LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Provincia di Bergamo. Rifugi. Meraviglie a chilometro zero
Franco Brevini
Corriere della Sera - Bergamo 23/6/2018

Si trovano ad altitudini modeste ma hanno panorami spettacolari e sono di facile vivibilità

È ben rappresentata la provincia di Bergamo nella selezione di oltre 350 rifugi, divisi per aree geografiche, che il Club Alpino Italiano propone in un volume illustrato edito da Solferino di Milano (480 pagine, 18 Euro). Sono infatti quattordici le capanne bergamasche presentate al pubblico con una scheda e con un breve profilo storico, accompagnati dalle informazioni pratiche per raggiungerle. Ma come appaiono in questa grande rassegna i rifugi situati fra le montagne di Bergamo? Naturalmente il confronto con le capanne fra i ghiacciai delle Alpi occidentali da una parte e ai piedi delle grandi pareti dolomitiche dallaltra è tutto in salita. I nostri sono rifugi di ambiente prealpino, che si caratterizzano in primo luogo per le quote più modeste. Di solito sorgono intorno ai 2.000 metri, con qualche eccezione più in alto, come il Benigni (2.222 m), il Tagliaferri (2.328 m), il Brunone (2.295 m). Nessuna struttura tocca comunque i 2.500 e più spesso sono collocate tra i 1.500 e i 2.000 metri. Questo significa due cose. In primo luogo panorami di media montagna, dove il tratto più caratteristico è lassenza di ghiacciai. Questo non vuol dire che gli scenari manchino di grandiosità. Basta aggirarsi intorno ai rifugi Merelli al Coca, che è solo 1.892 m, al Curò, che ugualmente non arriva ai 2.000, al Fratelli Calvi 2.015, al Tagliaferri, ma anche ai rifugi della Presolana, lAlbani e lOlmo, anchessi sotto i 2.000, per trovarsi immersi in severi ambienti di montagna, dove è la roccia a fare da protagonista.

Ma sul piano della frequentazione la bassa quota ha importanti ricadute, che possono risultare strategiche. In sintesi potremmo dire che quelli di Bergamo sono rifugi molto vivibili, cioè sono accessibili a tutti, anche ai bambini, e soprattutto nella maggioranza dei casi, lungo tutto il corso dellanno. Quando le capanne valdostane o valtellinesi sono sommerse dalla neve, barricate dietro pendii valangosi e accessi interminabili, nella Bergamasca lescursionismo a piedi è più vitale che mai, senza togliere nulla allo scialpinismo e alle ciaspole, che trovano il loro ideale bacino di pratica nelle conche più in quota. Fra le Orobie la montagna rivela il suo volto più amichevole, si offre in quanto terreno ideale di esercizio nella natura: un paradiso dellescursionismo. Non a caso le alte vie che congiungono questi rifugi sono ogni anno assai frequentate. Ciò non significa sottovalutare queste aspre cime, dove lespressione terreno davventura utilizzata dalle guide alpine per indicare percorsi poco addomesticati, lontani dalle falesie dellarrampicata sportiva, si mostra più valida che mai. Per farsene unidea si potrebbe cominciare dai dislivelli da superare per raggiungere alcune capanne. Se molte sono gite per la famiglia, altre sono sicuri banchi di prova per un buon allenamento. Provare, per credere, a scarpinare fino al rifugio Merelli al Coca.

Cè un altro aspetto tuttaltro che irrilevante, che potremmo riassumere nella formula montagne a chilometro zero. Questi rifugi sono vicini a casa e, se non proprio zero, i chilometri non sono mai più di qualche decina. I vantaggi di una tale dislocazione logistica sono evidenti a tutti in tempi di traffico convulso e di crescenti costi carburante.

Infine gli aspetti ambientali. I rifugisti bergamaschi si mostrano di solito attenti allutilizzo dellenergia, alle acque reflue, alle emissioni in atmosfera e ai rifiuti. Lesempio conta e in tal senso il rifugio può rivelarsi il tramite ideale per trasmettere una corretta cultura della montagna.



news

17-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 SETTEMBRE 2018

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

Archivio news