LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO - L'arte, bellezza fragile. Non basta conservare bisogna comunicare
MARIO BAUDINO
la stampa, 29 maggio 2018



Ci fu un vescovo a Torino, fra l'816 e l'828, che secondo un cronista contemporaneo, acceso da zelo sconfinato e senza freni, devastò e abbatté in tutte le chiese della diocesi non solo i dipinti di storia sacra, ma perfino tutte le croci; e che parlando di sé in prima persona osservò come le tutte le chiese fossero piene di sordide, maledette e menzognere immagini, ma tutti le venerano. Le sto distruggendo.... Non era l'anticristo, e neanche un mangiaparroci. Lo zelo che lo accendeva era l'iconoclastia, proprio era accaduto poco prima nell'Impero Bizantino: ovvero la distruzione delle immagini del divino intese come offesa a Dio e pratica pagana. La circostanza è stata ricordata ieri alla Fondazione Sandretto da Salvatore Settis in apertura del seminario inte nazionale Anche le statue muoiono, al culmine della mostra omonima organizzata nelle rispettive sedi da Museo Egizio, Fondazione Sandretto e Musei Reali.

Nelle prime due si chiude in questi giorni, ai Musei Reali l'esposizione continua. Tema di tutta la trilogia è l'indagine sul gioco fra arte antica e moderna, conservazione, restauro, ricreazione, ma anche distruzione e cancellazione. Di qui l'esempio di Settis nella lezione dedicata alla materialità del Divino ossia al rapporto tra iconografia e iconoclastia: che non riguarda solo i tempi andati, basti pensare alla distruzione dei Buddha di Bamiyan ad opera dei talebani. Il patrimonio artistico soffre della distruzione ad opera del tempo e dell'incuria. Occorrono investimenti, persone, cura - ci dice Settis - ma in questi ultimi anni questo impegno si è molto indebolito. Non co traddicono la diagnosi dell'autorevolissimo archeologo e storico dell'arte le prime sessioni del seminario, con la ricostruzioni di casi virtuosi come il programma Restituzione 2018 di Intesa San Paolo (e relativa mostra a Venaria), ad opera di Carlo Bertelli, o il lungo restauro della cupola del Guarini a Torino, di cui parla per la Consulta torinese Adriana Acutis. L'arte è sempre in pericolo, la bellezza - e non solo, pensiamo al viver civile - è fragile, come raccontano le opere di artisti contemporanei accostate ai reperti dell'Egizio: per esempio, il falco, ovvero Thor, il dio che guida gli spiriti dei morti, in vo- lo su una serie di piccoli reperti, nell'installazione video del libanese Ali Cherri. Quando proviamo a salvare una rovina dal suo stesso declino - chiede in arabo la voce dell'artista - non stiamo forse rinnegando proprio il suo stato di rovina?. Il seminario cerca ri- I musei sono luoghi di memoria ma anche di distruzione, se non vanno oltre il reperto sposte a questa e altre domande attraverso interventi dei maggior esperti mondiali.

E' l'occasione per fare il punto sulla fragilità del patrimonio culturale - ci dice il direttore dell'Egizio Christian Greco - quindi sulla necessità della ricerca, e sul ruolo dei musei che sono sì luoghi di conservazioni ma anche di distruzione, se non vanno al di là del reperto e, come avviene all'Egizio, ne ri- creano il contesto.

A volte il destino delle statue è ineluttabile, ma ricerca e conoscenza possono fare molto. Il tema è indubbiamente d'attualità. Lo ribadisce la presidente dell'Egizio, Evelina Christillin: Non posso fare a meno di pensare che siamo rimasti noi, testimoni del tempo, ad avere un linguaggio comune, e uno dei pochi modi politici di comunicare è appunto questo.

Le fa eco Patrizia Sandretto, ricordandoci che quanto al comunicare l'arte può molto, soprattutto quella contemporanea quando si pone in rapporto con memoria, conservazione, distruzione.
Non solo i fondamentalisti minacciano l'arte - anche se la loro iconoclastia, è ancora un'osservazione di Settis, tende a sostituire con un'immagine ancor più forte ciò che si sta distruggendo, perché viene riproposto infinite volte su social e tv. Il selfie dell'iconoclasta è un grandioso e contraddittorio pericolo, altri meno vistosi sono in agguato. Professore, che sia tornato il tempo dei distruttori? La risposta non è priva di sarcasmo: Perché, secondo lei c'è qualcos'altro in giro?



news

10-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 10 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news