LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bergamo. Palazzo Visconti, il piano dei francesi
Pietro Tosca
Corriere della Sera - Bergamo 11/7/2018

Presto la firma da cento milioni di euro Il 22 luglio ultima visita, poi tre anni di lavori Saranno realizzate cento stanze tra affreschi, pavimenti in cotto e giardino con box interrati

Sarà il 22 luglio lultima occasione per ammirare palazzo Visconti prima della sua trasformazione, nella parte privata, in un resort di lusso. Dopo quella data, la grande residenza nobiliare dal 2007 nelle mani della famiglia Grossi attraverso la società Rea di Dalmine, chiuderà per tre anni di lavori: da una parte i restauri del palazzo vero e proprio, dallaltra gli interventi sulle pertinenze dove realizzare camere e servizi dellhotel a cinque stelle. Entro il 2018, è previsto invece il passaggio di mano a una cordata francese che investirà sulloperazione una cifra vicina ai 100 milioni di euro.

La presentazione della giornata straordinaria di apertura, avvenuta ieri in municipio, è stata loccasione per fare il punto sulloperazione. Insieme al sindaco Beatrice Bolandrini era presente la proprietà del palazzo rappresentata da Marco Sperandio, presidente della Rea e da Simona Grossi. Questultima ha confermato che il palazzo è ormai a un passo dalla cessione. Stanno proseguendo le trattative per arrivare alla vendita spiega Grossi . A tal fine è determinante il passaggio urbanistico da residenza privata a edificio per una destinazione turistico-alberghiera. Per questo stiamo predisponendo una serie di documenti tecnici e burocratici in collaborazione con gli uffici dellamministrazione comunale e arrivare in fondo a questo percorso.

Grossi pone la fine dellanno come termine per la vendita, ma la sensazione è che la firma arriverà molto prima. A fare intuire che la meta è vicina è limponente piano di lavori che sta per partire e per il quale sono già stati ordinati i materiali. Anche se nel futuro non saremo i diretti proprietari del palazzo per noi è molto importante riuscire a ridare vita al palazzo precisa Grossi . È un ambiente di inestimabile valore che rappresenta un patrimonio per le future generazioni. I lavori partiranno nellarco di pochi mesi, inizialmente con noi e poi con la nuova proprietà. Siamo al 30% dei restauri e ci vorranno tre anni per arrivare a girare la chiave e aprire lalbergo.

Grossi ammette che cerano più offerte ma si trincera dietro il riserbo in merito alla cordata francese. Volevamo verificare che condividessero la nostra idea per il futuro del palazzo precisa con la sua conservazione e il rispetto dei vincoli posti dalla Soprintendenza. Abbiamo definito al 99% la strada per andare a concludere laffare con un soggetto estremamente preparato ed estremamente professionale che si è innamorato del palazzo. Credo che darà vigore e forza a questo castello dandogli un nuovo ciclo di vita. Conosce il settore del turismo e agirà attraverso una società creata appositamente per questoperazione. Di sicuro il futuro di Palazzo Visconti passa da una proprietà straniera che gli darà nuova vita proprio perché straniera.

Il piano rimane quello dellalbergo di lusso diffuso, con il palazzo vero e proprio come sede di rappresentanza mentre camere e servizi saranno realizzati nelle pertinenze acquistate nel tempo intorno alledificio principale. Un progetto che già tre anni fa ricevette il via libera dalla Soprintendenza. Per Brignano dice il sindaco Bolandrini sarà una svolta e rappresenta un motore di sviluppo per tutto il paese. Il Comune giovedì ha approvato una variazione di bilancio inserendo una previsione di 2,04 milioni di euro di oneri che si aspetta dal cambio di destinazione urbanistica del palazzo. Dopo lestate invece arriverà in aula la convenzione.

A spiegare come prenderà forma il futuro del palazzo, Pietro Ferri della Ferri Nardi, lazienda edile di Brignano che ha seguito il restauro della parte comunale e seguirà anche i lavori nella parte privata. Nel palazzo vero e proprio ci sono 40 sale affrescate per circa 9 mila metri quadrati di dipinti racconta , la superficie calpestabile è di circa 3.500 metri quadrati, abbiamo già ordinato il cotto antico per rifare i pavimenti. Poi nel vecchio ristorante ci sono altri 1.300 metri quadrati. Quindi abbiamo le corti dellorologio e delle carrozze, che sono altri 3.500 metri quadrati, le ex scuderie e tutte le corti minori con i piani superiori, lex arsenale. In tutto penso si possa ricavare tra le 90 e le 100 stanze. Va contato anche il giardino di 6 mila metri quadrati e larea esterna a verde, sotto la quale verrà costruita lautorimessa interrata per 5 mila metri quadrati collegata con un tunnel già pronto.




news

18-07-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 18 luglio 2018

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

Archivio news