LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Gioconda tra i Puffi e Beyoncé. E il Louvre sceglie la vita da star
Stefano Montefiori
Corriere della Sera 23/6/2018

Il video della cantante (e Jay-Z) sancisce la svolta pop del re dei musei

PARIGI. Beyoncé canta veloce come una Lambo (-rghini, ndr) e non posso credere che ce labbiamo fatta accanto al marito Jay-Z davanti alla Gioconda, poi seduta sulla panchina di Pierre Paulin, e ancora sovrastata dalla Nike di Samotracia. Da quando è stato diffuso, una settimana fa, il video della canzone Apeshit è stato visto oltre trenta milioni di volte. Un successo prevedibile per i Carters, la coppia Beyoncé-Jay-Z, e una mossa pubblicitaria straordinaria per il Louvre, che pure non ne avrebbe bisogno: nel 2017 è tornato a essere il museo più visitato al mondo con 8,1 milioni di ingressi, davanti al Museo nazionale di Pechino (8 milioni). Dopo la flessione seguita agli attentati del 2015, i turisti stanno tornando a Parigi.

Non è così difficile usare il Louvre come location: la direzione non ha svelato quanto abbiano pagato Beyoncé e Jay-Z ma la tariffa media è di circa 18 mila euro per la sera di chiusura (il martedì) cifra ampiamente alla portata della cantante, che proprio in questo pezzo ricorda di avere regalato un jet privato al marito e sono ambientati in parte al Louvre anche film non memorabili, dal Codice da Vinci a Mission Impossible 6, da Cinquanta sfumature di nero a I Puffi 2.

Il video di Apeshit (dare di matto) però è unoperazione unica, per entrambe le parti: i Carters celebrano la loro consacrazione come icone globali al pari della Gioconda, sfidando come sempre la megalomania grazie a sei minuti e 5 secondi di immagini bellissime girate da Ricky Saiz con la coreografia di Sidi Larbi Ckerkaoui.

Il Louvre e le sue opere diventano qui lo strumento di una dichiarazione politica, unaffermazione di black power: Beyoncé evoca il Ritratto di una donna nera di Marie-Guillemine Benoist, che nel 1800 scelse come soggetto una persona di colore non ridotta in schiavitù.

Queen B danza davanti allIncoronazione di Napoleone di Jacques-Louis David (1805) come se fosse lei stessa a ricevere gli strumenti del potere, e Jay-Z rappa davanti alla Zattera della Medusa (1818) di Théodore Géricault, che scelse di dare a un nero la posizione più alta nella sua composizione, facendo sventolare a lui il fazzoletto simbolo di speranza.

Un portavoce del Louvre ha detto che Beyoncé e Jay-Z sono venuti a visitare il Louvre per quattro volte negli ultimi dieci anni. In occasione della loro ultima visita, nel maggio scorso, ci hanno sottoposto lidea di girare questo videoclip. Cera poco tempo a disposizione ma il progetto ci ha convinti, perché la sinossi mostrava un vero attaccamento al museo e alle opere che li hanno più colpiti.

Grazie ai Carters il museo cura unimmagine alla moda, capace di attrarre i giovani di tutto il mondo. Apeshit è una delle migliori forme di collaborazione del Louvre con la cultura contemporanea, come lo fu la famosa scena della corsa di Arthur, Franz e Odile in Bande à part di Jean-Luc Godard, poi citata da Bernardo Bertolucci in The Dreamers.



news

21-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news