LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Usano Terrae Motus per accreditare la Reggia nellarte contemporanea
Eduardo Cicelyn
Corriere del Mezzogiorno - Campania 27/6/2018

La collezione Terrae Motus non è un miracoloso assemblaggio di capolavori. Non è neanche la raccolta pubblica più importante in Italia. A onor del vero, il Castello di Rivoli ha una dotazione di ben altro valore storico e scientifico. Altri musei anche. Questo per dire che non è necessario esagerare per attirare lattenzione. Terrae Motus rappresenta alla grande il gusto, gli interessi e le occasioni di un collezionista e gallerista napoletano, ed è oggi un bene culturale maltrattato dalla mano pubblica che lo detiene per lascito testamentario.
Se avessero affidato alla Reggia di Caserta qualche Mattia Preti, un paio di Ribera e un po di Luca Giordano, dubito che il Felicori di turno li avrebbe evacuati dagli appartamenti storici per spedirli in brutti locali tra tubi Innocenti, senza allestimento e senza misure di sicurezza. E di certo avremmo sussultato ascoltando il ministro di fresca nomina, tirato per la giacca, dichiarare a mezza bocca di volersene occupare, un giorno o laltro. Men che mai Il Mattino , storico giornale della città (che condusse negli anni novanta memorabili campagne per sostenere il progetto di Lucio Amelio), avrebbe pubblicato un articolo di Enzo Battarra, critico darte ed ex assessore casertano, in cui il direttore della Reggia può rivendicare senza contraddittorio la decisione di emarginare Terrae Motus per fare spazio a discutibili, mediocri e provincialissime mostre.

Non so se sia stata colpa della riforma Franceschini, forse è lo spirito dei tempi, fatto sta che i novelli direttori dei nostri musei più importanti, siano stranieri o indigeni, preferiscono fare ammuina chi in un modo chi nellaltro, ma sembra abbiano tutti dimenticato il dovere di custodire beni culturali, antichi, moderni o contemporanei e che il modo più logico sarebbe quello di valorizzarli, cioè di attribuire e mostrare al pubblico il senso e la forma dei loro valori specifici.

Daltronde che cosè la custodia di unopera, se non limpegno a tenere sempre viva e nota limportanza di una cosa artistica, anche e soprattutto nelle relazioni mutevoli del contesto in cui il lavoro museale viene esercitato. Alla fin fine, che sia vera e magari buona e moderna lintenzione di collocare in un futuro assai vago la collezione di Lucio Amelio in ambienti della Reggia da ristrutturare completamente, è qualcosa di cui oggi non ha alcun senso discutere. E assurdo e terribile il modo in cui è stato fatto.

Comè inconcepibile che al ministero nessuno ci abbia fatto caso, ordinando di porre subito rimedio. Il problema non è la mancanza della curatela scientifica. Qui è mancata ogni forma di cura. Più che di autonomia museale, sembra che Caserta sia ormai allabbandono. Dice Felicori: Non ci sono telecamere di sorveglianza perché quelli sono spazi provvisori.

Ma insomma si possono confinare opere darte, eredità pubblica lasciata da un privato, in un luogo di fortuna, senza controllo, alla mercè di vandali o ladri? E chi risponde di tale negligenza, dichiarata a viso aperto? La verità è antipatica. Ed è questa. A Caserta usano il prestigio astratto di Terrae Motus, la cosiddetta grande collezione, per accreditare la Reggia come spazio anche per larte contemporanea, così da accontentare artisti, curatori e collezionisti minori, garantendosi un po di mondanità e di visibilità mediatica.

Ogni qual volta in passato si è adombrato che il lascito di Lucio Amelio potesse tornare nella disponibilità della famiglia e magari a Napoli grida unanimi delle istituzioni e delle intelligenze locali si sono alzate: uno scandalo, un furto, un oltraggio al prestigio e alla cultura di Caserta.

Quando Felicori ha smontato le opere e le ha spedite in una specie di hotspot della Reggia, però non i politici, non i funzionari del ministero, non i critici, non i collezionisti, non gli artisti, non i galleristi casertani hanno profferito verbo. Erano tutti daccordo. Tanto meno oggi, dopo il furto, sarà semplice scovare qualcuno della buona società protestare per le brutte e insicure condizioni espositive in cui è stato relegato il presunto patrimonio identitario della moderna cultura artistica locale. Quel che si capisce dalla vicenda strapaesana della Reggia è che i direttori megagalattici, dotati dei superpoteri franceschiniani, hanno il problema di fare cose su cose per essere sostenuti dallopinione pubblica in cui operano. Più piccolo è il luogo dove agiscono più piccola sarà la loro politica. Felicori è inciampato nella vicenda Terrae Motus per caso.

Diciamo che è stato sfortunato. Due anni fa inaugurò quellallestimento tra gli applausi della stampa, alla presenza della famiglia Amelio e di alcuni artisti presenti nella collezioni. Perciò non riesce a capacitarsi del come e del perché lanno scorso con un articolo molto polemico di Vincenzo Trione e poi nei giorni scorsi, dopo il danno subito dallopera di Boltanski, sia stato sollevato un caso contro di lui.

E un po confuso. Sospetta complotti. Non prende provvedimenti, alza la voce contro chi lo critica e soprattutto non si smuove. Probabilmente non è in grado di gestire la contraddizione. Se il direttore Felicori fa il suo dovere e riporta le opere negli appartamenti dove le sistemò Lucio Amelio, si mette contro gli interessi dei casertani. Se non lo fa, rischia un contenzioso con gli eredi Amelio e il discredito definitivo negli ambienti (lontani, molto lontani dalla Reggia) che si occupano davvero di arte contemporanea. Dovrebbe comportarsi da moderno manager della cultura. Ma una cosa è esibire i titoli a una commissione ministeriale, altra è mostrare gli attributi in pubblico e prendersi il rischio incalcolabile di una politica culturale, basata su qualità e valori, non sulle convenienze del luogo e del momento.



news

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

17-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 SETTEMBRE 2018

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news