LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I turisti stranieri fanno ricca la Campania
Angelo Agrippa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 27/6/2018

In un anno spesi 1 miliardo e 800 milioni
È la quinta regione dItalia per flussi in ingresso, seconda per numero di visitatori nei musei pubblici

Nuove strutture ricettive: negli ultimi due anni aperti ottomila B&b, oltre duemila soltanto a Napoli

NAPOLI. Un miliardo e ottocento milioni di euro. Tanto lasciano i turisti stranieri in Campania. Una quota significativa di consumi se rapportata allammontare complessivo in Italia. Sebbene risulti che è la Lombardia la prima regione italiana per entrate di denaro da parte di persone provenienti dallestero. È quanto riporta una indagine del sito regionale www.lombardiaspeciale.regione.lombardia.it facendo riferimento allanalisi della spesa dellOsservatorio regionale del turismo di PolisLombardia. Al secondo posto figura il Lazio con 5,7 miliardi. Quindi, seguono il Veneto (5,5 miliardi), la Toscana (4,5 miliardi) e la Campania(1,8 miliardi). Già lanno scorso il trend dei flussi turistici verso la Campania aveva fatto registrare, secondo unindagine della Banca dItalia sul turismo internazionale, un sensibile aumento delle presenze dei turisti stranieri nei primi sette mesi del 2017, con una variazione in percentuale pari a +12% rispetto allanno precedente. I dati del Ministero per i Beni culturali e il Turismo, inoltre, hanno comprovato che la Campania con Pompei, Reggia di Caserta, Paestum e Capodimonte è al secondo posto per numero di visitatori nei musei pubblici.

Secondo una ricerca dellanno scorso curata da UniCredit e Touring Club Italiano, la Campania è risultata la prima regione del Sud con 19 milioni di presenze turistiche: un settore che, peraltro, dà lavoro a circa 87 mila addetti con una quota dell8,8% sul totale occupati in Italia. E in questo contesto la Campania, con i suoi oltre 18,8 milioni di presenze turistiche, si è classificata al 7 posto fra le regioni italiane (ai primi posti restano il Veneto con 63,2 milioni, la Toscana con 44,3 milioni e la Lombardia con 37,8 milioni). Mentre per quanto riguarda invece la distribuzione percentuale delle presenze turistiche nelle province campane risulta in testa Napoli con il 64,3% del dato complessivo regionale, e a seguire vi sono Salerno (30,3%), Caserta (4,1%), Avellino (0,8%) e Benevento (0,5%).

Da troppi anni ha denunciato Agostino Ingenito, presidente dellAbbac nel corso del suo intervento in occasione degli Stati generali del turismo sostenibile di Ercolano assistiamo al mancato dialogo tra istituzioni pubbliche della cultura e del governo del territorio, con un ginepraio di soggetti che non si sa per chi agiscono e con quali risultati, mentre dallo Stato centrale ancora non è chiara in che modo si intende regolare la materia concorrente del turismo, stretta tra continui scontri e diversi orientamenti delle Regioni. Ciò che manca, dunque, è una governance semplificata e soprattutto efficiente in grado di gestire al meglio e senza sprechi la fortuna generata dalla nuova capacità attrattiva esercitata dalla Campania. Non ci si può limitare a distribuire risorse pubbliche a pioggia per eventi come le sagre di paese. Lauspicio ha concluso Ingenito è di saper cogliere le opportunità concesse da questo vento positivo per realizzare i necessari supporti alle filiere ed agli investimenti di quei giovani motivati che vogliono mettersi in gioco e avviare la riconversione di immobili da destinare a strutture ricettive.

Il boom di presenze, dovuto anche alle tensioni internazionali che hanno colpito mete turistiche da sempre affollate ed ora penalizzate dal rischio terrorismo, ha rilanciato fortemente Napoli. Gli ultimi dati relativi proprio ai flussi turistici in ascesa fanno registrare, infatti, un aumento di strutture ricettive in città, anche per diversi target. Negli ultimi due anni risultano 2100 aperture di B&b soltanto in città per complessive 8000 strutture attive. Se ne è parlato laltro giorno nel corso della tavola rotonda tenutasi presso la sede Leonardo Immobiliare. Tra i relatori, Ivo Poggiani, presidente della III municipalità (Stella San Carlo allArena), il quale ha messo in luce i progetti e le aspettative per un quartiere emergente fino ad ora poco considerato dai turisti e che grazie ai nuovi flussi vive un grande rilancio. È il quartiere più sicuro di Napoli ha tenuto a sottolineare Poggiani con un numero di telecamere e sorveglianza superiore a tutte le altre aree. I cui numerosi beni artistici, come il cimitero delle Fontanelle, hanno sostenuto un progressivo aumento del numero dei turisti. Solo alle Catacombe di San Gennaro, per esempio, i visitatori sono aumentati da 4000 a 110 mila lanno. La sfida per il futuro,ora, è saper mantenere i risultati raggiunti, ma diventa indispensabile migliorare il trasporto pubblico.



news

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

17-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 SETTEMBRE 2018

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news