LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Grandi navi, nuovo scontro Lega-5 Stelle
M. Za. - A. Zo.
Corriere del Veneto 9/6/2018

Dopo la Tav si apre il fronte Venezia. Zaia difende il piano, i grillini incontrano il ministro: Via le crociere

Venezia. Lega e Movimento 5 Stelle già ai ferri corti, almeno in Veneto, sul tema delle grandi opere. Dalla Pedemontana alla Tav con le categorie schierate a fianco di Zaia, si apre quello delle Grandi Navi. Llex ministro Delrio aveva trovato la quadra con Autorità Portuale, Regione e Comune per un nuovo terminal a Marghera. Ma ieri a un incontro coi deputati pentastellati il neo ministro Toninelli ha riaperto il dossier.

VENEZIA. Fuori le grandi navi dalla laguna, dicono da sempre. E ora che il Movimento 5 Stelle è al governo e che ha anche il ministro cruciale di questo dossier, Danilo Toninelli (Infrastrutture), a Venezia tutti aspettano di capire quale sarà il futuro della crocieristica. Anche perché cè il rischio di uno scontro istituzionale dopo che il Comitatone dello scorso 7 novembre, guidato dal ministro precedente Graziano Delrio, aveva faticosamente trovato la quadra sullipotesi di un nuovo terminal a Marghera, mettendo insieme soprattutto Autorità portuale, Regione Veneto e Comune di Venezia. Ieri con Danilo abbiamo parlato a lungo con i colleghi di tutta Italia e io, naturalmente, ho portato alla sua attenzione il tema delle grandi navi spiega la deputata di San Donà Arianna Spessotto Adesso che siamo al ministero e possiamo avere accesso alle carte cercheremo di capire. La nostra posizione continua ad essere, come intervento di minima, lapplicazione di quel decreto Clini-Passera che è rimasto lettera morta finora.

Il 2 marzo 2012, a un mese e mezzo dallincidente della Costa Concordia, gli allora ministri Corrado Passera e Corrado Clini decisero di limitare laccesso in bacino di San Marco alle navi da crociera oltre le 40 mila tonnellate, in unepoca in cui arrivavano già quelle ben oltre le 100 mila. Ma quel regime sarebbe entrato in vigore solo con una via alternativa che dopo sei anni non cè ancora. O meglio, archiviate le ipotesi di scavo del canale Contorta e poi del Tresse Nuovo, ora si punta (o forse puntava) su Marghera, con accesso dal canale dei petroli e dunque dalla bocca di porto di Malamocco. Questa è stata la linea del Comitatone, che ha poi dato mandato al presidente del Porto Pino Musolino anche di valutare lo scavo del canale Vittorio Emanuele per consentire alle navi medie di proseguire da Marghera allattuale Marittima, che altrimenti rischierebbe di essere buttata via. Ma ora cè Toninelli e Musolino aspetta un incontro per presentare quanto fatto finora.

Stiamo facendo le caratterizzazioni nel Vittorio Emanuele e stiamo lavorando ai progetti per Marghera - continua il presidente - Quando saremo pronti presenteremo tutto. Ma da quel Comitatone sono ormai passati sette mesi e dalle parti di Ca Farsetti cè un po di pressing sul Porto. Il Comitatone ha scelto Marghera e io il mio compito lho fatto fino a quel punto - dice il sindaco Luigi Brugnaro - Ora facciamo le valutazioni necessarie e andiamo avanti. Anche perché è giusto che il nuovo ministro si prenda il proprio tempo per informarsi, ma noi dobbiamo fare in modo che sia tutto pronto il prima possibile. Il rischio è che la linea cambi, anche se quel progetto laveva firmato anche il governatore Luca Zaia, esponente di punta di quella Lega che è alleata degli M5S a Roma. Bisogna trovare una soluzione adeguata che tenga conto degli interessi di tutti - ha detto nei giorni scorsi Zaia - Ma sia chiaro che Venezia è per la crocieristica, su questo non si discute.

Spessotto, dopo le elezioni, era arrivata a dire che le crociere giganti avrebbero dovuto essere spostate a Trieste. In alternativa per tenere le navi fuori dalla laguna cè il progetto Duferco dellex viceministro Cesare De Piccoli, che prevede un terminal di scalo alla bocca di Lido. Progetto accantonato visto che Delrio puntava su Marghera, unarea che secondo noi presenta comunque grossi problemi - continua Spessotto - Ampliare e scavare ancora il canale dei Petroli la cui realizzazione è allorigine dello squilibrio della laguna non è certo la soluzione. Anche se in realtà lipotesi di un terminal in zona industriale non prevede nuovi scavi. Siamo in contatto costante con Danilo - conclude la deputata - ma le cose da affrontare sono tantissime quindi servirà un ordine di priorità.



news

10-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 10 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news