LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dallalcol alla movida: Daspo urbano. Venezia e Mestre capitali dei divieti
Gloria Bertasi
Corriere del Veneto 13/7/2018

Via al nuovo regolamento, regole ferree per il decoro. Limiti anche alle manifestazioni

VENEZIA. Lo annuncia da quando si è insediato: Introdurremo pene esemplari per chi non rispetta la città. E ora la promessa del sindaco Luigi Brugnaro è diventata una delibera approvata ieri dalla giunta.

Nel riscrivere il Regolamento di polizia e sicurezza urbana, lamministrazione introduce il Daspo, il foglio di via da Venezia, per chi ha comportamenti cafoni e illeciti: il tuffo in canale, il pediluvio nel rio, laddio al celibato troppo chiassoso, ma anche il panino mangiato seduti sui gradini del ponte o ancora peggio il riso freddo portato da casa nel contenitore di plastica.

Ieri, la giunta ha approvato il Regolamento, che dovrà essere studiato in commissione e approvato dal consiglio comunale: non appena arriverà il via libera, Venezia si trasformerà nella città dei divieti e dei fogli di via. Da anni, i veneziani protestano contro i comportamenti cafoni di alcuni turisti e chiedono il pugno di ferro, adesso le loro richieste ottengono risposta. Il lungo elenco delle cose bandite però riguarda anche i residenti e abitudini consolidate come il tour tra bacari (quando diventano troppo allegri)o la passeggiata, birra in mano, tra campi e calli non si potranno più fare. Nel porre freno agli addii al celibato e alle lauree moleste, tra le 19 e le 8, il Comune inserisce un generico divieto a scorribande di due o più persone tra pubblico esercizio e pubblico esercizio, finalizzate al non responsabile festeggiamento. Spesso, chi si sposta tra un bacaro e un altro diventa rumoroso, complice lalcol, e quindi sanzionabile (50 euro la multa). Inoltre ogni sera scatterà il coprifuoco nella vendita di alcolici. Gli artigiani come panifici, pizzerie dasporto, gelaterie e pasticcerie dalle 19.30 non potranno più vendere alcolici, nemmeno sigillati (fino allora x possono, senza stappare le bottiglie). E sarà bandito anche il consumo di sostanze alcoliche fuori da bar e plateatici. Tutti dovranno avere bicchieri di plastica con il logo del locale, per essere riconoscibili se qualcuno li lascia in giro. Vietato girare per la città, sia Mestre che Venezia, con un alcolico in mano da consumare. Una novità riguarda anche il divieto di sedersi per terra, sui ponti, sdraiarsi sulle panchine: è esteso anche alle isole,al centro di Mestre, nella città giardino a Marghera, in piazza San Giorgio a Chirignago, in piazza Pastrello a Favaro. In piazza Ferretto, come in piazza San Marco, è introdotto il divieto di suonare strumenti musicali e di ballare.

Altro capitolo, i ristoranti e bar non potranno più avere ibutta dentro e, in generale, nessuno - gondolieri compresi - potrà chiamare i clienti dalla strada. Chi sgarra più di una volta in tre anni rischia di dover chiudere per qualche giorno lattività. A tutela del decoro urbano, sarà anche vietata lesposizione di menù con foto dei piatti proposti dal locale, moda che sta dilagando anche a Venezia. E introdotto anche il divieto per i chioschi di avere il plateatico mentre i locali non potranno più usare barche o galleggianti per i clienti.

Per la movida non è finita qui. Se in una zona della città si crea un certo disagio, con i residenti che protestano perché non riescono a riposare per la presenza della movida sotto le loro finestre, il Comune può far ridurre il plateatico, vietare la musica dentro e fuori il locale. E la norma che permette di intervenire anche in situazioni come quella della zona di via Piave.

Nelle 72 pagine e 84 articoli di Regolamento è affrontato proprio tutto, dalla pulizia delle strade (i locali sono obbligati a farla davanti), ai giochi allaperto, alla biancheria da stendere. Un intero articolo è dedicato al divieto di intralciare sulla pubblica via gli accessi a ferrovie, aeroporto, chiese, scuole, piazze, parchi monumenti: sono le regole del decreto Minniti sulle manifestazioni ma anche quelle che dovrebbero limitare la libertà di movimento di abusivi come i portabagagli.

Venditori abusivi, artisti di strada, finte dame veneziane rientrano nel Daspo. Un ampio capitolo è dedicato al numero di persone che possono vivere nelle case, un altro alla necessità di mettere in sicurezza gli immobili vuoti contro il rischio che diventino dimora di sbandati.




news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news