LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ventanni Scuola Superiore, serata celebrativa con lorazione dello storico Settis
07 luglio 2018 09:09


Una serata allinsegna dei ricordi e dei progetti, arricchita da parole istituzionali e immagini anche e soprattutto informali per celebrare il traguardo dei primi ventanni di attività della Scuola superiore di Catania, la struttura di eccellenza dellateneo fondata dallallora rettore Enrico Rizzarelli nel 1998. E a suggellare i festeggiamenti, di fronte al pubblico che ha gremito la corte centrale di Villa San Saverio, lorazione civile sul Diritto alla Cultura nella Costituzione italiana di Salvatore Settis, archeologo e storico dellarte di fama mondiale che fu a lungo direttore della Scuola Normale di Pisa, che ha definito la nascita della giovane istituzione catanese come "un atto di resistenza, capace di muovere le norme e di progettare il futuro".

Emozionato, il presidente Francesco Priolo, ha introdotto levento, un momento nel quale "la comunità della Ssc e di tutto lateneo si raccoglie, dimostrando il proprio senso di appartenenza", ricordando le iniziative fin qui realizzate per il ventennale la mostra celebrativa esposta al rettorato, la pubblicazione del volume Visioni di Giorgio Romeo -, affermando che "tutti, responsabili, docenti, tutor, allievi e personale, sono consapevoli e onorati di far parte di un progetto che sin dallinizio fu ambizioso e che si proietta oggi verso nuove sfide non meno impegnative", aspirando a guadagnarsi anche quellautonomia che ne attesterebbe appieno il ruolo nel contesto della rete di eccellenza nazionale e internazionale, in condizioni di pari opportunità con le altre istituzioni più consolidate. Ambizioni e traguardi supportati dai dati sulle attività svolte, dettagliatamente riportati nella relazione poi svolta dal presidente Priolo, che ha tracciato le linee guida del prossimo futuro: mantenere gli standard del rigore e del merito, senza abbassare la guardia, attrarre giovani brillanti dal resto dItalia, networking con le altre scuole superiori, partnership e collaborazioni con enti e imprese del territorio. Ma era visibilmente entusiasta anche il rettore Francesco Basile, che ha ringraziato tutti i precedenti presidenti della Scuola, riconoscendo loro di aver sempre "perseguito rigorosamente lobiettivo della meritocrazia e della interdisciplinarietà, che sono alla base di questa struttura, e ciò è testimoniato dal fatto che gli allievi sono i migliori nelle rispettive discipline, e alla fine del corso di studi assumono posizioni lavorative o di ricerca in tutto il mondo".

"A noi ha aggiunto il rettore, rivolgendosi alle autorità presenti e incoraggiando a più riprese i ragazzi, di cui si è detto orgoglioso spetta anche il compito di individuare quei percorsi che consentano loro eventualmente di tornare, per contribuire al rilancio del nostro territorio". "Questo anniversario ha aggiunto il presidente della Regione Nello Musumeci, che ha ricordato il contributo della Provincia regionale da lui allora guidata allistituzione della Scuola è la prova che questa terra non ha nulla da invidiare alle altre regioni, quando si realizzano iniziative coniugando passione e cuore. In Sicilia cè bisogno di una classe dirigente, non solo politica, di livello, e la Scuola superiore di Catania, dopo ventanni di concrete testimonianze e un consuntivo soddisfacente, può dare una convinta risposta su questo fronte". "Ognuno di noi deve svolgere la propria parte per invertire la rotta della fuga dei cervelli gli ha fatto eco il sindaco Salvo Pogliese -. Da rappresentante degli studenti ho partecipato alla fase embrionale di questa realtà, e gli obiettivi di allora sono stati poi certificati dai traguardi raggiunti dagli allievi: io dico, continuiamo a valorizzare questi talenti".

I volti di questi studenti eccellenti, più volte richiamati e indicati come modello per tutta lUniversità, sono stati proiettati durante tutto lincontro sui maxischermi, insieme alle interviste ad alcuni dei principali protagonisti di questa storia, accompagnate dai gradevolissimi intermezzi musicali dellItalian Ensemble. Prima della consegna delle pergamene di diploma ad undici allievi che hanno recentemente il percorso di studi, è toccato allospite donore della serata, Salvatore Settis, proporre una densa riflessione sul Diritto alla Cultura, così come sancito dalla Costituzione italiana.

"Sancito, ma molto spesso tradito o ignorato ha osservato amaramente, citando in primis larticolo 9 della Carta -. Come spesso avviene ci troviamo a dover constatare il divorzio tra laffermazione teorica di principi e la negazione di questi stessi principi nella pratica delle risorse. Dati alla mano, lItalia è tra i paesi europei che hanno più fortemente disinvestito in politiche culturali, e le ricadute si vedono soprattutto al Sud. Insomma, tutti a dire che la cultura (la scuola, luniversità, la ricerca, il patrimonio culturale e ambientale) è un asset strategico ma di fatto, da almeno ventanni, è il primo oggetto dei tagli governativi".

"E su questo sfondo ha proseguito Settis - che, in un Paese oggi affetto da una crisi collettiva di memoria, dobbiamo ricordare a noi stessi che la cultura, secondo la Costituzione, è un bene comune. Secondo il nostro ordinamento, i valori della cultura (per esempio la tutela del paesaggio e del patrimonio storico-artistico) non sono un tema di nicchia, ma appartengono a una sapiente architettura di diritti che si lega strettamente agli orizzonti fondamentali della democrazia: uguaglianza, libertà, equità sociale, dignità della persona umana. Ma perché queste mete siano praticabili e concrete è altrettanto necessaria la piena centralità della cultura, che appartiene allo stesso identico orizzonte di valori costituzionali che include il diritto al lavoro, la tutela della salute, la libertà personale, la democrazia. Se concepiamo la cultura come il cuore e il lievito dei diritti costituzionali della persona e insieme il legante della comunità, capiremo che essa è funzionale alla libertà, alla democrazia, all'eguaglianza, alla dignità della persona".

http://www.cataniatoday.it/cronaca/vent-anni-scuola-superiore-serata-celebrativa-con-l-orazione-dello-storico-settis.html


news

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

25-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

Archivio news