LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. La città vista dai piani terra, uno su otto è osteria o bar. In arrivo nuove limitazioni
Gloria Bertasi
Corriere del Veneto 7/7/2018

Mappa Iuav dei cambiamenti. Ristorante allex mensa ferrovieri

VENEZIA. Solo i bar sono quattrocento distribuiti tra calli, fondamenta e campi. Ma i ristoranti sono di più, quasi seicento e sfiorano i settecento con i take away. È la città vista dai piani terra, la cui mappa è stata realizzata dai giovani urbanisti del Laboratorio di analisi urbana del territorio di Iuav che da tre anni studia i cambiamenti del centro storico e ora ha riunito i risultati della ricerca in un sito georeferenziato (circe.iuav.it/laboratoriovenezia). Venezia è un laboratorio eccezionale di trasformazioni urbane - ha spiegato ieri a Ca Tron la professoressa Laura Fregolent - Molti pensano che sia una città statica ma non lo è, questanno ci siamo concentrati sui piani terra, di cui non esisteva una mappatura. Gli studenti hanno percorso in lungo e in largo i sestieri, hanno parlato con operatori e residenti, contato negozi, ristoranti, portoni di case, hotel e b&b e fotografato cosa sta accadendo in città. Il risultato? Quello noto: i negozi e i servizi per il turismo superano quelli per la residenza e, soprattutto, è boom di ristoranti, supermercati e bar. Nel 2017, in tutto il Comune, hanno aperto 45 nuovi locali e 250 punti vendita al dettaglio tra i 150 e i 250 metri quadrati e il loro target è per lo più turistico. Ora, però, qualcosa, almeno in centro storico, potrebbe cambiare: lamministrazione sta lavorando a una delibera che dopo lo stop ai take away blocca lapertura di pubblici esercizi. È un provvedimento simile a quello adottato a Firenze (non si possono aprire locali se non cè lo spazio per bagni e accessibilità ai disabili) ed estende le aree di pregio a venti micro-aree, in cui è divisa la città. Oggi, lo stop a nuove aperture riguarda solo San Marco, Rialto e campo Santa Margherita ma, a breve, si allargherà a quasi tutto il centro storico, tranne Giudecca, San Giorgio e Tronchetto, per cinque anni. Si cerca di porre freno alle liberalizzazioni selvagge - il commento del direttore di Aepe (Associazione pubblici esercizi) Ernesto Pancin - il prossimo step dovrebbe riguardare il commercio in generale. Intanto si continua ad aprire. Alla stazione di Santa Lucia, nel percorso pedonale che porta al ponte Solesin, aprirà un nuovo ristorante: Ferservizi (Gruppo ferrovie dello stato) ha pubblicato un bando di affitto per la sua ex mensa, ora vuota. Si tratta di 750 metri quadrati che saranno affittati con contratto del commercio, ossia sei anni rinnovabili per altri sei, al costo di 139.500 euro lanno, quasi 12 mila euro al mese.

I due asset principali di sviluppo sono il cibo e labbigliamento - ha spiegato Fregolent - cè molta vivacità e molte catene non del lusso stanno investendo. Dei 23.268 piani terra tra negozi, portoni di palazzi, locali e magazzini mappati dai laboratori Iuav in centro storico 1.553 spazi risultano non utilizzati e altri 13.074 sono entrate di condomini o appartamenti. Altri 8.641 accessi sono destinati al non residenziale, di cui 2.213 a non alimentare e 1.471 al food. Nel dettaglio, ci sono 626 attività ricettive, 1.418 magazzini, 630 negozi di abbigliamento, 237 darte e artigianato, 392 attività di cura della persona, 346 venditori di souvenir e un pacchetto di 624 di cosiddetto altro, che possono essere, ad esempio, tabaccai o edicole. Nelle zone più frequentate dai turisti, la percentuale di piani terra vuoti è inferiore (9 per cento a San Marco, 11 a San Polo e 12 a Cannaregio e Santa Croce) mentre dove i visitatori sono meno, come a Castello, si sale al 14. Gli urbanisti hanno anche mappato la resilienza veneziana: Ci sono artigiani e operatori storici che resistono ma anche altri che vengono da fuori e provano ad impiantare nuove attività - ha concluso Fregolent - nellarea della Biennale, invece, molti hanno testimoniato che resistono grazie ai biennalisti, pubblico e artisti ritenuti buoni clienti.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news