LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei. Scavi tra passato e futuro: antiche tombe e arte contemporanea
Gimmo Cuomo
Corriere del Mezzogiorno - Campania 14/7/2018

Scoperti monumenti funebri, mostra di Catrin Huber nel Criptoportico

POMPEI. La città antica non è morta ma continua a vivere, sospesa tra passato e futuro. Emblematica la giornata di ieri. Di buon mattino il direttore del parco archeologico Massimo Osanna ha accompagnato i convegnisti arrivati a Pompei per una giornata di studi in memoria dellarcheologo Enzo Lippolis nellarea di porta Stabia dove per la prima volta è stato possibile ammirare due monumenti funerari del primo secolo dopo Cristo, restaurati di recente con fondi ordinari.

Larea è adiacente a quella in cui un anno fa è venuta alla luce la tomba monumentale di Gnaeus Alleius Nigidius che, grazie a uniscrizione, ha peraltro consentito di formulare nuove ipotesi sul numero degli abitanti della città antica: sarebbero stati più o meno trentamila. Poche ore più tardi lo stesso Osanna e il direttore del Grande progetto Mauro Cipolletta hanno tenuto a battesimo la mostra Expanded Interiors dellartista tedesca Catrin Huber, allestita allinterno della casa del Criptoportico: i grandi e coloratissimi pannelli di alluminio esposti sulle pareti dei corridoi e in un ambiente termale della domus, rappresentano una sorta di proiezione verso gli anni a venire. Sono liberamente ispirati ai dipinti di epoca romana, parzialmente distrutti dalla furia della natura, ma anche dalla violenza delluomo. La casa fu infatti investita anche da un bombardamento durante la Seconda guerra mondiale.

Ma procediamo per ordine. I due monumenti funerari di porta Stabia, restaurati sotto la direzione dellarcheologa Luana Toniolo, saranno presto restituiti alla pubblica fruizione, grazie a ulteriori lavori che realizzeranno anche il collegamento con la tomba di Nigidius. La tomba B, di forma triangolare è costituita da due blocchi parallelepipedi di calcare bianco. Linterno presenta tre nicchie su altrettanti lati, mentre sul quarto si accede alla camera. Cinque delle nove urne fittili non sono state svuotate nel corso delle campagne di scavo ottocentesche: in queste hanno restituto le ceneri dei defunti, mentre altre hanno permesso di recuperare i resti dellustrinum , vale a dire il rogo funebre. Grazie a questi ritrovamenti - ha spiegato Osanna - possiamo contare su dati straordinari che ci permettono di ricostruire in dettaglio come si svolgevano i riti funebri. Laltra struttura, denominata convenzionalmente tomba A, è di forma quadrata. Allinterno della camera sepolcrale vi sono delle nicchie ricavate sui tre lati del muro laterizio. Laccesso alla tomba è situato sul lato meridionale ed è chiuso da una porta in calcare, ritrovata chiusa al momento dello scavo: è stata aperta per i lavori di restauro e ha dimostrato il perfetto funzionamento dellopera romana a distanza di duemila di distanza. Sulla porta uniscrizione latina così tradotta: Iarinus saluta Expectato, amico per sempre; saluti ad Habito. Sopra questultimo nome qualche passante disegnò un fallo. A quellepoca le necropoli erano ubicate in corrispondenza delle porte principali e delle principali vie di comunicazione. Osanna non ha escluso che nellarea adiacente, possa nascondere una grande villa, simile a quella dei Misteri.

Dalla morte alla vita. Al vernissage della mostra di arte contemporanea Osanna ha voluto ribadire il rapporto osmotico tra larcheologia e la contemporaneità. Fin dai primi scavi del 1748 Pompei ed Ercolano sono state inesauribili fonti di ispirazione per artisti, letterati, architetti. E hanno finito per impregnare lintera cultura europea. Allo stesso modo, le opere contemporanee che ospitiamo oggi non rappresentano una contrapposizione verso lantico, ma aiutano a riflettere e a ripensarlo. Mi piace che venga restituta dignità alle pareti alle quali il tempo ha tolto qualcosa. Decisamente emozionata, Catrin Huber ha esposto il suo intento di stabilire un dialogo tra antico e moderno, esplorando allo stesso tempo ciò che la pittura contemporanea e pratica artistica specifica nel sito possono imparare dal lavoro spesso incredibilmente complesso e sofisticato dei pittori romani. Il direttore del Madre di Napoli, Andrea Viliani , ha definito liniziativa un segno delleterno sforzo di ricostruzione di Pompei e auspicato, con un raffinato ossimoro, lavvento di unarcheologia del futuro e non del passato. Le installazioni resteranno nella casa del Criptoportico fino al 15 gennaio 2019.




news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news