LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Siria ratifica Unidroit: fine del traffico illecito di antichità
Giuditta Giardini
http://www.ilsole24ore.com/art/arteconomy/2018-06-08/la-siria-ratifica-unidroit-fine-traffico-illeci

Le immagini dei soldati dello Stato Islamico che distruggono le statue e i bassorilievi del museo di Mosul e le mura di Ninive sono ancora vivide nella nostra memoria. Per cercare di porre fine a quel cultural cleansing, pulizia culturale, come definita dall'allora direttrice generale dell'UNESCO Irina Bokova, nel febbraio 2015, ilConsiglio di Sicurezza dell'ONU, avente mandato in materia di mantenimento della pace e sicurezza globale, ha adottato la Risoluzione 2199. Il Consiglio era rimasto immobile fino a quando il suo organo ausiliario, il Monitoring Team, non ha fornito le prove necessarie per stabilire un collegamento tra il traffico illecito di oggetti d'arte di provenienza irachena e siriana con il finanziamento del terrorismo, minaccia per la sicurezza mondiale. Il contenuto della Risoluzione, vincolante per i paesi membri, chiede alla comunità internazionale di fare gli opportuni passi per fermare i flussi illeciti di beni d'arte provenienti da Siria e Iraq.

Stop ai traffici illeciti. Ora la Siria ha ratificato laConvenzione dell'UNIDROIT sul traffico illecito di oggetti d'arte, seconda convenzione che ratificata dallo scoppio della guerra (l'altra sul doping nello sport), e questo avrà un impatto a livello internazionale, poiché potrà richiedere indietro quei beni che ad oggi vengono utilizzati per finanziare il terrorismo, beni che talvolta vengono veicolati, attraverso siti web e operatori del mercato dellarte, anche se scambiati in buona fede.
Marina Schneider, Alto Funzionario Giuridico di UNIDROIT e Depositario di Trattati

Dal 2015 ad oggi abbiamo assistito all'intensificarsi di misure per la tutela del commercio lecito di beni d'arte tanto a livello internazionale quanto a livello europeo. L'Europa, che celebra l'anno europeo della cultura e lavora su un nuovo Regolamento all'importazione di beni culturali, riporta l'attenzione sull'importanza del bene d'arte sia come manifestazione dell'identità umana, sia come bene eccezionale che deve circolare legalmente fuori e dentro i confini europei. A livello internazionale il lavoro congiunto di UNESCO, UNIDROIT, UNODC, INTERPOL, OMD, ICOM ed altri partner sta portando i suoi frutti. Workshop e training delle forze dell'ordine, delle autorità di dogana, di militari, di magistrati e ufficiali ministeriali dei territori vittime di saccheggi ha permesso la sensibilizzazione verso le tematiche attinenti al traffico illecito.
La notizia del deposito dello strumento di adesione alla Convenzione UNIDROITdel 1995 presso il MAECI(Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale) con cui la Siria aderisce al trattato diffusa oggi dall'UNIDROIT, segna la fine di un'era. Come i musei americani sono soliti scandire il tempo in avanti, dopo la Convenzione UNESCO del 1970 sultraffico illecito, così sarà per la Siria con UNIDROIT. La Convenzione dell'UNIDROIT sui beni culturali rubati o illecitamente esportati prevede la restituzione dei beni d'arte sottratti o usciti illegalmente da uno Stato, anche se acquistati da un terzo in buona fede. Inoltre il trattato fissa un indice di diligenza che ogni acquirente di opere d'arte dovrebbe seguire, anche utilizzabile in giudizio come test processuale per provare il comportamento responsabile del compratore che agisca per l'ottenimento di un equo indennizzo. Per fare un esempio, le antichità siriane di provenienza illecita, approdate in Italia successivamente all'entrata in vigore della Convenzione UNIDROIT per la Siria e in vendita presso antiquari, Ebay, siti di aste online, etc. dovranno essere restituite al mittente. Le azioni di restituzione per furto o scavi clandestini si prescrivono in 50 anni dal momento in cui questi sono avvenuti e possono essere promosse tanto dallo Stato quanto dai privati.
Marina Schneider, funzionario giuridico di UNIDROIT, commenta l'adesione della Siria alla Convenzione ritenendola un potenziamento della protezione del patrimonio culturale nazionale già garantita dalla ratifica della Convenzione UNESCO del 1970. La Schneider ricorda quanto sia indispensabile un approccio olistico alle Convenzioni culturali e cita larisoluzione del Parlamento Europeocon cui si richiedeva agli Stati Membri Eu di ratificare congiuntamente i trattati UNESCO e UNIDROIT.
Questo gesto, proveniente da uno Stato dilaniato dalla guerra e depredato di quello che ha di più prezioso, insegna che è giunto il tempo di arrendersi dinnanzi alla consapevolezza che un mercato internazionale con un valore di quasi 50 miliardi di dollari, come quello dell'arte, è inevitabilmente un mercato in cammino verso la best practice e che la deregolamentazione può considerarsi sempre di più un privilegio perduto.



news

24-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news