LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Campania. Politica e urbanistica, i ritardi dei masterplan
Attilio Belli
Corriere del Mezzogiorno - Campania 31/5/2018

Nel novembre scorso, su queste pagine, commentavo ancora con fiducioso ottimismo limpegno della Regione Campania nellattuazione del piano paesaggistico, deliberata dalla Giunta il 28 dicembre 2016, con la promozione di sei masterplan, a partire da quello dellarea domizio-flegrea. Un ottimismo che il giornale aveva tradotto titolando leditoriale Area flegrea, il masterplan della svolta. Il documento programmatico del masterplan era stato ultimato nella ricorrenza della Befana, e questo era sembrato un segnale di buon augurio. La sua impostazione era stata discussa pubblicamente presso la sede dellAssociazione dei costruttori edili di Napoli. E se ne attendeva la concreta attivazione, nonché lestensione agli altri cinque ambiti operativi individuati nel piano paesaggistico. Si prevedeva lavvio di alcuni progetti pilota dinteresse strategico, la promozione di una manifestazione dinteresse rivolta anche agli operatori privati, lattivazione di un articolato partenariato istituzionale e uno strutturato processo partecipativo. Si attendeva poi una seconda, successiva manifestazione dinteresse per le proposte degli operatori privati sulle aree pubbliche per i progetti da realizzarsi in partenariato pubblico-privato e per questultimo obiettivo si prevedeva listituzione della Conferenza permanente di pianificazione e lOsservatorio regionale per il paesaggio.

A tuttoggi può risultare utile chiedersi che cosa è stato fatto, avanzando qualche prima considerazione.

I 14 Comuni inclusi nel masterplan sono stati investiti del compito di individuare le aree da rigenerare. Il processo è stato avviato, ma incontra ostacoli per la compatibilizzazione della loro selezione con gli strumenti urbanistici. Non solo, ma soprattutto la logica concertativa e partecipativa indicata nel documento programmatico è andata evaporando, preferendo la illusoria scorciatoia di una consulenza archistellare in campo paesistico-ambientale.

Questa si è attivata sguinzagliando una schiera di intraprendenti collaboratori sul territorio, presso i comuni, che si sono mossi con qualche incertezza e disordine. Per altro, la scorciatoia seguita mette a nudo linsufficiente investimento nel potenziamento delle strutture tecniche interne. E comunque lascia del tutto scoperto il versante degli acuti problemi sociali propri del litorale domizio (disagio sociale, immigrati, camorra), della loro conoscenza e soprattutto del relativo intervento.

La promozione delle manifestazioni dinteresse fatica a concretizzarsi; listituzione della Conferenza permanente di pianificazione, del laboratorio di partecipazione e lattivazione dellOsservatorio regionale per il paesaggio previsti nel programma attendono ancora di essere avviati.

Così il conseguimento dei quattro obiettivi strategici indicati (rigenerazione ambientale, riduzione del disagio sociale, accessibilità, rigenerazione urbana) marcia a velocità molto differenziate tra loro.

Degli altri cinque masterplan per completare il mosaico regionale del piano paesaggistico non cè traccia.

A questo quadro deficitario si è però aggiunto il positivo avvio della Zes e lauspicabile recupero della spesa dei fondi regionali ancora ferma a percentuali piuttosto basse. Un percorso, anche questo, che richiederebbe una complessiva strategia territoriale, in uno scenario reso più debole dallassenza della legge nazionale sul consumo di suolo, a lungo rinviata dal precedente governo, in attesa di capire se e come verrà condotta a termine dal nuovo.

Intanto il collegamento di queste azioni con lattività istituzionale della Città metropolitana (e del suo fantomatico Piano strategico), c a va sans dire , continua a latitare.

In estrema sintesi, le due principali istituzioni locali di area vasta (Regione e Città metropolitana), nella incerta gestione dei piani promossi per conseguire un organico sviluppo del territorio, sembrano impegnate a inseguire più la politica che le politiche. Nel formulare adesso i migliori auguri al neoassessore Bruno Discepolo, confidiamo nel rilancio delle attività regionali, sperando che non si possa dire più: come vanno piano i nostri piani.




news

10-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 10 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news