LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Archeologia, mistero a Ponte Milvio
Natalia Distefano
Corriere della Sera - Roma 14/7/2018

Lultima scoperta I resti risalgono a un periodo tra il I e il IV secolo d.C. : lipotesi di una chiesa cristiana. I dubbi dellesperto
Emerse rovine sotto la pista ciclabile, sulla riva del Tevere: marmi pregiati e antiche sepolture

Lultima tra le storie capitoline dinaspettata archeologia urbana è stata presentata ieri a bordo Tevere dalla Soprintendenza Speciale di Roma Archeologia Belle Arti e Paesaggio. Si tratta di un complesso che presenta una stratigrafia compresa tra il I secolo e il IV secolo dopo Cristo, rinvenuto nei pressi di ponte Milvio lungo via Capoprati. In questarea non ci aspettavamo affatto di trovare un altro prezioso tassello del passato archeologico di Roma, commenta il soprintendente Francesco Prosperetti.

Gli scavi per la posa di un cavo elettrico da parte dellAcea portano alla luce i resti del I-IV secolo d.C. sulla sponda del Tevere, sotto al tracciato della pista ciclabile

Un altro cantiere Acea che si trasforma in scavo archeologico. Ancora una traccia a terra per la posa di un cavo elettrico, poi un piccolo solco pochi metri sotto il livello stradale ed ecco che allimprovviso davanti agli occhi di operai e archeologi riaffiora il passato. Quasi intatto, incredibilmente custodito dal terreno a dispetto dei secoli. Spesso anche dei millenni.

Lultima tra le storie capitoline dinaspettata archeologia urbana è stata presentata ieri a bordo Tevere dalla Soprintendenza Speciale di Roma Archeologia Belle Arti e Paesaggio. Si tratta di un complesso - quattro ambienti rifiniti con marmi pregiati e unarea sepolcrale con tombe di tipo a cupa, alla cappuccina e ad anfore africane che presenta una stratigrafia compresa tra il I secolo e il IV secolo dopo Cristo, rinvenuto nei pressi di ponte Milvio lungo via Capoprati.

Una stradina senza glorie particolari, conosciuta dagli amanti delle due ruote per la sua pista ciclabile che corre parallela al fiume verso lo stadio Olimpico. E nota agli appassionati di antiquariato per uno storico mercatino domenicale. In questarea non ci aspettavamo affatto di trovare un altro prezioso tassello del passato archeologico di Roma commenta il soprintendente Francesco Prosperetti e invece questa scoperta, unita ai sarcofagi recuperati un anno fa allaltezza della curva Nord dellOlimpico, ci costringe a ridisegnarne la topografia. Anche allora il ritrovamento avvenne allinterno di un cantiere Acea, come pure nel caso recente della Tomba dellAtleta a Case Rosse. Le vie dei cavi di servizio dice Prosperetti si stanno rivelando autostrade verso unantichità in molti casi sconosciuta. Stavolta addirittura enigmatica.

Il complesso di ponte Milvio, infatti, non è di facile interpretazione. Mentre negli strati inferiori (quelli del I secolo) si riconoscono con certezza le tracce di costruzioni di età Imperiale dedicate ad attività commerciali legate al fiume, gli ambienti del IV secolo sono più sibillini. Allinizio, nove mesi fa, quando trovammo le prime lussuosissime decorazioni marmoree, si pensò a una domus - spiega il direttore scientifico dello scavo, Marina Piranomonte forse la villa suburbana di una ricca famiglia. Con linverno i lavori sono stati sospesi per non esporre i reperti al rischio esondazioni e quando abbiamo ripreso le ricerche, qualche settimana fa, ci siamo imbattuti in tre tombe poco compatibili con unabitazione privata, di cui è stato possibile aprirne soltanto una. Così ha preso piede lipotesi di un luogo di culto cristiano, con annessi mausolei. Plausibile visto lo stile tondeggiante delle decorazioni, di rottura rispetto ai canoni imperiali, e soprattutto alla luce dellEditto di Costantino che nel 313 riconobbe la libertà di culto ai cristiani. Ma purtroppo non ci sono elementi inequivocabili per identificarlo come chiesa.

Un enigma archeologico che potrebbe rimanere irrisolto. Perché per saperne di più bisognerebbe continuare a scavare, ma il sito si trova in una posizione che la Soprintendenza definisce critica e va richiuso il prima possibile. Da un lato ci sono le sponde del Tevere con gli annessi pericoli di frane e inondazioni - fa notare il soprintendente mentre dallaltro cè una delle principali arterie della circolazione in città, sotto cui si estende il resto della struttura solo parzialmente rinvenuta. Per ora è impossibile ampliare le dimensioni dello scavo, a meno che non si fermi la viabilità su questo tratto di lungotevere. Se vogliamo proteggerla non possiamo che interrarla di nuovo, con ogni accortezza e al più presto.

Gli studi proseguiranno dunque in laboratorio con le analisi sui materiali di scavo e le ricerche sulle fonti darchivio, intanto ancora per qualche settimana lenigma di via Capoprati resterà a portata di curiosi. Proprio lì, in bella vista sulla pista ciclabile, meglio di qualsiasi mercatino dantiquariato.




news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news