LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari. Punta Perotti, la Corte europea condanna l'Italia. Salvini: Certe istituzioni andrebbero chiuse
https://www.ilmessaggero.it/primopiano/cronaca/punta_perotti_demolizione_corte_europea_italia_condan

Violato il diritto alla proprietà privata. E' la sintesi della sentenza della Corte europea dei diritti umani di Strasburgo, che con una decisione non appellabile, ha stabilito che le autorità italiane non avrebbero dovuto procedere con la confisca di numerosi terreni per costruzione abusiva senza una previa condanna dei responsabili: la sentenza riguarda Punta Perotti(Bari), Golfo Aranci (Olbia), Testa di Cane e Fiumarella di Pellaro (Reggio Calabria). La volontà di salvaguardare l'ambiente e i bellissimi paesaggi italiani è nobile, giusta e condivisibile. Ma quest'obiettivo deve essere raggiunto rispettando tutti i diritti delle parti in causa. Cosi può riassumersi la posizione della Corte europea dei diritti umani che oggi per la terza volta ha condannato l'Italia per la confisca di terreni dove, secondo le autorità, si era costruito abusivamente o lo si sarebbe fatto in un futuro prossimo.

Puntuale è arrivata la reazione del ministro dell'Interno e vicepremier Matteo Salvini. La Corte di Strasburgo condanna l'Italia e difende gli eco-mostri e la cementificazione selvaggia? Ennesima prova del fatto che certe istituzioni dovrebbero essere chiuse.

A ogni modo, questa volta a vincere contro il Belpaese sono state quattro società (Giem Srl, Hotel Promotion Bureau Srl, Rita Sarda Srl e Falgest Srl) e Filippo Gironda, proprietario al 50% di uno dei terreni. Le proprietà su cui i togati di Strasburgo hanno deciso sono un appezzamento di 10.365 metri quadri a Punta Perotti, adiacente a quello dove sorgeva l'eco mostro (per la cui confisca l'Italia è stata condannata a Strasburgo nel 2009), un terreno di 33 ettari a Golfo Aranci e dei terreni - in tutto 11.870 metri quadri - a Testa di Cane e Fiumarella di Pellaro, in Calabria. I giudici di Strasburgo hanno condannato l'Italia per la violazione della proprietà privata di tutti e cinque i ricorrenti, definendo la misura di confisca messa in atto nei loro confronti sproporzionata. Tuttavia non hanno stabilito la cifra che l'Italia dovrà versargli come risarcimento, anche per dare tempo - tre mesi - al governo e i ricorrenti di raggiungere un accordo sull'ammontare.

La condanna per la violazione del diritto al rispetto della proprietà privata discende direttamente da altre violazioni. I giudici hanno stabilito che le quattro società non sono mai state imputate in alcun processo per abusivismo in quanto la legge in vigore non lo consentiva e quindi l'Italia ha violato il principio di nulla poena sine lege. Una violazione che a differenza della sentenza Varvara (2013) la Corte dice che Filippo Gironda non ha subito. Nel suo caso la Corte afferma che l'Italia non ha rispettato il diritto alla presunzione d'innocenza. L'uomo, dice la Corte è
stato dichiarato colpevole, in sostanza, dalla Corte di Cassazione, nonostante il processo per il reato imputatogli fosse finito per prescrizione.

I togati di Strasburgo affermano anche che l'applicazione automatica della confisca in caso di abusivismo prevista dalla legge italiana è chiaramente inadatta dato che non permette ai tribunali di definire quali strumenti sono più appropriati rispetto alle circostanze specifiche.

Le reazioni alla sentenza di condanna non si sono fatte attendere. I legali delle società proprietarie dei terreni a Golfo Aranci hanno detto di essere pronti ad avviare la procedura per la restituzione degli immobili, mentre uno dei soci della Falgest, Giuseppe Falduto, pur rilevando che giustizia è stata fatta denuncia che gli immobili sul terreno confiscato sono stati vittime di gravi vandalismi e che i danni economici subiti sono ingenti. Anche il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha affermato che la sentenza è corretta, mentre Ciafani (Legambiente), ha posto l'accento sul fatto che restano ancora tanti ecomostri.



news

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

17-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 SETTEMBRE 2018

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news