LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Ue verso la tutela dei beni culturali dei Paesi terzi
Tommaso Cinquemani
http://www.affaritaliani.it/affari-europei/l-ue-verso-la-tutela-dei-beni-culturali-dei-paesi-terzi-5

Il mercato dei beni culturali è fiorente. Opere d'arte, elementi provenienti dallo smembramento di monumenti, manoscritti, collezioni... in Europa si importano ed esportano beni per miliardi di euro. Un business intorno al quale l'Unione europea vuole fare chiarezza per evitare compravendite poco chiare, spesso legate a reperti archeologici trafugati da Paesi in guerra anche per finanziare il terrorismo.

Per questo é in discussione al Parlamento europeo il Regolamento per limportazione dei beni culturali nellUe. Un testo presentato dalla Commissione Ue che é stato emendato in Commissione Cultura la scorsa settimana a Bruxelles e che ora deve passare al vaglio delle commissioni per merito IMCO (Mercato interno) e INTA (Commercio Estero) per poi passare in dell'Aula e al Consiglio Ue prima di entrare in vigore.

Oggi non esiste una legislazione organica che regoli l'importazione di beni culturali all'interno dell'Unione. "Serve urgentemente definire un quadro di regole comuni che stabilisca norme chiare per chi importa opere d'arte in maniera legale e per contrastare l'import illegale di beni", spiega Luigi Morgano, eurodeputato del Pd e relatore ombra, in Commissione cultura, per il gruppo dei Socialisti e Democratici.

"Oggi vengono contrabbandati in Europa beni archeologici provenienti da zone di conflitto. Un business illegale che per di più finanzia il terrorismo internazionale, visto che il contrabbando é nelle mani di gruppi come Daesh. Ma anche la malavita sfrutta il mercato dell'arte per 'lavare' il denaro di provenienza illecita".

Onorevole, perché l'Unione europea dovrebbe intervenire su questo tema?

"Prima di tutto perché il 2018 é l'Anno europeo del patrimonio culturale e non possiamo lasciare che passi senza lasciare il segno. L'Europa poi importa molti beni culturali e dobbiamo sentirci in dovere di verificarne la provenienza. Con le norme che abbiamo proposto non solo vogliamo tutelare il nostro patrimonio culturale, ma anche quello dei Paesi terzi che per ragioni varie non sono in grado di proteggerlo".

Anche il nostro patrimonio culturale é in pericolo?

"Un regolamento di questo genere riguarda da vicino anche l'Italia, nel cui sottosuolo é nascosta una grande ricchezza archeologica che viene sistematicamente saccheggiata. Il nucleo di tutela del patrimonio artistico dei carabinieri ha recuperato 1,2 milioni di reperti di provenienza illecita".

Con i vostri emendamenti che cosa avete chiesto?

"Ad esempio di abbassare a 100 anni il limite di età dei beni culturali oggetto del regolamento. Mentre inizialmente la Commissione aveva chiesto che il limite fosse di 250 anni. Così come d'altronde é riconosciuto in tutte le Convenzioni internazionali, in particolare, quella UNESCO del 1970, e come previsto dal regolamento UE allesportazione dei beni culturali. Questo permetterà di monitorare una fascia molto più ampia di beni culturali, fino alla metà del XVII secolo che, altrimenti, non sarebbero stati sottoposti ai necessari controlli, facilitando così il mercato illegale dellarte".

Come si stabilisce se un Paese é in grado di tutelare o meno i suoi beni culturali?

"Abbiamo chiesto che la Commissione, con laiuto dellUNESCO e dell'ICOM, stili una lista di Paesi in conflitto nei confronti dei quali applicare misure restrittive, come è stato fatto per Siria ed Iraq per i quali è scattato un divieto di importazione, e per i cui beni, qualunque essi siano, sarà sempre necessario il rilascio di una licenza dimportazione".

Quali documenti é necessario che un importatore presenti per essere in regola?

"Limportatore dovrà presentare un fascicolo che contenga: una dichiarazione firmata dell'importatore, un documento elettronico standardizzato per il riconoscimento delloggetto, una sorta di carta didentità, e una licenza di esportazione rilasciata dal paese di origine. Laddove questo non fosse identificato chiaramente, occorrerà presentare una licenza di esportazione dal paese di esportazione e se tali licenze non fossero disponibili, tutta una serie di documenti e prove come fatture, contratti, perizie volti a dimostrare lacquisizione lecita del bene".



news

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

20-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news