa vale anche per quelli di Raffaello e gli altri che andranno a comporre la sala non ci sarà bisogno di dissuasori distanzianti per gli spettatori. Limpatto visivo generale lo scopriremo solo lunedì, quello che si può ancora anticipare è che Michelangelo non sarà più circondato dallattuale fondo rosso al muro ma da un bianco che vira sul grigio.




news

22-06-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 giugno 2018

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

Archivio news