LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Montebelluna. Memoria e storia : il museo della Grande Guerra
Mauro Pigozzo
Corriere del Veneto 9/6/2018

Impalcature ovunque, a circondare villa Pisani a Montebelluna. Dentro, un indaffarato muoversi di pittori con rullo e vernice, muratori e restauratori con attrezzi di rifinitura. In giardino, bancali e ancora attrezzi. Villa Pisani diventerà in pochi mesi il museo veneto della Grande Guerra.

Ieri il sindaco di Montebelluna Marzio Favero con il caschetto blu della sicurezza in testa ha tenuto a battesimo quello che diventerà il Memoriale veneto della Grande Guerra. La data di inaugurazione cè già: il prossimo 3 novembre, lo storico giorno in cui a Villa Giusti di Padova venne firmato larmistizio. Data simbolica, come simbolico è il monumento, scelto per raccontare la prima guerra mondiale e costruirne la memoria, un progetto unico a livello nazionale, spiega la direttrice del Museo, Monica Celi. E la filosofia espositiva è spiegata dal sindaco Favero, che oltre a vestire la fascia tricolore, è intellettuale e storico. I memoriali fascisti consideravano la guerra come una fiamma purificatrice, la valorizzavano - spiega - . Questo memoriale usa categorie inverse: recuperiamo la memoria ferita, anche di questa villa che fu ospedale militare in una città che patì sessanta bombardamenti, partendo dalla memoria delle 17 milioni di persone morte in quel conflitto. Un racconto storico che si ispira a modelli francesi e del Nord Europa e che si svilupperà per 24 sale in una villa oggetto di un radicale restauro, che ha riportato alla luce affreschi preziosi di cui si era totalmente persa memoria. Sono 24 le sale tematiche, articolate in 2100 metri di percorso. Ecco alcuni flash. Dopo lingresso, la sala due sarà dedicata al contemporaneo, la sala tre allOttocento e alla Belle Epoque, la quattro lassassinio di Francesco Ferdinando, la quinta alla cronologia della Grande Guerra. Ma poi ci sono sale dedicate alla retorica della guerra e quindi al conflitto reale, con la guerra di posizione e quindi quella tra cielo e mare. La decima sala è dedicata alla geografia e alla geologia del conflitto, lundicesima ai panorami di guerra e poi via via si parla di soldati, del loro quartier generale, della propaganda, del teatro della memoria, della società che cambia. Desterà curiosità la parte dedicata alle prostitute: immagini che raccontano di bordelli dove le donne erano lancora di salvezza di tanti giovani uomini. E poi ancora il dominio della ricerca declinato per le comunicazioni, per le armi, e il dominio della tecnica con la guerra documentata e la medicina. Fino alla fase della costruzione e della memoria che chiude il ciclo tornando al contemporaneo. Ma non solo Memoriale, la villa sarà il centro da cui partiranno i percorsi dedicati alla grande guerra e ai luoghi delle battaglie, annunciano. Già dal parco della villa che lo ospita è possibile salire al Montello, affacciandosi così sulla piana del Piave. Ripercorrendo la vicina, vecchia ferrovia cantata dalla Tradotta (e oggi recuperata come pista ciclabile) si raggiunge Nervesa della Battaglia, con la memoria di Francesco Baracca e dei primi combattimenti aerei della storia. Si può salire sino a Cima Grappa e al Sacrario.



news

11-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 11 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news