LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bologna. E dopo quarantanni la scultura trafugata rispuntò sul set del film
GIUSEPPE BALDESSARRO
Repubblica, 09/06/2018

Lopera era a casa delleditore Franco Maria Ricci Che ora vuole tenersela: La comprai in buona fede



La sera di tre anni fa in cui decise di andare al cinema La nuova pergola di Reggio Calabria, larchitetto Filippo De Blasio non immaginava nemmeno lontanamente che quel film lo avrebbe riportato così indietro nel tempo. Certo, sapeva che La migliore offerta di Giuseppe Tornatore, parlava di aste, di arte e dantiquariato, ma mai e poi mai avrebbe pensato di doversi rituffare nel 1600 e nella storia della propria famiglia dorigine: i Monsolini di Palizzi. La prima scena girata in una bella villa-museo italiana aveva qualcosa di familiare. Ma è stata alla seconda e poi alla terza che secondo il suo racconto gli si è acceso il ricordo. La scultura di un cavaliere disteso su un fianco, posto sullo sfondo dei protagonisti della pellicola, era in tutto e per tutto identica al coprisarcofago trafugato del più famoso dei suoi antenati: il cavaliere Giuseppe Monsolini, un nobile ospitaliere dellordine di Malta con la missione di difendere i fedeli in viaggio verso la Terrasanta e la costa reggina martoriata dalle incursioni turche. Un soldato le cui spoglie, intorno al 1637, i frati cappuccini dellEremo della Madonna della Consolazione di Reggio Calabria avevano accolto nella loro chiesa.
Così avevano voluto gli ordini superiori per ringraziarlo della protezione contro i pirati.
La storia dice che quella tomba, o meglio la copertura con la scultura del cavaliere, era stata rubata negli anni 70, durante i lavori di restauro della cattedrale. Ebbene, quella sera dellinverno del 2015, De Blasio si convinse che quella era il monumento al suo antenato. Lo disse alla moglie e agli amici che erano con lui, ed assieme iniziarono a cercare di capire.
Qualche giorno dopo, acquistato il film in dvd, lo rividero tutti assieme nel salotto di casa. Con calma selezionarono le 18 scene nelle quali la scultura era presente. Poi nei titoli di coda scoprirono larcano: La produzione ringrazia il noto collezionista darte ed editore Franco Maria Ricci, per la possibilità di girare alcune scene del film nella sua villa Fontanellato a Parma.
Da qui lesposto ai carabinieri della sezione Tutela del patrimonio culturale di Cosenza.
Nel giro di qualche mese gli investigatori scoprirono che la scultura formalmente attribuita ad un Ignoto siciliano di Noto (Siracusa), era autentica e che era proprio quella rubata in Calabria. Ricci laveva anche inserita in diversi suoi cataloghi, ovviamente senza conoscerne la reale provenienza. Interrogato e formalmente indagato per riciclaggio (linchiesta è stata poi archiviata, tra laltro il reato era ampiamente prescritto) il collezionista spiegò ai carabinieri che aveva acquistato lopera, con un assegno da 14 milioni di lire, il 9 ottobre del 1994 alla fiera di Parma (Mercante in fiera, tra le più note del settore). La scultura gli era stata venduta da un antiquario di San Gregorio, nel catanese, di nome Giuseppe Musumeci. Sequestrata lopera (lasciata in custodia a Ricci) i carabinieri erano quindi volati in Sicilia sulle tracce di Musumeci, ormai in pensione dal 2003.
Questi a sua volta aveva raccontato di averla avuta da un piccolo costruttore di Noto, tale Turi Cappidduzzu, che gli aveva raccontato di averla trovata durante dei lavori di rifacimento stradale della zona. Inutile dire che di Cappidduzzu, già deceduto, oggi non cè più traccia, ed è qui che si chiude lindagine.
Nel frattempo il fascicolo era passato alla procura di Parma per competenza territoriale ed è stato durante gli ulteriori accertamenti che si è scoperto che Ricci ha in casa anche un quadro oggetto di furto a Roma. Un picciolo dipinto appartenuto al signor Manlio Giannoni e sottratto dalla sua casa nel 1995. Anche in questo caso Ricci, sentito dagli investigatori, ha esibito un assegno e un nome, quello dellantiquario milanese Andrea Giovanni Daninos, che però a distanza di tanti anni non ricorda più da dove era arrivato quel quadro.
Trovata la refurtiva, ma niente colpevoli. Storia finita? No. A maggio scorso i carabinieri hanno chiesto il dissequestro delle opere per la consegna ai legittimi proprietari. Qualche giorno prima della restituzione però i legali di Ricci hanno aperto un nuovo capitolo. Secondo i difensori del collezionista quelle opere, in quanto acquistate in buona fede, devono restare di sua proprietà.
La richiesta, firmata dallavvocato Pierluigi Collura, sarà discussa davanti a un giudice di Parma il 28 giugno. Il coprisarcofago del cavaliere Monsolini potrebbe non raggiungere più il resto della sepoltura (le lastre laterali della tomba sono ancora custodite a Reggio Calabria) e la stessa sorte potrebbe capitare al quadro del signor Giannoni. Larchitetto De Blasio invece spera che la scultura possa tornare allEremo e restituita alla città.



news

12-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news