LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Dehors leggeri, arrivano sconti e autocertificazione
Giulia Ricci
Corriere della Sera - Torino 15/7/2018

Ristoranti e bar pagheranno il 20% in meno
Il Comune: il testo prima alla Soprintendenza

Dehors stagionali meno cari e con una burocrazia più snella. È la novità che verrà introdotta con la riforma del regolamento comunale a cui gli uffici di Palazzo Civico lavorano da mesi, e a breve vedrà la luce. Obiettivo: risolvere una questione che ha portato più di una volta allo scontro con i gestori di bar e ristoranti. Riusciremo a vedere le nuove regole sotto lalbero di Natale? è la domanda posta con uninterpellanza dal capogruppo del Pd, Stefano Lo Russo, allassessore al Commercio, Alberto Sacco. La risposta: La prossima settimana consegneremo il testo definitivo alla Soprintendenza promette la direttrice comunale Paolo Virano . E poi lo porteremo in Sala Rossa.

Il nuovo regolamento prevede soltanto due tipi di strutture, contro i tre attuali: i padiglioni e i dehors stagionali. E per chi sceglierà i secondi, con i classici arredi esterni leggeri formati da ombrelloni, sedie e tavolini, ci saranno maggiori agevolazioni: Su questa tipologia ci sarà una riduzione della tassa sul suolo pubblico del 20 per cento chiarisce Virano , ma anche una semplificazione delle pratiche: ai locali che sceglieranno il dehors leggero basterà presentare unautocertificazione, così che i tempi di attesa si ridurranno drasticamente.

Il coefficiente per calcolare il canone sarà invece di 1,88 per la seconda tipologia, i padiglioni: Anche per questa categoria ci sono due importanti novità sottolinea Virano , da una parte un allegato specifico al regolamento che specifica le caratteristiche qualitative della struttura, diverse in base alle zone, in modo che ci sia maggior chiarezza. Dallaltra linserimento di nuove aree cittadine dove i locali potranno mettere i padiglioni; aree dove prima non era possibile, come piazza Solferino e largo IV Marzo.

Per tutto il 2017 e la scorsa primavera proprio i dehors dei bar e dei ristoranti di queste due piazze centrali furono bersaglio di sanzioni e avvisi di sequestro, anche per colpa di quella terza fattispecie ambigua prevista nel vecchio regolamento che prevede strutture aperte per un terzo della loro superficie; inutilizzabili di fatto nel periodo invernale, ma pagate dai locali per tutto lanno. Questa tipologia conclude Virano nel nuovo regolamento non ci sarà, mentre la commissione che valuterà le strutture sarà di soli tecnici.

Un cambio di passo, quindi, anche se i commercianti che aspettano il documento da mesi temono nuovi paletti della Soprintendenza, e i ritardi conseguenti. Ma lassessore Sacco è ottimista: Comprendo le loro perplessità ha dichiarato , ma cambiare un regolamento così vecchio non è stato facile. Ha richiesto un grande lavoro di concertazione fra tre uffici diversi: Commercio, Tributi e Arredo Urbano. Le modifiche permetteranno di avere una normativa molto più snella, elastica, con regole dettagliate che garantiranno la qualità dei dehors, strutture importanti anche per limpatto estetico delle strade e delle piazze cittadine.




news

21-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news