LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Portoghesi: Papa, street art e Poeti del Trullo, uniche luci
Giuseppe Pullara
Corriere della Sera - Roma 23/6/2018

Nella magnifica dimora di Calcata, dove vive con la moglie Giovanna da una ventina danni, Paolo Portoghesi ha posto un inginocchiatoio di fronte a un disegno originario del Borromini (S.Paolo fuori le Mura), larchitetto che ha segnato la sua vita darchitetto.

Vi si raccoglie spesso in preghiera artistica?

No, mai. Il mobile è solo un omaggio alla suprema arte borrominiana. Ma mi sono inginocchiato di fronte alla Malcontenta, la villa del Palladio.

Portoghesi è uno degli architetti italiani più prestigiosi. Romano, sfiora gli 87. Insegna ancora, gratuitamente, allUniversità: Geoarchitettura. Ha avuto tutto dalla vita: fama, riconoscimenti, ricchezza, amore, possibilità di esprimersi. È in stampa unautobiografia, Roma Profonda(Laterza), sono pronti un saggio, Poesia della Linea Curva e una nuova edizione del fondamentale Roma Barocca, scritto a 35 anni, che gira ancora per il mondo. A Luce, candido e timido pastore maremmano che gira per casa come un cocker, lalfiere italiano del PostModern offre fette di mortadella.

Lei si è laureato nel57. Comera la Roma di ieri?

Fin dal passato, Roma ha sempre avuto due facce: la retorica e leretica. Le figure di Bernini e Borromini interpretano bene questa bivalenza. La mia è stata la città di Pasolini, Moravia, Rossellini, Fellini, Antonioni, dotata di forze intellettuali impegnate nel cambiamento. E ora cosa cè? Da giovane vedevo il mio futuro qui, ma sapevo che per inserirmi nella dinamica dellattualità dovevo andare a Milano. Come feci.

In una vita di successo, cosa le è mancato?

Un figlio. E rimpiango qualche progetto non realizzato.

Quali, per esempio?

Il grattacielo del Respiro, a Shanghai, la reggia di Hussein di Giordania e soprattutto una chiesa a Roma. Avrebbero cambiato la mia immagine per i posteri.

Ma ha fatto il suo capolavoro, la Moschea.

Si, è il più importante edificio realizzato qui negli ultimi cinquantanni, per ciò che esprime: la libertà religiosa. Nella sede del cattolicesimo, accanto alla Sinagoga si allinea, sul Tevere, anche lIslam.

Quali sono le condizioni della Roma di questi anni?

Peggio di così... ma almeno ha resistito allassalto dei grattacieli mantenendo la sua orizzontalità. Manca una spinta al cambiamento, che è fondamentale per far vivere una città.

Una metropoli ferma, senza futuro?

Mah, vedo cose che fanno sperare. La Street Art, nuove forme letterarie popolari come i Poeti der Trullo: ecco fermenti e lieviti che vengono dal basso e possono rilanciare la cultura. E poi cè Francesco.

Chi, il Papa?

Porta nuove idee riguardo leconomia, lambiente. Lancia da Roma messaggi straordinari al mondo. La città non può non risentirne positivamente.

Dicono che il Portoghesi un tempo ateo si è fatto credente: vero?

Con gli anni mi si è sviluppata unintima esigenza di fede. Diciamo che sono un laico credente. Mantengo il mio senso critico di fronte alla Chiesa. Per esempio, sullomosessualità.

Lei ha un amico?

Grande amico è stato Christian Norberg-Shulz. Ora ne ho appena perso un altro, Gigi DElia. Con Renato Nicolini eravamo molto legati. E poi cè Franco Purini, anchegli un mio allievo da cui ho imparato molto.

Ma ha avuto e ha nemici.

Nel mio ambiente, solo uno su dieci parla bene di me. Ci sarà anche un po dinvidia. Ma ho litigato con tutti: Zevi, Benevolo, Tafuri. Libeskind è un avversario, sul piano culturale. Quando si va controcorrente, la corrente si vendica attaccandoti. Ma non mi lamento. Io ho un buon carattere, non alimento lo scontro. Eppoi ho avuto simpatia e affetto da tanti miei studenti. In realtà viviamo in un mondo pieno di informazioni ma poi personalmente non ci conosciamo. Molti non mi amano perché non mi conoscono.

Portoghesi, un incompreso?

Diciamo compreso da pochi.

E Bruno Zevi, prima amici poi scontri feroci?

Formavamo un sodalizio perfetto. Poi, via via, siamo cambiati. Io amavo Aldo Rossi, lui no. Dopo il nostro libro su Michelangelo, il divorzio: Zevi considerava Borromini un distruttore, io un mediatore. Ma è rimasto un buon rapporto personale. Nel suo ultimo libro, Zevi ha scritto cose belle su di me.

Che ruolo ha avuto Giovanna Massobrio, la sua seconda moglie compagna di una vita?

Ci ha sposato il sindaco Argan nel 1977. Era assistente ad Architettura quando ero preside al Politecnico di Milano. Con lei, la mia vita è cambiata. Mi ha fatto diventare amico di Craxi. Poi è arrivata la Biennale, il Comitato centrale del Partito socialista e tutto il resto. Abbiamo scritto libri insieme. Si è creata una grande affinità intellettuale. E siamo venuti qui, a Calcata. Lei è diventata la regina di questo (stupendo, ndr) giardino.

Lei è ricco. Che ne dice della Flat Tax?

Va bene come tentativo di diminuire la pressione fiscale. Ma bisogna aumentare la fascia di chi non deve pagare tasse, i poveri. Va calibrata in questa direzione.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news