LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Torna alla luce la Tomba dell'Atleta
http://www.adnkronos.com/cultura/2018/06/01/roma-torna-alla-luce-tomba-dell-atleta_ojPLbNZhfs6pj7dAP

Roma restituisce un'altra meraviglia nascosta. Nel corso dei lavori di archeologia preventiva per il raddoppio dell'acquedotto Castell'Arcione-Salone, nella zona Case Rosse, è tornata alla luce la tomba dell'Atleta risalente all'epoca repubblicana.

"La sepoltura scoperta a Roma in località Case Rosse in un cantiere Acea - ha spiegato il soprintendente Francesco Prosperetti restituisce un prezioso contesto, praticamente intatto, risalente alla prima età repubblicana. Ancora una volta le aree periferiche della città ci riservano una incredibile sorpresa: una tomba del IV secolo a.C., che abbiamo chiamato dellAtleta per la presenza di due strigili, attrezzi che si usavano per detergere grasso e sudore dopo lattività fisi c a. Un corredo funerario perfettamente integro, comprese le offerte in cibo, pollo, coniglio, agnello o capretto. Tutto questo materiale consentirà uno studio approfondito sui riti e le usanze dellAger. Rimane da capire come sarà possibile la valorizzazione di questa scoperta, ora che Soprintendenze e Musei di territorio sono separati", ha evidenziato Prosperetti.

La tomba è ancora inviolata e nel corso dei secoli vi è penetrata una limitatissima quantità di terra. Gli archeologi hanno verificato un ottimo stato di conservazione che ha permesso alla tomba di restare praticamente intatta. La sepoltura è composta da una camera, scavata a una profondità di circa 2 metri sotto lattuale piano di campagna e ospita 4 inumazioni, avvenute in momenti differenti. Il vano ipogeo, completamente scavato nel banco tufaceo caratteristico della zona, presenta una larghezza di circa 2,50 metri, una lunghezza di 3,30 metri e una altezza di 1,75 metri.

Alla camera sepolcrale si accedeva attraverso un pozzo lungo 2 metri e largo 1, dotato di gradini appena sbozzati; la chiusura del vano era realizzata con una lastra di calcare bianco e pietrame di tufo. I lati lunghi del vano ipogeo sono caratterizzati dalla presenza di inumazioni di due uomini adulti deposti su banconi realizzati nella nuda pietra -a una prima analisi appaiono morti uno alletà di circa 50 anni e laltro a circa 30-39 anni.

Insieme ai resti ossei scarsamente conservati a causa dellelevato grado di acidità del terreno di origine vulcanica, sono stati identificati circa 25 elementi di corredo perlopiù in ceramica, eccezion fatta per due strigili in ferro (con cui allepoca gli atleti erano soliti detergersi dopo le attività fisiche, di qui il nome di Tomba dellAtleta o degli strigili) e per una moneta in lega di bronzo, con la raffigurazione della testa elmata di Minerva sul diritto, e una testa equina con la scritta 'romano' sul rovescio, databile fra il 335 e il 312 a.C.

Il vasellame appartiene quasi nella totalità alla ceramica detta 'a vernice nera', e alcuni pezzi presentano tracce ancora vivide di una decorazione bianca a motivi geometrici e vegetali. Allinterno di due piatti (detti 'piatti di pesce') e di due coppe sono stati identificati i resti delle offerte alimentari che furono parte integrante dei riti funerari: è stato possibile riconoscere ossa di un coniglio e di un capretto o agnello. Sul fondo del vano sono stati identificati i resti ossei di altri due individui: un uomo e una donna, dotati di ulteriori 5 elementi di corredo, tutti in terra cotta lui presumibilmente morto tra i 35 e i 45 anni, lei di età indefinita.

In base a uno studio preliminare dei reperti è possibile collocare la sepoltura tra il IV e il III secolo a.C. Il ritrovamento di sepolture a camera restituisce in genere tombe svuotate dei loro corredi funerari e spesso riutilizzate in vario modo nelle epoche successive. Il caso della Tomba dellAtleta o degli strigili si rivela eccezionale per lintegrità in cui è stata ritrovata e per lottimo stato dei reperti in essa contenuti. Va inoltre sottolineato come una zona lontana dal centro della Capitale riservi ancora una volta nuove e sorprendenti scoperte.

Prima della rimozione dei reperti archeologici, è stato effettuato un rilevamento con laser scanner, funzionale a una ricostruzione in tre dimensioni della sepoltura, mentre i materiali e le informazioni raccolte durante lo scavo saranno oggetto di uno studio approfondito da parte della Soprintendenza nei prossimi mesi. I lavori del raddoppio dellacquedotto sono svolti da Acea Elabori. Il direttore dei lavori è Fabio Pompei con la direzione scientifica dellarcheologo Stefano Musco della Soprintendenza Speciale di Roma Archeologia Belle Arti e Paesaggio e la collaborazione sul campo dellarcheologo Fabio Turchetta.



news

10-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 10 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news