LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Veneto. Cultura, prima le idee e poi gli spazi
Massimiano Bucchi
Corriere del Veneto 26/6/2018

Tra le sfide che i nuovi sindaci eletti poche settimane fa hanno davanti, anche in città come Treviso o Vicenza, ve nè una spesso trascurata da programmi e dibattiti, ma non meno significativa.

È la sfida che riguarda il tema della cultura. In passato, quando i bilanci comunali lo permettevano, i comuni facevano a gara a finanziare manifestazioni ed iniziative.

Anche a seguito della crisi, questa fase si è chiusa e ci si è concentrati principalmente sullhardware: nuovi teatri, ristrutturazione di spazi storici e musei civici. Una scelta in parte di buon senso, in parte obbligata, giacché permetteva di intercettare finanziamenti europei, nazionali e provenienti da fondazioni private.

Tuttavia è arrivato il momento di aprire una nuova fase in campo culturale, che non trascuri alcuni aspetti e cambiamenti fondamentali.

Primo. Se lhardware è essenziale per avere luoghi per la cultura funzionali e in buono stato, esso serve ben poco senza un software altrettanto adeguato. Per software intendo formazione, spazi diffusi, occasioni di incontro, apertura ad eventi internazionali che mettano in circolo quella linfa vitale senza la quale lhardware resta muto, o al massimo diventa un contenitore per ospitare iniziative preconfezionate, spesso indistinguibili da una città allaltra. Per fare un paragone calcistico, è inutile avere uno stadio da serie A se poi non si riesce a costruire una squadra allaltezza.

Secondo. Rispetto allera pre-crisi, il senso e la percezione stessa degli spazi da parte dei cittadini sono cambiati. Prendiamo lesempio delle biblioteche civiche. Diventa sempre più difficile giustificarne il costo per le casse comunali se il loro utilizzo è perlopiù quello di sale studio per studenti universitari che si portano i libri (anzi, il computer) da casa. Occorre rilanciarle come spazi vivi, luoghi aperti dove chiunque si senta invitato ad avvicinarsi anche solo per prendere un caffè e sfogliare una rivista. Gli esempi virtuosi in Europa non mancano, anche in città paragonabili alle nostre e senza bisogno di investimenti enormi.

Terzo. La cultura non è qualcosa che si può accendere il sabato mattina e spegnere la domenica sera nella piazza e nelle vie centrali. Perché ci sia vita culturale occorre che ci sia, prima di tutto, vita! I nostri centri storici sono invece sempre più svuotati di attività e residenti, sempre più pieni di affittacamere e iniziative estemporanee (le onnipresenti bancarelle gastronomiche, anche queste sempre le stesse da una città allaltra).

I nuovi sindaci e i loro assessori sbagliano se pensano che lunico modo di lasciare il segno in campo culturale sia con lhardware, cioè con nuove strutture. La sfida della cultura locale, nei prossimi anni, tornerà a passare per il software: contenuti, idee, saperi.



news

21-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news