LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sicilia. Standard di qualità di musei, parchi e aree archeologiche in Sicilia, interviene il dirigente generale dei Beni Culturali
Silvia Mazza
https://www.ilsicilia.it/standard-di-qualita-di-musei-parchi-e-aree-archeologiche-in-sicilia-intervi

Buone notizie, per cominciare. la Rubrica che abbiamo avviato il primo maggio scorso per offrire ai lettori una riflessione critica sui beni culturali a statuto speciale traendo spunto dalla cronaca, si connota da subito anche come occasione di stimolo (o pungolo) rivolto alle istituzioni. Dopo lappuntamento di apertura dedicato al progetto di Accreditamento dei luoghi della cultura siciliani, ci ha scritto Sergio Alessandro, dirigente generale del Dipartimento dei Beni culturali della Regione siciliana, che il progetto lo conosce bene per averlo avviato nel suo precedente incarico, a capo dellUfficio dipartimentale di riferimento, il Servizio Fruizione, valorizzazione e promozione del patrimonio culturale pubblico e privato.

Il progetto, abbiamo scritto, partendo da una fotografia dello status quo di musei, parchi e degli altri istituti, pubblici o privati, si pone come obiettivo di certificare la loro capacità di svolgere un servizio appropriato. In quale stato sono le strutture espositive? il personale è adeguato numericamente o adeguatamente preparato? la sicurezza è efficiente? come vengono gestite le collezioni? e i rapporti col pubblico? Insomma, domande come queste, a cui con ricorrenza sulla stampa vengono date risposte negative.

E che Alessandro non smentisce: dallanalisi dei questionari ci dice è emerso che le lacune più ricorrenti, sono riferite allambito delle strutture, come la presenza di barriere architettoniche o le carenze di manutenzioni impiantistiche;allambito del personale, con carenza di quello con specifici profili; allambito dei servizi offerti, dove la carenza riguarda i materiali informativi, servizi educativi o l accoglienza dedicata.

Le luci che abbiamo riacceso sul progetto sono, quindi, occasione per informare i lettori sulla situazione attuale e le prospettive. Le criticità, apprendiamo, si devono, manco a dirlo, a rallentamenti di ordine politico, su tutti il vertiginoso ricambio di assessori durante il Governo Crocetta, che ha toccato quota sei, e che, a ruota, ha determinato continui cambi dei vertici dellAmministrazione, spiega il dirigente. Malgrado tutto, tra stop and go, il progetto è in itinere. Nel corso del 2017 prosegue si è proceduto a una attenta analisi dei questionari da parte del Gruppo di lavoro istituto presso il Dipartimento che ha messo in atto, attraverso un processo bottom up, un confronto diretto con i responsabili degli Istituti finalizzato a delineare un quadro il più esaustivo possibile.

Le informazioni sono ancora parziali, ma la volontà di rimettere in moto la macchina cè, anche se Alessandro non è in grado di indicare scadenze certe. E stato costruito un database per riversare tutti i dati dei questionari e mettere in luce un quadro sinottico di rappresentazione delle criticità riscontrate. Ma il sito online è fermo a due anni fa con la pubblicazione del progetto e dei suoi allegati (questionario, manuale, linee guida, etc.), di nuovo non cè nulla. Il dirigente ci parla di un Comitato di accreditamento deputato al rilascio della valutazione finale delle istanze, da costituire però. Ne faranno parte, oltre ai rappresentanti del Dipartimento, anche rappresentanti dellANCI, CEI e ICOM,nonché due esperti di economia e gestione dei beni culturali, di nomina assessoriale.

Nomine che Alessandro ha richiesto a ben due assessori, senza esito: questo è il terzo, ci dice. E, ancora, a breve, ma anche per questo non è dato sapere quando, è prevista lattivazione della call per gli Istituti della cultura non a titolarità regionale e, conseguentemente, verranno delineate le priorità finalizzate a orientare i progetti che attingeranno alla riserva finanziaria (a valere sul PO FESR 2014-2020),istituita dal Dipartimento proprio per il superamento di quelle criticità che limitano laccreditamento degli Istituti. Si è proiettati, quindi, già sulla seconda fase del progetto, quella che dovrà chiamare allappello i luoghi della cultura che non dipendono dalla Regione, ma dagli altri enti territoriali e dai privati, mentre resta ancora da completare la prima fase che dovrà essere conclusa da un report a cura del Dipartimento e approvato con apposito decreto del Dirigente generale (lo stesso Alessandro), e infine dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana e sul sito del Dipartimento.

Poi cè da insediare anche lOrganismo previsto dal decreto ministeriale del 21 febbraio scorso, di cui scrivevamo nellarticolo, per le Regioni o Province autonome. Servirà per il coordinamento con il Ministero dei Beni Culturali. Coordinamento che finora, comunque, non è mancato: già a partire dal 2016, la Regione Siciliana, ha partecipato ci spiega ancora Alessandro -ai lavori della Commissione nazionale di studio per lavviamento del Sistema Museale Nazionale ed è, oggi, presente alle riunioni del Coordinamento tecnico Commissione Beni Culturali per quanto concerne sialadozione dei livelli minimi uniformi di qualità (stabiliti dal suddetto decreto ministeriale, ndc.) sia lallineamento con i sistemi di accreditamento regionali e, più in generale, per lorganizzazione del Sistema museale nazionale. Le premesse per ripartire sembrano esserci, serve, al solito, la volontà politica per attuarle.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news