LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trento. Scuola, Castello, San Martino, è un triangolo da valorizzare
Ugo Morelli* - Beppo Toffolon**
Corriere del Trentino 8/7/2018

* Professore di Psicologia del lavoro, della creatività e dellinnovazione
** Presidente Italia Nostra

Dalle dieci idee selezionate emergono problemi strutturali e culturali

Trento. I paesaggi urbani sono organismi viventi. Fanno parte di un sistema e hanno una storia. Ogni intervento che li riguardi dovrebbe scaturire da una attenta lettura di quellorganismo, della sua storia, della sua dimensione sistemica. A Trento si sta discutendo di Piazza Mostra, della sua collocazione nel sistema urbano e della sua valorizzazione.

Uno spazio urbano è un luogo di vita, come ogni paesaggio, e la vivibilità è lesito della combinazione di più fattori, da quelli storico-culturali, a quelli sociali, alle dinamiche economiche e allaccessibilità, per citarne solo alcuni. Piazza Mostra è un problema che si protrae da tempo e non è una questione da poco, dal momento che stiamo parlando dello spazio urbano riguardante quello che forse è il simbolo della città, il Castello del Buonconsiglio. La gara indetta dal Comune ha prodotto un progetto vincitore e da qui è necessario partire per ogni considerazione, se si vuole esprimere un contributo per aiutare a capire.

Una piazza dovrebbe essere un luogo di incontro, un luogo di scambio, e attrarre le persone in quanto le mette in dialogo non solo tra loro ma con le istituzioni e i servizi che si sporgono sulla piazza. Una prima considerazione allora va fatta sul bando così come è stato concepito e con i vincoli che ha posto. Quando si mette mano a una parte così rilevante del sistema urbano è importante pensare in termini di strategia progettuale e non di tattica. Come si sa il rapporto tra la città e la mobilità è uno dei problemi principali del nostro tempo. Ebbene, è possibile che non si riesca a pensare a una soluzione alternativa per meno di trenta posti macchina, senza porre a vincolo progettuale il parcheggio delle automobili? Un intervento urbanistico in un contesto così significativo non avrebbe potuto essere governato mediante il bando con una visione di ampio respiro, e non con la solita mediazione che produce soluzioni sempre più al ribasso?

Cè poi da domandarsi dove inizia e dove finisce il sistema di Piazza Mostra. Tra tutte le presenze in quellarea, oltre, naturalmente al Castello, pare importante considerare la scuola e il quartiere di San Martino. A proposito della scuola, una moderna e attuale visione delleducazione dovrebbe far pensare a una realtà che si apre alla città e a una città che dialoga con la scuola. Lo stesso vale per unistituzione culturale come il Castello e il museo che contiene: non si tratta di spingere le persone dentro il museo, in una visione centripeta e conservativa soltanto, ma di aprire il museo alla città. La qualità di un museo non può essere associata al fatto che dei pullman possano parcheggiare nello spazio limitrofo, ma dipende decisamente dal dialogo che quel museo riesce a sviluppare con la città. Oggi quel dialogo manca del tutto a causa soprattutto delloppressione di Piazza Mostra con le automobili parcheggiate. Il fatto è che le soluzioni progettuali emerse dalla gara, a partire da quella vincente, non sembrano corrispondere, in molti casi e per molte ragioni, alla qualificazione della piazza e del sistema urbano di riferimento. Unanalisi attenta può aiutare a riflettere e a cercare una soluzione migliorativa. Dai dieci progetti selezionati emergono problemi strutturali e culturali. Non si può prescindere dal riconoscere che il contesto del Castello possiede una forma, una Gestalt , una struttura paesaggistica che si è assestata nel tempo e che non ha senso alterare. Essa è costituita essenzialmente dalla compresenza di luoghi diversi, dotati di specifici caratteri: la spoglia fascia di rispetto ai piedi delle mura, le due piazze adiacenti (della Mostra e Sanzio), la strada che connette, separa e raccorda i dislivelli.

Tranne piazza Sanzio, questi ambiti paesaggistici hanno ruoli urbani e valori simbolici ben definiti: lo spazio interdetto del potere politico-militare, dominato dal Castello e la piazza civile-commerciale, protetta dalla cortina edilizia della contrada todesca. Gran parte dei progetti non riconosce alcun valore a questo paesaggio urbano: smembramenti e commistioni lo distruggono senza contropartita, fino al paradosso di far scomparire la piazza che si vorrebbe riqualificare, privando gli edifici che lhanno generata di ogni plausibile rapporto con i suoi residui frammenti: una strada parcheggio dove non cè neppure lo spazio per un tavolino, un prato davanti allex-Questura e così via. Sembra essersi smarrito ogni rispetto per il valore storico e culturale dei luoghi e il concetto stesso di piazza, non riconoscendo più le relazioni con i fatti urbani e con le funzioni che la costituiscono come luogo pubblico. In questo scenario desolante, sintravedono tuttavia alcuni spiragli. Molti progetti, incluso il vincitore, hanno ipotizzato in accordo con i programmi del museo lingresso dalla porta di San Martino, che si trova a un passo dalle scuole. Ciò consentirebbe di evitare il pericoloso attraversamento pedonale di via Clesio e sarebbe loccasione per riqualificare una piazza (Sanzio) che oggi non appare degna né del Palazzo Trautmannsdorf, né delle scuole di Adalberto Libera. Eviterebbe inoltre di ridurre Piazza Mostra a anticamera del museo, sacrificandone forma e funzione.

Insomma: lesito di questo concorso non va preso come il momento conclusivo di un procedimento burocratico, ma come il punto di partenza per una riflessione, questa volta davvero pubblica, verso una sistemazione condivisibile del contesto del più importante monumento della regione.





news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news