LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piscine, sale da concerto Qui cerano una volta le stazioni ferroviarie
Luca Bergamin
Corriere della Sera 9/6/2018

Da San Paolo a Tel Aviv, le riconversioni scenografiche

Tuffarsi dentro la hall di una stazione dei treni. Si può fare a St. Louis, nello stato americano del Missouri, senza rischiare di rompersi qualche osso. Laddove cerano i binari di uno dei principali snodi ferroviari dellOvest statunitense, infatti, cè una piscina adorata dai viaggiatori e dai businessman che scelgono di alloggiare allHotel Curio Collection della catena Hilton che è sorto allinterno della Union Station allorquando, agli inizi degli anni 80, è stata trasformata in struttura recettiva, shopping centre e complesso di intrattenimento.

Quello della conversione delle stazioni ferroviarie è un trend architettonico iniziato appunto pochi decenni fa, il cui primo mattone è stato sicuramente il Musée dOrsay: larchitetta milanese Gae Aulenti lo immaginò come spazio ideale per ammirare i masterpiece dei pittori impressionisti Monet, Degas, Van Gogh e scelse la pietra calcarea chiara perché si sposava armoniosamente con la luce che entrava dalla volta in metallo e vetro. La versatilità dei materiali originali, lampiezza degli spazi, la sensibilità verso il recupero e il fastidio verso lo spreco hanno portato a una declinazione sempre più varia nel riutilizzo delle stazioni ferroviarie, molte delle quali rese inoltre desuete da nuovi e più veloci mezzi di trasporto. Se quella di Atocha a Madrid è un ibrido perché, pur essendo stata mantenuta praticamente intatta, si è voluto piantare al suo interno un giardino tropicale, a San Paolo in Brasile, invece, la Julio Prestes, eretta agli albori del XX secolo, ha cambiato interamente anima. Il suo volto è rimasto lo stesso poiché la facciata ricalca appunto gli stilemi architettonici di quel periodo. Anche le colonne, la pavimentazione e soprattutto i mosaici in vetro colorato delle finestre sono coevi al periodo in cui fu costruita: ora, però, ospita lomonimo Centro Culturale il cui fiore allocchiello è rappresentato dalla Sala São Paolo in cui si esibisce la prestigiosa Symphony Orchestra, sfruttando la perfetta acustica di cui si gode in quella che era la hall centrale della stazione.

Spazi museali, musicali ed anche di creazione artistica. Lesempio più riuscito e tuttora in divenire di questa ulteriore rinascita delle stazioni è rappresentato da Luma Arles, che si sta sviluppando in unarea limitrofa alla città provenzale laddove si trovavano i magazzini principali dei treni francesi: sotto la direzione progettuale dellarchistar Frank Gehry, lArts Resource Centre riunisce gallerie di arte contemporanea, studi di artisti, aree ricettive e ricreative per adulti e bambini, torri e installazioni. Le esposizioni temporanee sono di altissima qualità grazie alla collaborazione con la Tate Modern di Londra e il New Museum of Contemporary Art di New York. Ecco dunque che da luoghi soggetti a una fruizione rapida e superficiale, le aree ferroviarie adesso sono vissute in modo più profondo e accurato da tutte le generazioni. In Israele questo aspetto sociale è fortemente marcato sia a Tel Aviv che a Gerusalemme. LHatachana sorge tra la spiaggia, il mercato del Carmelo e il quartiere bohemien di Neve Tzedek. Laddove arrivavano i viaggiatori da Gerusalemme, adesso i bambini giocano a pallone sopra i binari dismessi, i genitori fanno acquisti nelle boutique, i turisti visitano le mostre sulla storia del Paese allestite allinterno dei vagoni. Il capolinea opposto, la First Station della Città Santa, invece ha una connotazione più gastronomica in virtù delle start-up legate alla ristorazione che sono sorte intorno ai binari ricoperti da una passerella in legno che si può attraversare anche con i segway.

Chi vuole avere una stazione tutta per sé, ed è disposto a sborsare 950 mila sterline (circa un milione e trecento mila euro) può acquistare la Station House nello Shropshire, contea delle West Midlands inglesi. Oltre alla parte in muratura dove si trovavano biglietteria e sala daspetto, potrà alloggiare anche nei vagoni in cui sono state ricavate le stanze da letto, il soggiorno e i bagni. Lunico rischio è svegliarsi nel cuore della notte col timore che la casa parta allimprovviso.





news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news