LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Ecco la Tomba dellatleta: scoperta dopo 2.400 anni a Case Rosse
http://www.dire.it/01-06-2018/207921-roma-ecco-la-tomba-dellatleta-scoperta-dopo-2-400-anni-a-case-r

La Tomba dellatleta. Così è stata chiamata la sepoltura romana risalente a circa 2.400 anni fa e scoperta in località Case Rosse nella periferia est della Capitale. La tomba, perfettamente conservata, è venuta alla luce durante gli scavi di Acea per il raddoppio della condotta adduttrice CastellArcione-Salone ed è situata a circa due metri dal piano stradale.

Insieme ai reperti ossei appartenenti con ogni probabilità a 4 persone, sono stati identificati anche 25 elementi di corredo prevalentemente in ceramica, un moneta di lega in bronzo e due strigilli di ferro con cui gli uomini erano soliti detergersi dopo le attività fisiche, da lì il nome della tomba.

Non solo, allinterno della camera sepolcrale larga 2,50 metri, lunga 3,30 e alta 1,75 sono stati rinvenuti anche resti di cibo deposto come era usanza accanto ai defunti per il loro viaggio nellAldilà. Quindi resti di coniglio, capretto e pollame, probabilmente cucinati, di cui restano perfettamente conservate le parti ossee.

Lungo i lati lunghi del vano ipogeo sono deposti i due uomini adulti su banconi realizzati in pietra. A una prima analisi sembrano morti uno alletà di 50 anni, laltro a circa 30-39 anni. Sul fondo del vano invece sono stati identificati i resti ossei di altri due individui: un uomo e una donna. Di 35/45 anni lui, di età indefinita lei. In base a uno studio preliminare dei reperti, effettuato dalla Soprintendenza speciale di Roma Archeologia Belle Arti e Paesaggio, è stato possibile collocare la sepoltura tra il IV e il III secolo avanti Cristo.

Si tratta di una scoperta del tutto casuale e in parte fortunosa- ha detto il soprintendente Francesco Prosperetti durante la presentazione alla stampa della scoperta a cui ha preso parte insieme al presidente Acea Luca Lanzalone- dovuta anche alla cautela con cui gli archeologi sorvegliano e monitorano gli scavi.

La macchina scavatrice, spiega ancora Prosperetti, ha aperto un piccolissimo varco in questa sepoltura e questo ha permesso di scoprirla perché altrimenti non lavremmo mai trovata.

Elogi alla collaborazione tra le parti, la Soprintendenza che controlla i avori e Acea che li effettua, anche da parte del presidente di questultima Lanzalone: Questa sinergia ci ha permesso di arrivare a questo risultato eccezionale e ci ha permesso anche di non interrompere i lavori che procederanno normalmente.

Larea, rassicura ancora Lanzalone, sarà ulteriormente messa in sicurezza per permettere di completare quella parte di opera per cui sono stati investiti circa 5 milioni.



news

19-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 19 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news