LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Salvate larte sorta dal terremoto. Appello per le opere nella Reggia di Caserta
Vincenzo Trione
Corriere della Sera 16/7/2018

Il caso Dopo il sisma del 1980, nomi come Warhol, Kiefer, Boltanski reinterpretarono la tragedia. Ma la collezione fu dimenticata

Quasi uninvocazione. Fate presto: così titolava Il Mattino sulla prima pagina del 24 novembre 1980, allindomani del terremoto che sconvolse Napoli e la Campania. Questo appello disperato fu ripreso da Warhol nelle due serigrafie che dedicò a quella tragedia, momento decisivo di Terrae Motus, la più ampia raccolta darte contemporanea a tema a livello internazionale, ideata con passione, costruita con ostinazione, difesa con coraggio dal gallerista Lucio Amelio. Il quale, dal 1980 al 1994, invitò alcuni tra i maggiori artisti del secondo Novecento a reinterpretare e a riscrivere quellapocalisse, nella convinzione che lopera darte è come una bomba a scoppio ritardato da appendere al muro. Tra gli altri, Beyus, Rauschenberg, Twombly, Long, Haring, Craig, Pistoletto, Long, Barceló, Vedova, Kiefer, Kounellis, Richter, Boltanski, Schnabel, Schifano, Fabro, Paolini, Ontani, Paladino, Tatafiore, Longobardi e Warhol, appunto.

Nacque così una collezione unica. Indivisibile. Come un immenso mosaico nel quale ogni tessera è autonoma e, insieme, è collegata alle altre tessere. O come un polittico che riesce a farsi implicito autoritratto del suo visionario promotore, testimonianza della vocazione civile sottesa al lavoro di molti artisti del nostro tempo, infine racconto di significativi momenti e passaggi dellarte del secondo Novecento.

In maniera parziale, questa raccolta di circa 70 opere fu presentata in diverse occasioni: 1984, Ercolano, Villa Campolieto; 1986, Napoli, Villa Pignatelli; 1987, Parigi, Grand Palais. Infine, nel 1992, per reagire alla colpevole indifferenza di larga parte della classe politica partenopea dellepoca, Amelio decise di affidare alla Reggia di Caserta questo opus magnun. Dopo la sua morte (nel 1994), iniziò una fase di degrado, di dimenticanza e di abbandono, interrotta da qualche episodico ritorno di interesse. Come quando giugno del 2016 il direttore della Reggia Mauro Felicori ha deciso di esporre finalmente nel suo insieme Terrae Motus. Era ora, si sono detti in tanti.

Invece? Il metodo adottato ha rivelato subito la debolezza delloperazione. Felicori non si è fatto affiancare da un comitato scientifico composto dagli eredi del grande gallerista, dai critici e dagli artisti a lui più vicini. E non ha neanche nominato un autorevole curatore-storico dellarte, che avrebbe potuto interrogarsi di nuovo in una prospettiva originale sul valore di quel patrimonio, suggerendo originali sentieri interpretativi. Inoltre, ha deciso di non coinvolgere un team di restauratori, per intervenire su alcune opere. Al contrario, egli ha scelto di organizzare una mostra in maniera frettolosa e sciatta. Mostrandosi in linea con la filosofia propria della riforma-Franceschini, attenta soprattutto alla valorizzazione e al culto degli eventi e non sempre sensibile alle questioni della tutela.

Il risultato? Memorabile (in senso negativo). Venendo meno al legato testamentario di Amelio, Felicori ha spostato le opere di Terrae Motus dagli appartamenti reali agli inadeguati ambienti occupati fino a poco prima dallareonautica e dalla scuola della pubblica amministrazione: è come se avesse voluto nasconderle in un retrobottega, difficile da raggiungere, con una segnaletica insufficiente. Un contesto da pro loco. Stanze non troppo diverse da certi tinelli degli anni Settanta. Come un cantiere aperto. Tele sistemate su impalcature simili a pallet, accostate le une alle altre. Installazioni abbandonate a terra. Molte opere esposte in pessimo stato di conservazione. Finanche didascalie corrette a mano. Illuminazione da ristorante di provincia. Nessun criterio critico-curatoriale seguito. Nessun mediatore culturale disposto a dare qualche informazione al malcapitato visitatore. E ancora: quasi inesistente il personale addetto alla sicurezza. Nessun impianto di videosorveglianza. Come si è appreso lo scorso 9 giugno, quando sono state trafugate parti dellinstallazione Ex voto di Boltanski, in cui sono rappresentate un uomo, una donna, un cuore, una gamba, una mano e una testa di uomo. Uno sfregio? Un atto vandalico? Forse, linevitabile esito di unincuria inaccettabile.

Mai visto niente di simile. Un capolavoro del brutto. Siamo alle vette del dilettantismo. Uno spettacolo indescrivibile. Che non sarebbe tollerato in qualsiasi Paese normale. Un autentico disastro, che sembra confermare la congiura di cui da sempre è vittima Terrae Motus: esiliata a Caserta, dopo essere stata a lungo osteggiata a Napoli, una città con un grande cuore, ma senza testa, un bateau ivre alla deriva (come disse Amelio in una delle sue ultime interviste).

Intanto, qualche giorno fa, per replicare alle critiche, Felicori ha annunciato progetti futuri tanto ambiziosi quanto generici, parlando del riallestimento definitivo di Terrae Motus previsto nel 2019, da affidare con un certo provincialismo a qualche archistar internazionale. Ma ha evitato di indicare il nome del curatore che seguirà questa risistemazione. Nel frattempo, dove sarà collocata la collezione? Ritornerà nelle sale storiche? Andrà in tour nel mondo (con ulteriori rischi per lintegrità delle opere)?

Siamo dinanzi allennesimo capitolo della storia dei mali culturali italiani. Che riguarda adesso, però, non larcheologia ma larte contemporanea. Ed esige impegno, rispetto, serietà. Gesti concreti. Come è accaduto per Pompei negli ultimi anni. Perciò: fate presto. È linvito che giunge ora dagli eredi di Amelio, dai suoi amici critici e artisti, le cui voci sono state raccolte in unampia inchiesta del Corriere del Mezzogiorno pubblicata da qualche settimana. Ed è un invito rivolto innanzitutto al ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli. Che è chiamato a intervenire subito. Egli potrà imporre il ritorno delle opere negli appartamenti reali, pretendendo da Felicori unadeguata campagna di conservazione e di promozione di questo patrimonio. Oppure, potrà sottrarre Terrae Motus ad amministratori forse (?) privi della sensibilità e della cultura necessarie per coglierne la straordinarietà, riportandola in quella che è e resta la sua casa naturale. Napoli (in una sede museale storica da individuare). Perché quella collezione ha anche il valore di un indiretto ritratto delle infinite contraddizioni di questa città involontaria, da secoli segretamente terremotata. Inferno abitato da angeli. Che, come scrisse Anna Maria Ortese, sa farsi testimone in un mondo crudele, di giorno in giorno più oscuro, (...) di quella meraviglia che si chiama Poesia. Dunque, fate presto. Ministro, salvi Terrae Motus. Prima che sia troppo tardi.




news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news