LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lonato. Cubo alla Rocca, il rischio imitazione
Costanzo Gatta
Corriere della Sera - Brescia 12/6/2018

A Lonato non si placa la polemica sulla costruzione: Ben fatta, ma non ci voleva
Voluto dalla Fondazione Ugo da Como a Lonato è stato realizzato con cura, ma la polemica resta

In tre mesi e mezzo, nonostante le polemiche iniziali non si siano ancora placate, il cubo trasparente alla Rocca di Lonato ha preso forma. La struttura è meno invasiva di quanto si potesse immaginare, sono state rispettate tutte le indicazioni della Soprintendenza, la copertura è stata rivestita di verde per essere meno impattante. Le cose, in sostanza, sono state realizzate al meglio, ma il rischio è che si crei un precedente.... pericoloso.

È una realtà. Sul prato della rocca di Lonato è spuntato il padiglione voluto dalla Fondazione Ugo da Como e che sarà utilizzato anche dal Comune. Ospiterà ricevimenti, dibattiti. Mentre un valanga di proteste riempiva carte bollate e carte di giornali è cresciuto.

Proviamo a vedere il cubo della discordia, che poi cubo non è. Ha piuttosto la forma di un parallelepipedo di 26 metri per 13 e occupa 536 metri quadrati. Cerchiamo di osservarlo dimenticando per un attimo il contesto storico-paesaggistico o la profanazione della rocca lamentata. Ed in questo esercizio di protesta molti si sono pronunciati. A pieno titolo le associazioni di tutela come lIstituto Italiano dei Castelli e Italia Nostra. Per ragioni prevalentemente di opposizione politica altri. Lancia in resta si è mosso infine qualche addetto ai lavori che forse avrebbe fatto meglio a tacere perché lo ricorda il vangelo di Giovanni chi è senza peccato scagli la prima pietra.

Lopera è costata non poco. Un milione e 300 mila, spero qualcosa di meno - precisa Sergio Onger presidente della Fondazione Ugo da Como. A far lievitare i costi sono stati i numerosi ritocchi apportati in corso dopera, seguendo i giusti suggerimenti della Soprintendenza aggiunge larchitetto Nicole Bonini. La signora, con i colleghi Nick Bellora e Francesco Carli, fa parte dello studio Top Tag di Milano che nel 2016 ha elaborato il progetto commissionato dalla Fondazione.

Laccorgimento più interessante riguarda la fascia di un metro che sormonta lintero padiglione. Nella sua superficie riflettente si specchiano le murature, i merli guelfi della cinta e la cupola del duomo e la Torre del popolo.

Tenendo poi conto delle pareti di vetro alte tre metri e mezzo, limpatto del grande volume non è certo devastante come si pensava. Un edificio quindi in tutto e per tutto trasparente, soprattutto se non dovrà essere oscurato per proteggere gli ospiti dal sole. Migliore quindi del tendone utilizzato per tre lustri. Quello veramente era simile ad una gigantesca scatola da scarpe poggiata sul prato. A detta dei progettisti il corretto impatto ambientale e la tutela degli strati archeologici sono stati garantiti. La soprintendenza sè accertata che i 40 paletti ficcati nel terreno per sostenere la struttura non toccassero nulla di storicamente interessante. Una soluzione particolare riguarda il tetto. Per non disturbare la vista dai punti più alti della rocca è stata creata una copertura verde seminata con talee di sedum, piante non scelte a caso, ma presenti nei prati della rocca. Crescono senza bisogno di cure particolari. Ora si attende linaugurazione. A settembre, con ogni probabilità ipotizza il presidente Sergio Onger. Morale: che si sia fatto tutto al meglio è incontestabile. Vero anche che nella rocca non avrebbe dovuto sorgere nulla. Laugurio è che non diventi un precedente. Sarebbe pericoloso.



news

11-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 11 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news