LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Carrara. Il Mito della Cava
Francesca Bonazzoli
Corriere della Sera 2/6/2018

Lappuntamento La città toscana inaugura oggi un nuovo museo che celebra il rapporto degli artisti con la preziosa materia delle Apuane. Le frequenti visite del Buonarroti in questi luoghi sono una testimonianza della sua personalità
I tormenti di Michelangelo tra i marmi estratti a Carrara, ma da lì venne fuori la pietà

La vita di Michelangelo si è dipanata lunga e inquieta fra i palazzi del potere di Firenze e Roma, ma ha incluso anche diversi anni fra la polvere bianca di Carrara, dove lartista portò con sé le sue angustie religiose, politiche e famigliari. Dovunque andasse, quel genio misantropo non riusciva a placare le tensioni interiori: detestava i Medici, detestava i Papi, la mondanità, il lusso, lottusità del prossimo, persino i vestiti e le buone maniere, salvo poi sentirsi in colpa per la tirchieria che considerava un peccato. Le prolungate permanenze a Carrara possono far pensare che forse lì recuperava un po di sollievo dai tormenti. Ma non è così. Anche fra gli umili marmisti, carrettieri e barcaroli gli artigiani con cui aveva a che fare per ottenere il marmo trovò il modo di litigare, arrabbiarsi e rimare sempre scontento, fra risentimenti e irrequietezza.

Michelangelo arrivò per la prima volta a Carrara nel novembre 1497, quando aveva ancora 22 anni. Compì il viaggio in sella a un cavallo, e siccome da Roma sono più o meno 380 chilometri, la galoppata dovette durare circa sei giorni. Avrebbe potuto evitarselo, visto che si era stabilito nella Capitale solo un anno prima, ospite del cardinale Riario, cugino del futuro papa Giulio II, che lo aveva messo con successo al lavoro per sé e i suoi potenti amici. Raffaello avrebbe senzaltro agito così e avrebbe delegato al viaggio uno dei suoi allievi-amici. Michelangelo invece non si fidava mai di nessuno ed era un perfezionista. Ma non solo. Lopera che lo portò per la prima volta a Carrara sarebbe stata collocata nella chiesa più importante di Roma e della cristianità: San Pietro. Si trattava di una Pietà destinata alla sepoltura del cardinale Jean de Bilhères-Lagraulas. Un gruppo scultoreo che doveva rappresentare la Vergine con il Figlio a grandezza naturale per il quale Michelangelo avrebbe ricevuto 450 ducati doro, comprensivi delle spese del materiale e del trasporto. Unimpresa su cui dunque non poteva fallire, magari trovandosi a lavorare su un blocco di marmo non adatto che lo avrebbe costretto, come già gli era successo, a mandare a monte lopera con grande spreco di denaro. A Carrara, il giovane scultore non solo ebbe lopportunità di scegliere personalmente il marmo, ma anche di conoscerne a fondo segreti e tecniche di lavorazione osservando gli scalpellini. È con loro che Michelangelo compì il suo master. Stette in quei monti con due servitori e una cavalcatura, senza altra provisione se non del vitto, racconta il biografo Ascanio Condivi.

Quel primo viaggio gli rivela come sia fondamentale essere presente nella cava e da allora in poi, ogni volta che dovrà affrontare una scultura, risalirà a cavallo e si spingerà fino a Carrara dove passerà anche otto, tredici mesi consecutivi. Ai piedi delle Apuane conduceva una vita spartana e addirittura, nel 1516, la disponibilità di cibo fu così scarsa che Michelangelo dovette procurarsi grano, orzo e altre vettovaglie a Pisa. Trascorreva le giornate nelle cave polverose, fra il sali scendi dei buoi che trainavano le carrate, lunità di misura trasportata da due buoi aggiogati; esigeva che i marmi fossero bianchi, netti e belli, senza peli (le microfratture); forniva i disegni con le misure desiderate dei blocchi che faceva marchiare con tre cerchi e una M per identificarli; litigava continuamente per ritardi, pagamenti, forniture; organizzava i trasporti con i proprietari di barche. Pretendeva persino, siccome non conosceva il latino, che il notaio redigesse i contratti di acquisto in volgare.

Mentre a Roma Raffaello conduceva una vita da principe, lui a Carrara si isolava in unesistenza dura, coperto di polvere bianca. Ma sognava anche ce lo dice sempre il Condivi di scolpire un colosso che sarebbe apparso ai naviganti dal mare. Non era solo il desiderio di lasciare un segno di sé in quel ventre dove le sue statue nascevano; ma era anche il sentimento di uomo del Rinascimento che riconosceva nel paesaggio il luogo per eccellenza in simbiosi con larte. Quella natura, con le montagne bianche di marmo e di neve, incastonate fra il blu del mare e del cielo, lo incantava e placava per qualche prezioso attimo la sua aspirazione al sublime. Lo stesso motivo per cui oggi dovremmo fermarne lo scempio e rispettare le Apuane come un sacrario dove paesaggio e arte si sono uniti.



news

22-06-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 giugno 2018

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

Archivio news