LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Campania. Abusivismo, i paletti della consulta e le ragioni della legge campana
Claudio De Vincenti
Corriere del Mezzogiorno - Campania 8/7/2018

Netta e chiara la recente sentenza della Corte Costituzionale sulla Legge della Regione Campania in materia di governo del territorio: accogliendo il ricorso presentato un anno fa dal Governo, la Consulta ne ha dichiarato incostituzionale la parte che prevedeva, nei confronti degli immobili abusivi acquisiti al patrimonio comunale a seguito della inottemperanza allordine di demolizione da parte del responsabile dellabuso, la possibilità per i Comuni di procedere alla loro locazione e alienazione [] anche con preferenza per gli occupanti per necessità, previa definizione di parametri e criteri generali di valutazione del prevalente interesse pubblico rispetto alla demolizione.

Il tema è delicato e complesso, perché è il campo di confronto e, in questo caso, di scontro tra due esigenze fondamentali per i cittadini: la tutela dellambiente e del paesaggio da una parte, la disponibilità di unabitazione dallaltra. La sentenza della Corte costituisce un passaggio fondamentale che aiuta a cercare il sentiero stretto per gestire questo dilemma.

Riassumo le conclusioni della Consulta.
La legge nazionale (Dpr 380 del 2001) dispone che, una volta acquisito al patrimonio comunale, limmobile è destinato a essere demolito e le spese sono messe a carico del responsabile dellabuso. Questa regola ammette una deroga quando con deliberazione del Consiglio comunale si dichiari lesistenza di prevalenti interessi pubblici e sempre che lopera non contrasti con rilevanti interessi urbanistici, ambientali o di rispetto dellassetto idrogeologico. La Corte argomenta come la demolizione dellimmobile e il ripristino dello stato dei luoghi costituisca principio fondamentale della normativa nazionale, cui un Comune può derogare solo in via eccezionale e con deliberazione consiliare riferita alla singola opera e non di valore generale.

Prevedere, come faceva la legge della Campania, che con propri atti regolamentari i comuni possano soprassedere allobbligo di demolizione implica che locazione e alienazione siano considerati esiti normali verso cui indirizzare gli immobili abusivi acquisiti al patrimonio comunale: la disposizione risultava in contrasto con la legge nazionale violando così larticolo 117, terzo comma della Costituzione, in materia di governo del territorio. Ne risultava inoltre diminuita lefficacia deterrente del regime sanzionatorio della demolizione, tanto più che si consentiva la locazione e lalienazione dellimmobile anche alloccupante responsabile dellabuso.

I giudici della Corte hanno messo così un punto fermo. Sarebbe però sbagliato considerare irrilevanti le motivazioni allorigine delliniziativa regionale, in particolare la più importante dal punto di vista dellinteresse pubblico: il diffondersi dellabusivismo nei decenni passati ha portato alla edificazione non regolata di ampie porzioni di territorio con abitazioni in cui oggi vive una quota significativa della popolazione; demolire questa massa di immobili significa scontrarsi con il fabbisogno abitativo di un numero molto elevato di famiglie. E qui il contrasto tra le due esigenze di cui parlavo allinizio: la legge regionale era sbagliata per i motivi chiariti dalla Consulta, ma il problema esiste e chiede risposta.

Proverò a suggerire due primi spunti di riflessione che mi auguro possano aiutare a trovarla. Il punto di partenza dovrebbe essere che, quando un immobile abusivo viola la normativa in materia di tutela dellambiente e del paesaggio (la Legge Galasso) o quella in materia di rispetto dellassetto idrogeologico, non può esserci alcuna deroga alla demolizione.

E non basta a questo proposito il richiamo generico che anche la legge regionale faceva, serve una indicazione precisa delle norme nazionali che costituiscono confine invalicabile. Per gli immobili poi che, pur non toccando questi due ambiti normativi, sono comunque abusivi perché realizzati senza permesso edilizio, eventuali soluzioni devono comunque prefigurare lo sbocco finale della demolizione: escludendo in ogni caso lalienazione che precluderebbe del tutto una futura demolizione e prevedendo lobbligo per gli occupanti di pagare al Comune un canone di mercato maggiorato e di accettare la prima offerta abitativa equivalente rinvenuta sul mercato (per esempio da unapposita agenzia comunale), cosicché una volta liberato limmobile venga demolito.

In ogni caso, la sentenza della Consulta ci obbliga a guardare al contrasto per quello che è, senza infingimenti e al tempo stesso senza facili concessioni.



news

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

17-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 SETTEMBRE 2018

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news