LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali: accordo Bce/Icbsa per censimento, tutela e valorizzazione risorse sonore e audiovisive ecclesiastiche
https://www.toscanaoggi.it/Cultura-Societa/Beni-culturali-accordo-Bce-Icbsa-per-censimento-tutela-e-

L'Istituto centrale per i beni sonori ed audiovisivi del ministero per i Beni e le attività culturali e il turismo (Icbsa) e l'Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l'edilizia di culto della Cei (Bce) hanno siglato un accordo per il censimento, la tutela e la valorizzazione delle risorse sonore e audiovisive, pubblicate e non pubblicate, conservate presso enti di proprietà ecclesiastica sul territorio italiano.

La condivisione di un tracciato di primo censimento delle risorse sonore e audiovisive, pubblicate e non pubblicate, conservate presso enti di proprietà ecclesiastica sul territorio italiano, e l'individuazione di possibili iniziative di sensibilizzazione e formazione specializzata. Sono i contenuti dell'accordo appena sottoscritto tra l'Istituto centrale per i beni sonori ed audiovisivi del ministero per i Beni e le attività culturali e il turismo (Icbsa) e l'Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l'edilizia di culto della Cei (Bce). A firmare l'accordo, presso l'Icbsa, il direttore dell'Ufficio Cei don Valerio Pennasso, e il direttore dell'Icsba Massimo Pistacchi.

Le due istituzioni, si legge nel testo dell'intesa, ritengono i beni sonori ed audiovisivi testimonianza di percorsi di storia, cultura e fede del territorio italiano e concordano pertanto sull'opportunità di individuare buone pratiche per la loro salvaguardia, conoscenza e valorizzazione. Allegato all'accordo è il tracciato di rilevamento dei dati, concordato da Bce ed Icbsa che si impegnano a individuare periodiche iniziative di sensibilizzazione circa la corretta conservazione e descrizione delle risorse sonore e audiovisive oltre che appuntamenti dedicati alla formazione di operatori impegnati in enti ecclesiastici per favorire la migliore conservazione, conoscenza e valorizzazione del patrimonio interessato. Il questionario sarà distribuito agli enti ecclesiastici e liberamente compilato dagli stessi.

Le risorse censite potranno arricchire la banca dati del Portale BeWeB - Beni ecclesiastici in web (beweb.chiesacattolica.it), garantendo l'integrazione dei beni sonori e audiovisivi con i beni di altra natura e il collegamento con gli istituti culturali di conservazione per favorirne la consultazione in situ, si legge ancora nell'accordo. Per condividere gli obiettivi della convenzione e favorire accordi territoriali, Bce e Icbsa convengono sull'opportunità di promuovere contatti con la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. L'accordo sarà pubblicato nei siti web delle due istituzioni.

La materia dell'accordo appena siglato è di interesse comune perché l'Istituto centrale per i beni sonori ed audiovisivi del Mibact (Icbsa) ha come sua finalità la salvaguardia, la conoscenza e la valorizzazione dei beni sonori e audiovisivi, nonché la formazione degli addetti alle relative banche dati. Così don Valerio Pennasso, direttore dell'Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l'edilizia di culto della Cei (Bce), illustra al Sir motivazioni e obiettivi dell'intesa appena firmata. L'Ufficio nazionale Cei - spiega il direttore - da sempre lavora anche in questi campi e tutti i sistemi di censimento a catalogazione tengono presenti anche queste categorie. Siamo arrivati a sottoscrivere l'accordo - prosegue - perché il territorio ci ha sollecitati affinché quanto avviene già a livello locale abbia una veste istituzionale, sia riconosciuto e abbia un suo peso e una sua forza nel proporsi come buone pratiche e non semplicemente come situazioni occasionali. Il tracciato di rilevamento stilato delinea in modo preciso le tipologie dei beni sonori ed audiovisivi, qualcosa che già appartiene alla prassi ma che viene concretizzato come un'attività anche di progetto vero e proprio e non soltanto occasionale.

I passi successivi saranno anzitutto un questionario per rilevare la situazione a livello nazionale: quali fondi; dove sono; quale la loro entità, costituzione e articolazione. Quindi - prosegue don Pennasso - la formazione per l'approccio e la conservazione di questi beni. Un conto è conservare un libro, materiale cartaceo; un conto è conservare materiali sonori o audiovisivi molto più deperibili e che vanno a interferire con supporti che ne garantiscano la riproduzione.

Per Francesca D'Agnelli, del medesimo Ufficio Cei, si tratta di risorse che testimoniano in modo pressoché esclusivo gli ultimi 60-70 anni della Chiesa e delle sue figure più eminenti e che inoltre rivelano quanto la Chiesa ha fatto per radio e televisione. Materiali che, conclude don Pennasso, confluiranno nel portale BeWeb integrandosi con le altre risorse architettoniche, artistiche e librarie già presenti.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news