LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Il Mann ridipinge (virtualmente) le statue della Collezione Farnese
Mirella Armiero
Corriere del Mezzogiorno - Campania 5/6/2018

Un progetto di ricerca sulla policromia nel mondo antico restituisce ai reperti i colori originari. Sarà creato un archivio digitale

Napoli. Gli affreschi di Pompei ci mostrano un suggestivo mondo a colori, ma le statue della collezione Farnese come tante altre del mondo greco-romano si offrono agli occhi dei visitatori nel loro marmo bianco, seducente ma algido. Colore poi mutuato dalla statuaria successiva, tanto che i grandi artisti rinascimentali o neoclassici hanno lavorato materiali candidi.

Eppure le opere darte dellantichità non sono state sempre monocrome. Erano invece variopinte, come ricorda anche Eva Cantarella, studiosa del mondo antico: Se potessimo vedere il Partenone nelle sue tinte originali resteremmo assai sorpresi. Ormai siamo abituati a duemila anni di statue bianche, ma quelle antiche recano talvolta tracce dei loro colori originari. È il caso della celebre Venere in bikini pompeiana, così detta proprio perché allaltezza del seno reca ancora il disegno originale dun corpetto in colore oro.

Il prezioso reperto sarà uno di quelli interessati da un progetto sulla policromia. Per restituire, ovviamente solo sul piano virtuale, i colori originari alle statue. Lo promuove il Mann ed è stato presentato ieri mattina nella sede del museo. La curatrice di Mann in colours è larcheologa Cristiana Barandoni. La prima fase durerà tre anni e impiegherà nuove tecnologie e software digitali grazie alla collaborazione scientifica con la National Taiwan Normal University di Taipei. Parallelamente alle indagini diagnostiche, che partiranno da luglio in collaborazione con il laboratorio di restauro del Mann, sarà fin da subito parte integrante del progetto lapertura verso il pubblico di tutte le fasi della ricerca, grazie alla realizzazione di una expert room o cantiere aperto.

Dopo aver dedicato lo scorso anno una mostra a Winckelmann, spiega Giulierini, uno dei teorizzatori del candore delle statue classiche che ha aperto una scuola di pensiero tenacemente impermeabile allidea del colore, il Mann continua nel processo di stimolo della ricerca concentrandosi appunto sulla policromia, che rende molto più vicini i capolavori antichi alla tradizione della statuaria lignea sovradipinta di età medievale e rinascimentale presente nelle nostre chiese. Lo straordinario effetto dei pigmenti, che mira ad una volontà di realismo, ci porta a riflettere su quanto parziali e decontestualizzate possano essere le esposizioni museali. Per fare un esempio sarebbe come se noi esponessimo fra 2000 anni una macchina da corsa di una nota casa costruttrice di Maranello senza il caratteristico colore rosso: le avremmo privato laspetto più identitario.

Da circa ventanni a questa parte, hanno spiegato i promotori delliniziativa, la ricerca sulla policromia ha fatto passi da gigante ed è diventata materia di studio interdisciplinare, combinando da una parte le moderne strumentazioni e tipologie di analisi, dallaltra raccogliendo come base teorica competenze umanistiche fondamentali per il raggiungimento dei risultati.

Da quando mi sono avvicinata al tema della policromia ne ho subito colto il valore, dichiara la curatrice Cristina Barandoni, e mi sono interrogata su come fare uscire questo argomento dalle stanze degli addetti ai lavori e diffonderlo al grande pubblico. È straordinario il potere evocativo delle immagini di sculture alle quali viene restituita loriginaria policromia e i musei hanno un ruolo centrale nella trasmissione di questo messaggio. Ricercare i colori degli antichi significa trasmettere conoscenza, educare a un approccio alla statuaria classica completo ma soprattutto emozionare di fronte ad opere che, per vicende collezionistiche e di restauri non sempre filologicamente corretti, hanno perso laura originale. Non si tratta di ricolorare le sculture ma indagare se e come fossero dipinte e tentare di ricucire la loro storia. Il Mann si muove sulle tracce di una esperienza simile al Copenhagen Polychromy Network, per sviluppare infine un database consultabile dal pubblico.

Le prime statue ad essere analizzate saranno quelle della collezione Farnese, a partire dallAtlante, ma tra le cento opere individuate, che non si sposteranno dalla loro collocazione, cè anche Venus Marina, il rilievo del Thiasos dionisiaco di Ercolano.



news

11-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 11 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news