LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trentino. Castelli, lo stato di salute è fragile
Margherita Montanari
Corriere del Trentino 3/6/2018

Le cause: piani dappoggio deboli, tempo, materiali usati. Drena, indagine statica

La frana che venerdì ha mandato in frantumi il lato Ovest della cinta muraria di Castel Drena accende i riflettori sulle fragilità dei reperti archeologici trentini. Tutto il nostro patrimonio culturale è fragile spiega il capo della soprintendenza ai beni culturali della Provincia di Trento Franco Marzatico, il quale evidenzia che casi di cedimento come questo sono allordine del giorno. La causa? La debolezza dei piani dappoggio, i materiali usati e il tempo.

TRENTO Un danno enorme al patrimonio artistico trentino e una perdita finanziaria consistente per il Comune di Drena. La frana che venerdì ha mandato in frantumi il lato ovest della cinta muraria di Castel Drena si è portata via, insieme alle pietre della costruzione medievale, anche buona parte delle entrate di cui beneficia la struttura. Nei mesi estivi si concentra il maggior numero di attività del castello, dagli ingressi al museo archeologico ad eventi che lo animano. Come sovrintendenza, poi, avevamo già preso accordi verbali col Comune ed eravamo pronti a rinnovare lesposizione museale. Ora i lavori necessari per mettere in sicurezza la cinta, le analisi statiche del terreno ed eventuali opere di restauro precluderanno laccesso al pubblico sicuramente fino a settembre, e probabilmente oltre.

Il quadro fatto da Franco Marzatico, capo della soprintendenza ai beni culturali della provincia di Trento, non è dei più rosei. Il comune di Drena continua ci ha fatto sapere che le entrate del castello si aggirano sui 20.000 euro annui, gran parte di questi guadagnati da giugno a settembre. È proprio nel clou della stagione che invece i battenti dovranno chiudersi.

Intanto lintervento tempestivo della protezione civile ha permesso di legare la parte del muro in cui si trova la frattura con tavole di legno e tiranti per evitare ulteriori cadute e mettere in sicurezza larea sottostante e la strada che sale da Dro. Il recupero delle pietre, invece, non è ancora stato effettuato. Prima precisa il capo della soprintendenza serve recuperare la sacca di terra che ha ceduto e avviare unindagine statica. Il lato del castello ceduto è lunico che non sorge sulla parete rocciosa. Il terreno è franato probabilmente a causa dl maltempo e delle intemperie. Si è formata una profonda U nel lato nord della cinta muraria merlata alta 10 metri, spiega Marzatico. Una caratteristica che era stata preservata dal restauro di rafforzamento a cui aveva provveduto la Provincia. Un intervento che aveva volutamente lasciato ruderale e originale il castello.

E non si può dire che lo stato di salute del Castello di Drena fosse più precario di quello degli altri castelli del Trentino. Tuttaltro. Tutto il nostro patrimonio culturale è fragile. I piani su cui poggia, la fisionomia tecnica costruttiva, i materiali impiegati e lingiuria del tempo fanno sì che non si possa mai stare tranquilli. Casi di cedimento come questo sono allordine del giorno. I castelli si possono consolidare, restaurare, studiare. Ma qualsiasi previsione non è certa su strutture che per la collocazione spesso esposta possono avere reazioni imprevedibili, conclude.




news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news