LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Che cosè cultura, le librerie chiudono, i locali no
Davide Ferrario
Corriere della Sera - Torino 9/7/2018

Parafrasando il titolo di un celebre libro di Raymond Carver: Di cosa parliamo quando parliamo di cultura? Viene da chiederselo leggendo lindagine elaborata dalla Camera di Commercio sui consumi delle famiglie torinesi nel 2017, di cui si è occupato il Corriere qualche giorno fa. Dalla ricerca, in un generale clima di lieve miglioramento, si evince che sarebbero in aumento anche le spese per la cultura. Fantastico. Poi uno si guarda in giro e vede che chiudono i cinema e le librerie; che i musei salvo le solite note eccezioni se la passano male; che il Regio perde spettatori; che sono scomparsi grandi mostre e grandi eventi E non può non chiedersi: come è possibile? E forse il boom delle-commerce, per cui i locali chiudono ma la gente i libri e i film li compra su Amazon? Mica tanto, i consumatori via web sono solo il 39,3%. E allora? Cosa è vero: quello che vediamo o quello che dicono le cifre? O piuttosto quello che ci immaginiamo, una specie di post-verità? Una logica, però, esiste. Ed è fatta di numeri ma anche di ideologia. La ricerca, infatti, rubrica la cultura dentro una macrovoce definita Welfare che comprende salute, cultura, istruzione, tempo libero e assistenza. La voce nel suo insieme è in crescita, ma spulciando i singoli capitoli saltano fuori cose interessanti. Per esempio: si spende molto meno per la salute e cè da dubitare che sia perché i torinesi stanno tutti benissimo. Si spende qualcosa di più per listruzione, ma le famiglie che hanno effettivamente questa voce nel budget famigliare sono solo il 22,5% delle rispondenti.
E qui appare lo spettro delle due Torino appendiniane lontane, ahimè, dallessere ricomposte. Infine, cè la voce in crescita, come detto che più ci interessa: attività culturali, sportive e tempo libero. La ricerca nota anche: Importante anche la categoria altre voci del tempo libero, che rappresenta quasi il 40 per cento dellincremento.

Le cose cominciano a farsi più chiare e corrispondenti alla nostra percezione. Per dirla con unimmagine: le librerie chiudono ma i locali della movida sono pieni. Se mettiamo queste due categorie di tempo libero sotto ununica voce otteniamo lo stesso risultato della famosa storiella per cui se uno non mangia e laltro mangia un pollo, le statistiche ti dicono che i due hanno mangiato mezzo pollo a testa. E qui comincia la parte ideologica, che non si può imputare ai criteri della Camera di Commercio che, per sua natura, si occupa di consumi. La radice del problema sta nellambiguità alla base di certi paradigmi (condivisi da destra, sinistra, e M5S) che oggi sono considerati ovvii: tipo associare, come negli assessorati, cultura e turismo; o considerare la scuola solo in funzione del reperimento di un posto di lavoro. In realtà la cultura ha un valore in sé (e, mi viene da dire, è lunica cosa che insieme alla fede religiosa ti tiene in piedi anche nelle situazioni estreme), e come tale dovrebbe essere promossa. Ma da tempo questo principio di civiltà viene piegato a concetti utilitaristici, per i quali la cultura deve servire a qualcosa di materiale anche solo a vendere un chupito. Mi viene difficile pensare che la Torino dei Levi, Calvino, Einaudi si preoccupasse di incentivare il turismo o la vita notturna. Ora, non voglio passare per un quaresimalista. È pur vero che la cultura si nutre di scambi di idee e che questi avvengono in luoghi di socialità: quando nel 1764 Pietro Verri pubblicò la sua famosa rivista culturale la chiamo Il Caffè. Ma anche qui siamo messi male: per una ventina danni (forse anche di più), Torino è stata la città dei circoli, un modello di incontro che teneva insieme mondanità e occasioni culturali e artistiche. Lultima chiusura (Amantes la scorsa settimana) indica che quella stagione è finita. Certo, cè il nuovo modello virtuoso delle OGR, che mescola intrattenimento e cultura a livello metropolitano e internazionale. Ma fuori da lì (e da poco altro) non cè che il divertimentificio di una movida autoreferenziale, che finisce per essere considerata come un indizio di vita culturale. Da questo punto di vista, non cè differenza tra piazza Vittorio straripante di gente e la desolata malinconia di piazza Montale alle Vallette.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news