LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, lOpificio che fa rivivere le opere darte di tutto il mondo che lotta per lesistenza per lorganico quasi a metà
Marco Ferri
Il Fatto Quotidiano 15/7/2018

Una trentina di nuovi restauratori hanno vinto un concorso ma ancora non arrivano. Lorganico è grande il 60 per cento di quello che dovrebbe essere. Interi settori come quello dei tessuti o degli arazzi, sono completamente fermi. LOpificio delle Pietre Dure di Firenze è il posto in cui le opere darte riprendono vita. Per tutti (addetti ai lavori e non) si tratta di uneccellenza che non ha pari al mondo, per competenze acquisite e per risultati ottenuti. Qui ci si è presi cura di migliaia di opere darte, buona parte dei quali veri e propri picchi deccellenza dellarte occidentale come lAdorazione dei Magi di Leonardo da Vinci, la Madonna del cardellino e il Leone X di Raffaello, il Compianto sul Cristo morto di Sandro Botticelli, la Porta del Paradiso di Ghiberti, i principali Crocifissi lignei dipinti di Giotto, il Crocifisso di Donatello della Basilica di Santa Croce, il Tabernacolo dei Linaioli di Beato Angelico, tanto per citare alcuni dei più recenti restauri. Eppure lOpificio continua a combattere per la propria esistenza.

LOpificio delle Pietre Dure di Firenze, nella versione moderna, ha la stessa età del ministero per i Beni culturali. Nacquero entrambi nel 1975, il primo grazie allo storico dellarte Umberto Baldini che unì lantico Opificio di fondazione medicea (1588) e i laboratori restauro della Soprintendenza; il secondo grazie a un giornalista, Giovanni Spadolini, che ebbe lintuizione di staccare le questioni della tutela del patrimonio culturale dalle competenze del ministero della Pubblica Istruzione. Ma mentre il ministero, nel tempo, ha accresciuto il suo peso nellesecutivo e il suo raggio dazione, in quasi 45 anni di storia si è comportato più come una cattiva matrigna che di una madre attenta e premurosa. Come quando nel settembre del 2006 lallora segretario generale del ministero, Giuseppe Proietti, tentò di accorpare allIstituto Centrale del Restauro di Roma tutti gli altri istituti di restauro italiani afferenti al ministero, compreso lOpificio delle Pietre Dure, che nel progetto poi naufragato grazie a una sorta di sollevazione politica e amministrativa della Toscana, doveva diventare niente più di una succursale di quello romano. Perché quella sorta di concorrenza tra Roma e Firenze in fatto di restauri nasce proprio nel momento in cui listituto fiorentino assume il profilo moderno e purtroppo si ripresenta con preoccupante puntualità.

Ma questo non è lunico, né il peggiore dei problemi. Grazie al recente concorso e alla graduatoria dei restauratori che finalmente sarà stilata a livello nazionale dice Marco Ciatti, direttore dellOpificio delle Pietre Dure il ministero mi ha promesso 29 nuovi restauratori. Il concorso è stato fatto, adesso servono le nomine perché ne abbiamo un urgente bisogno. La necessità cui fa riferimento Ciatti è soprattutto quella di tornare a coprire dei settori di restauro rimasti scoperti, in qualche caso ormai da troppo tempo: Abbiamo carenze in tutti settori aggiunge , ma alcuni sono completamente fermi, come quello dei tessuti, degli arazzi, delle terrecotte; senza contare quello del commesso fiorentino (tecnica decorativa che riprendeva lantica arte decorativa dellopus sectile, nda) che è ormai immobile da anni.

Ma a conti fatti, quali sono i numeri salienti? È presto detto dice Ciatti -: lorganico ideale delle tre sedi dellOpificio delle Pietre Dure di Firenze, che è un Istituto centrale dipendente dalla Direzione generale educazione e ricerca del Mibact, sarebbe di 138 unità. Quello reale, in questo momento, è di 87 persone. Quindi, anche quando mi arriveranno le nuove 29 unità, avrò comunque una carenza dorganico di 22 persone, cioè il 16 percento del totale.

In concomitanza con il 40esimo anniversario della nascita dellOpificio moderno nel 2015 fu organizzato un convegno-appello per la sopravvivenza dellistituto. Molte forze politiche si schierarono a fianco dellOpificio che ottenne più attenzione da parte del ministero e dei privati, e anche più soldi. Addirittura lUniversità di Firenze propose un accordo di collaborazione per lapertura di corsi di laurea e, per la prima volta in Italia, dottorati di ricerca in conservazione e restauro.

Perfino lEnte Cassa di Risparmio di Firenze, listituto che più di ogni altro in città sostiene progetti culturali ad ampio raggio, nel 2017 ha pagato 7 persone (per un anno) che hanno lavorato per lOpificio e intanto studiava il varo di una fondazione ad hoc che gestisse un sostegno economico più duraturo allOpificio. Anche se i vertici dellEnte Cassa preferiscono non rispondere, pare che questultima operazione, arrivata a un passo dalla realizzazione, sia destinata a non concretizzarsi per problemi proprio di natura giuridica, per cui tra il 2018 e il 2019 lOpificio potrà nuovamente contare sul sostegno dellEnte, ma solo per ottenere ancora sette persone da impiegare in varie mansioni. Niente di più.
Come si capisce, il grande assente a fianco dellOpificio è proprio la madre-matrigna da cui dipende cioè il ministero il cui bilancio tra laltro in pochi anni è passato da 1,3 miliardi di euro a oltre 2; ma nonostante ciò lOpificio continua ad annaspare per problemi di natura certo non emergenziale, bensì cronici. Come se lOpificio in tutti questi anni non avesse rappresentato uneccellenza della conservazione e restauro in ogni campo dei beni culturali, non fosse stato in prima linea durante le tante emergenze seguite alle calamità naturali, nei siti archeologici delle zone di guerra o in numerosissime consulenze a livello planetario

E nel futuro potrebbe andare anche peggio: grazie alle leggi sul lavoro dei precedenti governi, dal 2019 lOpificio si troverà in grande difficoltà per dare in appalto a dei professionisti quegli interventi che non riesce a eseguire: Le ho provate tutte chiosa Ciatti -, ma senza ottenere soluzioni definite: in pratica alla pars destruens finora non ha corrisposto una necessaria pars costruens. Allora mi sono rivolto a un avvocato, che alla fine ha candidamente ammesso che qualsiasi strada venga intrapresa, secondo lui non è scevra da possibili impugnazioni. Per cui aspetto istruzioni. Soprattutto per continuare a lavorare.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/07/15/firenze-lopificio-che-fa-rivivere-le-opere-darte-di-tutto-il-mondo-che-lotta-per-lesistenza-per-lorganico-quasi-a-meta/4480565/


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news