LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bresciano. Il consumo di suolo rallenta ma sono spariti altri 78 ettari
Pietro Gorlani
Corriere della Sera - Brescia 18/7/2018

Nel 2017 cemento su unarea pari a Lumezzane, Palazzolo e Rovato

Prosegue il lento e inesorabile consumo di suolo in provincia di Brescia. Anche se a ritmi dieci volte inferiori rispetto allabbuffata cementizia del 1999-2007. Lo scorso anno in tutti i 205 comuni della nostra provincia (che, giusto ricordarlo, è la più estesa in Lombardia con 478.600 ettari) sono stati coperti dal cemento 78,4 ettari, pari alla superficie territoriale (campi e fossi compresi) di Palazzolo sullOglio, Rovato e Lumezzane messi insieme. È quanto emerge dallultimo rapporto Ispra, presentato ieri a Roma.

Il triste record lombardo nella cementificazione di suolo nel 2017 spetta alla provincia di Milano, che ha visto sparire 121 ettari di zolle, seguita dalla provincia di Pavia (99,2 ettari) e da quella di Bergamo (78,8 ettari). Brescia per un soffio si classifica in quarta posizione (78,4 ettari), davanti a Mantova (69,7), Monza-Brianza (35,2), Lodi (28,4), Varese (27,4), Cremona (24,5), Como (18,1), Sondrio (16,9) e Lecco (6). Ma fa comunque impressione vedere il numero assoluto di territorio cementificato in termini assoluti: qui Brescia è prima con 55.139 ettari spariti nei decenni scorsi e supera di quasi 5 mila ettari Milano (50.384). I dati di Brescia non sono eclatanti rispetto al suo passato e alloggi di altre province italiane spiega Damiano Di Simine, coordinatore scientifico di Legambiente Lombardia . Ricordiamoci che 78 ettari corrispondono alla superficie di un maxi polo logistico aperto ad esempio nel Piacentino. Vero. Leggendo lilluminante documento Levoluzione delluso del suolo dal 1999 al 2012 (Masini et. Al. 2014), reperibile anche in rete, si scopre che dal 1999 al 2007, lanno prima della grande crisi, in provincia di Brescia sono stati consumati 840 ettari di suolo libero lanno. Labbuffata cementizia si dimezza con la crisi ma resta comunque alta fino al 2012: se ne sono andati 2.144 ettari di suolo in 5 anni (ovvero 428 ettari allanno).

Negli ultimi anni si sta quindi registrando una netta versione di tendenza. Alla base ci sono diversi fattori: il surplus di offerte immobiliari, con 55mila abitazioni vuote nellintera provincia (di cui circa 5500 sono nel capoluogo). Non solo. Dopo la realizzazione della Brebemi non ci sono state altre grandi opere che hanno pesato sullindice del consumo di suolo. E nel frattempo sono cambiate anche le norme: la legge regionale 31 del 2014 (voluta dallallora assessore al Territorio Viviana Beccalossi) anche se è stata giudicata troppo timida dagli ambientalisti è stata pensata per tutelare il consumo di suolo agricolo, incentivando di più la rigenerazione di aree dismesse (esempio illuminante è il recupero degli 82 ettari dellex acciaieria Stefana ad Ospitaletto da parte di Esselunga).

Legambiente però ricorda che Lombardia e Veneto restano le regioni italiane in cui si consuma più suolo nel Paese, ed è nella macroregione del Nord, includendo anche Piemonte ed Emilia Romagna, che si perde oltre la metà del territorio agricolo nazionale, per trasformarlo in nuove urbanizzazioni e infrastrutture. Se a livello nazionale chiude Di Simine siamo ancora in presenza dellonda lunga della crisi immobiliare, con ritmi di consumo di suolo 4 volte più bassi rispetto a quelli misurati nel periodo pre-crisi, nel Nord del Paese i segnali sono meno confortanti. In mancanza di strumenti e norme di chiaro indirizzo degli investimenti del settore delle costruzioni, rischiamo di assistere ad una ripresa della bolla di espansione delle periferie, proprio a partire dalle regioni che più beneficiano della ripresa economica.




news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news